Crea sito

Pasticciata fanese, arrosto tipico

La pasticciata Fanese, un arrosto della mia infanzia

La pasticciata è un tipico arrosto della provincia di Pesaro e Urbino, piuttosto semplice da preparare, rappresenta uno dei sapori tradizionali della cucina della domenica e delle feste. Normalmente il pranzo della domenica, cucinato in famiglia o gustato nei ristoranti di cucina locale, è costituito dai classici cappelletti in brodo (o passatelli) come primo e dalla pasticciata con contorni vari, come gli spinaci al burro o l’erba di campo ripassata in padella, come secondo piatto. Insieme alla pasticciata di solito vengono serviti anche atri secondi di carne, come il coniglio in porchetta o in potacchio, l’arrosto d’agnello o la carne mista alla brace. Un curioso proverbio fanese tuttora utilizzato, “Dar el culor ma la pasticciata”, ovvero “Dare il colore alla pasticciata”, sta a significare un’azione atta ad infiocchettare una notizia o a esaltare una virtù di qualcosa o qualcuno presentandoli migliori di quello che in realtà sono.

INGREDIENTI per 4-6 persone

  • Arrosto di bovino legato (800 g circa, meglio se arrosto della vena – sottopaletta, un taglio che resta morbido e succoso, adatto per gli arrosti in umido)
  • ½ cipolla dorata
  • 1-2 spicchi d’aglio in camicia
  • 2 chiodi di garofano
  • 2-3 cucchiai di concentrato di pomodoro di qualità
  • 1 bicchiere di vino bianco secco (circa 200 ml)
  • Acqua bollente (circa 1 litro)
  • Olio extra vergine di oliva
  • Sale
  • Pepe

PREPARAZIONE

  1. Rosolare la cipolla tagliata finemente e l’aglio in abbondante olio extra vergine di oliva.
  2. Aggiungere la carne e farla sigillare bene da ogni lato girandola con due cucchiai in legno o spatole per non forarla. Salare e pepare.
  3. Sfumare con del vino bianco secco.
  4. Aggiungere il concentrato di pomodoro e i chiodi di garofano.
  5. Una volta evaporato il vino, aggiungere un litro circa di acqua bollente andando a coprire interamente l’arrosto.
  6. Cuocere a fuoco basso per circa un’ora e mezza o due con coperchio.
  7. Lasciar raffreddare completamente l’arrosto prima di tagliarlo; poi, immergere le fettine di carne nella salsa della pasticciata che si presenterà densa ma non troppo e dorata, non rossa. Servire con abbondante condimento, accompagnata dalla tradizionale erba di campo (verdure di campo miste saltate in padella con olio e aglio) spinaci al burro o contorno di patate.

Post sponsorizzato in collaborazione con

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Altre ricette che possono interessare..

6 comments on Pasticciata fanese, arrosto tipico

  1. SABRINA
    4 ottobre 2017 at 2:58 pm (2 anni ago)

    Finalmente! Sono di Pesaro e la Pasticciata è stato il piatto della domenica cucinato sempre dalla nonna. Purtroppo la mamma non la cucinava mai ed ora posso replicarla. Complimenti

    Rispondi
    • Gelso
      8 ottobre 2017 at 4:29 pm (2 anni ago)

      Contentissima!!! Un abbraccio e salutami Pesaro!

      Rispondi
  2. Sara
    21 giugno 2018 at 8:51 am (1 anno ago)

    Fanese?? Ma se è il piatto tipico di Pesaro!!!

    Rispondi
    • Gelso
      23 giugno 2018 at 8:58 am (1 anno ago)

      Ciao Sara, quella della “pasticciata” è una ricetta che sconfina tranquillamente in quel di Fano, da me si è sempre fatta e i miei provengono dalle campagne fanesi! Direi che è quasi impossibile stabilire un confine netto per questa e altre ricette, come ad esempio, i passatelli! Non trovi che sia limitante affermare che siano romagnoli, se noi marchigiani siamo nati e cresciuti assaporandoli quasi ogni domenica? Grazie del tuo contributo! 😉 A presto F.

      Rispondi
  3. Grace Bertulli
    30 gennaio 2019 at 8:15 pm (10 mesi ago)

    Sono di Fano e vivo in Canada da 56 anni tutt’ora cucino come la mia mamma. La pasticciata e i passatelli piacciono tanto ai miei figli e nipoti. Spero che mantengano la tradizione marchigiana di cui sono tanto fiera.

    Rispondi
    • Gelso
      6 marzo 2019 at 6:17 pm (8 mesi ago)

      Che meraviglia! Fanesi in the world! 🙂

      Rispondi

Leave a reply to Gelso Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *