Crea sito

Pane arabo, ricetta facile con lievito madre o di birra

pane arabo (2)

Cari lettori,

oggi vi consiglio la ricetta per preparare molto facilmente in casa del morbidissimo pane arabo con esubero di pasta madre, un pane chiaro e soffice, senza grassi e molto veloce da preparare, poiché non richiede una lunga lievitazione. L’ho preparato due volte, e lo preparerò ancora, lo hanno apprezzato tutti in casa 😀

 

INGREDIENTI PER 6 PANINI GRANDI O 12 PICCOLI

600 g di farina manitoba

300 ml di acqua a temperatura ambiente

200 g di pasta madre non rinfrescata (se non la avete, potete sostituirla con 20 g di lievito di birra fresco)

1 cucchiaino di zucchero semolato

1 cucchiaino di sale fino

Olio extra vergine di oliva per spennellare la ciotola

Farina di semola di grano duro o farina di riso per spolverizzare i panini

pane arabo (1)

PROCEDIMENTO

Impastare farina, pasta madre non rinfrescata e zucchero aggiungendo anche dell’acqua a temperatura ambiente. Lavorare l’impasto a mano o con una planetaria con gancio per circa 10 minuti. Dopo qualche minuto aggiungere il sale.

Spennellare una ciotola con dell’olio extra vergine di oliva e posizionarvi l’impasto pirlato (lavorato fino a creare una palla). Lasciar riposare per circa tre ore a temperatura costante, coprendo con pellicola trasparente.

Trascorso questo tempo, dividere l’impasto in 6 parti (o 12 per ottenere dei panini più piccoli) e stendere ogni pagnotta con il mattarello, creando dei panini piatti e di forma rettangolare. Se si vuole, si può donare al pane una forma ovale classica (vedi foto).

Disporre i panini su una teglia con carta forno, spolverizzandoli con della farina di semola di grano duro o con della farina di riso. Coprire con della carta forno bagnata e strizzata, quindi lasciarli lievitare per altre due ore.

Cuocere a 250 gradi per 10 minuti, fino a che i panini non si gonfieranno e si creerà la classica tasca all’interno. Non cuocere troppo i panini altrimenti si coloriranno eccessivamente: il Pane arabo deve rimanere chiaro in superficie.

Gustare con salumi, formaggi, verdura, o quello che vi suggerisce la fantasia 😉

Buon appetito!

*gelso*

Ringrazio la mia amica Arianna del blog Aryblue per questa deliziosa ricetta e i preziosi consigli 😀

 

Se vi piacciono le mie ricette e le mie idee per la tavola, potete seguirmi anche sulla pagina Facebook

Una blogger in cucina

Grazie!

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Altre ricette che possono interessare..

17 comments on Pane arabo, ricetta facile con lievito madre o di birra

  1. Chiara
    12 gennaio 2014 at 9:33 am (5 anni ago)

    L’ho preparato ieri; è venuto molto bene, morbidissimo e con un’alveolatura fine fine. Grazie!

    Rispondi
    • Gelso
      13 gennaio 2014 at 10:20 am (5 anni ago)

      Anche a noi piace molto! Sono contenta che tu abbia apprezzato! 😀 <3 A presto!!!

      Rispondi
  2. Anaïs
    5 giugno 2014 at 4:24 pm (4 anni ago)

    Ciao Gelso,
    ho appena sfornato i tuoi panini arabi con esubero : UNA MERAVIGLIA! Non mollerò la tua ricetta. Davvero favolosa. Grazie mille per averla condivisa.

    Rispondi
    • Gelso
      5 giugno 2014 at 5:13 pm (4 anni ago)

      Sono contentissima Anaïs anche a me piacciono molto! 😀 A presto! 😀

      Rispondi
  3. Aryblue
    19 ottobre 2014 at 9:31 pm (4 anni ago)

    Smack smack smack!!! :-*

    Rispondi
  4. Sara
    6 novembre 2014 at 1:53 pm (4 anni ago)

    Ciao,
    sono un’amante della farina integrale, un po’ per le fibre e un po’ per la consistenza e il gusto che ha, insomma non faccio impasto senza metterne un po’!
    I tuoi panini sono davvero stupendi e adorando il pane arabo mi sono chiesta se fosse possibile mettere metà dose di farina integrale. Il dubbio mi è venuto vedendo che nella ricetta c’è solo farina manitoba, non vorrei che mettendone di un altro tipo con forza inferiore il pane risultasse diverso.
    E poi un altro dubbio: se fosse possibile mettere quella integrale, essendo una farina un po’ più difficile alla lievitazione, dovrei aumentare la dose di esubero?
    Stesse domande vorrei chiedertele anche per i bocconcini al pomodoro (sempre con esubero)
    Grazie mille

    Rispondi
    • Gelso
      6 novembre 2014 at 3:42 pm (4 anni ago)

      Sui lievitati integrali, consiglio sempre di mettere il 50% di farina integrale e il 50% raffinata, tutta integrale cambia di molto consistenza, profumo, masticabilità e lievitazione. E’ probabile che i panini saranno un po’ diversi dai classici arabi bianchi, ma non per questo meno buoni. Non occorre aumentare la quantità di lievito. Hai letto la ricetta dei panini semi- integrali? http://blog.giallozafferano.it/gelsolight/panini-semi-integrali-ai-semi-omega-tre-con-lievito-madre/ Sono ottimi!

      Rispondi
      • Sara
        6 novembre 2014 at 7:50 pm (4 anni ago)

        Grazie per la risposta 🙂
        I panini semi-integrali sembrano ottimi ma la mia pasta madre è appena nata e vorrei aspettare un po’ prima di usarla. Sicuro che li proverò comunque!
        Se non ti dispiace ho un’altra domanda: vorrei fare l’impasto di questo pane arabo alla sera, per poi conservarlo in frigo tutta notte e tirarlo fuori il mattino dopo, come dovrei regolarmi con la prima e seconda lievitazione? Il frigo rallenta o blocca la lievitazione?
        grazie mille ancora e scusami tanto per queste domande, avendo provato solo lievitati semplici non ho ancora ben chiare alcune cose

        Rispondi
        • Gelso
          10 novembre 2014 at 10:27 pm (4 anni ago)

          Cara Sara, scsa se ti rispondo solo ora. Si, in frigo la lievitazione si blocca, quindi puoi tranquillamente lasciare l’impasto per una notte. Al mattino seguente, estrai l’impasto dal frigo, lo fai acclimatare un’ora-un’ora e mezza e poi procedi con la formatura, infine con la seconda lievitazione. Spero di essere stata chiara, altrimenti, sono qui! 😉

          Rispondi
  5. la cucina di Katy
    28 novembre 2014 at 4:27 pm (4 anni ago)

    Bella ricetta, l’ho fatta e il risultato è spettacolare 🙂
    Oggi faccio l’articolo anch’io, grazie dell’idea 🙂

    Rispondi
    • Gelso
      28 novembre 2014 at 7:42 pm (4 anni ago)

      Grazie!

      Rispondi
  6. liana moscardi
    16 maggio 2015 at 5:33 pm (3 anni ago)

    Gelso, avrei bisogno di un consiglio, ho un lievito madre di tipo polich, è un po di giorni che lo rinfresco ma lievita solo dopo circa 12 ore. È un lievito che ho da qualche hanno e con il quale ho fatto tanti dollci e pani (compresi panettoni e colombe) però in questo periodo non vuole svegliarsi (sarà la primavera!) Che cosa posso fare x rinvigorirlo?

    Rispondi
    • Gelso
      18 maggio 2015 at 9:42 am (3 anni ago)

      Ciao, ti consiglio di rinfrescarlo molto spesso, se vuoi puoi aggiungere anche un pizzico di zucchero o di miele! 😉 A presto!

      Rispondi
  7. Daniela
    17 maggio 2015 at 2:49 pm (3 anni ago)

    Una domanda…i panini vanno cotti coperti dalla carta forno o la devo togliere prima di infornarli?

    Rispondi
  8. daniela
    21 febbraio 2017 at 5:17 pm (1 anno ago)

    Ciao, bella ricetta dopo tante provate questa è quella che è riuscita meglio.
    Impasto fatto la sera lasciato lievitare tutta notte, impastato nuovamente la mattina e la sera lavoro formando i panetti lasciati lievitare e cotti. OTTIMI. Ora una domanda sulla cottura è possibile cuocerli in una volta sola su due teglie??? grazie

    Rispondi
    • Gelso
      4 aprile 2017 at 3:56 pm (1 anno ago)

      Se hai un forno con multifunzione cottura meglio! Altrimenti la teglia sotto si cuoce meno! Grazie a te!!!

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *




*