Crea sito

Muffin alla Moretta fanese

moretta rossa

Quando apro la bottiglia della moretta, il suo profumo così intenso mi rimanda ai caffè del centro di Fano, mia città d’origine, con un’immediata associazione di sensazioni, ricordi, odori, immagini, monumenti storici, luci e suoni ormai indelebili nel mio cuore perché in quei bar, da ragazzina, ero proprio io a prepararla per gli habitués ma anche per i forestieri desiderosi di conoscere questo sapore così tipico della nostra ridente cittadina sul mare Adriatico.

La moretta, servita in un tipico bicchierino di vetro scanalato sul fondo, ha un inconfondibile aroma di anice, rum e brandy e, sormontata da bollente caffè espresso, lascia in bocca un leggero retrogusto limonato dato dalla piccola scorzetta che si trova sul fondo della bevanda.

E’ bevuta principalmente dopo i pasti, come un caffè corretto o come digestivo, ed è usata anche per la preparazione di dolci e biscotti tipici fanesi. Le origini della bevanda sono controverse: c’è chi afferma che la moretta sia stata inventata dai pescatori fanesi, direttamente sui pescherecci, oppure chi sostiene che la moretta sia originaria del centro cittadino, quando i bar solevano correggere il caffè di scarsa qualità fatto con i fondi con questa miscela di liquori per coprirne il sapore. Il nome così singolare però da dove deriva? La moretta, che è un liquore di colore chiaro,  perché  si chiama proprio in questo modo? Qualcuno sostiene che in un qualche bar, la bottiglia di moretta posta sul bancone avesse raffigurata una bella donna creola e che i clienti avessero iniziato a chiamarla moretta o “murèta” proprio per quell’immagine.

Dal 2011 la moretta fanese è entrata ufficialmente nella lista dei Prodotti agroalimentari tradizionali marchigiani di cui, tra gli altri, fanno parte il Visner (vino dolce di visciole chiamato comunemente visciolata), alcuni formaggi e olio extravergine di oliva. Per saperne di più, consiglio il nuovo libro “Moretta di Fano” a cura di S. Cucchiarini, una guida completa di foto, aneddoti e fatti storici pubblicata dal Comune di Fano – Servizio Turismo.

Ispirata dalla moretta fanese, ho provato a confezionare un nuovo dolce a base di questo antico sapore: i muffins alla moretta, soffici dolcetti dal caratteristico profumo, arricchiti con gocce di cioccolato fondente che bene si abbinano al sapore del rum, possono essere serviti accanto ad una fumante moretta oppure con il pomeridiano thè delle cinque.

INGREDIENTI PER CIRCA 10 MUFFINS:

3 UOVA INTERE

250 GR DI ZUCCHERO

300 GR DI FARINA

1 BICCHIERE DI OLIO DI SEMI

½ BICCHIERE DI MORETTA FANESE (solo liquore)

1 BUSTINA DI LIEVITO PER DOLCI SCIOLTA IN ½ BICCHIERE DI LATTE

GOCCE DI CIOCCOLATO FONDENTE Q.B.

UN PIZZICO DI SALE

ZUCCHERO A VELO PER GUARNIRE

PROCEDIMENTO:

  1. Imburrare i pirottini di alluminio e scaldare il forno a 180 gradi.

  2. Sbattere le uova con lo zucchero fino a che il composto diventi spumoso e chiaro.

  3. Aggiungere l’olio e la moretta fanese.

  4. Incorporare a poco a poco la farina.

  5. Sciogliere il lievito in mezzo bicchiere di latte a temperatura ambiente ed aggiungerlo al composto.

  6. Unire 4-5 cucchiai di gocce di cioccolato fondente e un pizzico di sale.

  7. Versare il composto nei pirottini avendo cura di riempirli per circa i ¾.

  8. Cuocere i muffins per circa 20 minuti a 180 gradi, a seconda del forno. Controllare la cottura con uno stuzzicadenti.

  9. Spolverare con zucchero a velo.

RICETTA PER LA MORETTA FANESE (caffè corretto):

INGREDIENTI:

2 cucchiaini di zucchero

1 scorzetta di limone

1 dito di liquore moretta

Caffè espresso

PROCEDIMENTO:

  1. Mettere nel tipico bicchiere da moretta (alto e stretto) 2 cucchiaini di zucchero con 1 scorzetta di limone.

  2. Aggiungere un dito di liquore moretta.

  3. Scaldare lo zucchero e il liquore  fino a sciogliere bene lo zucchero, utilizzando  il vaporizzatore di una macchina da caffè. Se non avete la macchina per fare il caffè potete provare a scaldare moretta, zucchero e scorzetta di limone in un pentolino.

  4. Versare sopra il liquido il caffè bollente. Se la moretta è fatta bene (ma per questo ci vogliono anni di esperienza e decine di morette al seguito!) si creeranno i tradizionali tre strati distinti: liquore, caffè e la sua crema, in quanto il caffè tenderà a galleggiare sulla miscela alcolica sottostante.

A presto,

 *gelso*

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Altre ricette che possono interessare..

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *




*