Crea sito

Ciabatta

ciabatta (9)

Cari lettori,

qualche giorno fa mi sono cimentata nella preparazione della ciabatta, un tipo di pane di origine veneta caratterizzato dalla tipica forma che ricorda, appunto, quella di una ciabatta. Piatta e allungata, molto alveolata all’interno, con una sottile crosta croccante, la ciabatta è un pane ad alta idratazione giudicato, da alcuni, difficile da gestire nelle fasi di lievitazione. Il mio consiglio è quello di non aggiungere per nessuna ragione al mondo altra farina, altrimenti andrete a modificare la ricetta ottenendo un pane duro e poco alveolato. Avevo già provato alcune ricette per preparare il pan ciabatta; questa mi ha stupito per la bassissima quantità di lievito nell’impasto. Fidatevi della ricetta e mantenete la calma, e sono certa che questo pane vi regalerà grandi soddisfazioni!

divisore

INGREDIENTI PER DUE CIABATTE PICCOLE (COME FOTO)

200 g di farina 0

4 g di sale

2 g di lievito di birra fresco o 1 g di lievito di birra secco attivo

150 ml di acqua tiepida

50 ml di olio extra vergine di oliva circa

divisore

PROCEDIMENTO

Per prima cosa mescolare la farina con il sale. Quindi aggiungere il lievito sciolto nell’acqua tiepida. Mischiare con un cucchiaio fino ad ottenere un impasto appiccicoso. 

ciabatta (1) ciabatta (2)

Trasferire l’impasto in una ciotola con 1/3 dell’olio extra vergine di oliva, coprire con pellicola e lasciare riposare un’ora.

ciabatta (3)

Trascorso il riposo, l’impasto si presenterà così.

ciabatta (4)

Effettuare una piega e a tre, allargando cioè l’impasto a rettangolo e piegandolo da destra verso il centro e da sinistra sopra la prima piega. Lasciare riposare un’ora. Procedere in questo modo per altre due volte, alternando il giro di pieghe ad un’ora di riposo dell’impasto. Aggiungere olio in fondo alla ciotola ad ogni fase.

ciabatta (5)

Alla fine di questo procedimento, l’impasto si presenterà con bolle e piuttosto gonfio.

Scaravoltare l’impasto su un ripiano infarinato. Attenzione a non sgonfiare l’impasto e a non romprere le bolle d’aria ottenute con le pieghe e la fermentazione. Dividere l’impasto in due parti uguali.

ciabatta (6) 

Modellare l’impasto con mani infarinate fino a donargli la classica forma della ciabatta. Non toccare troppo l’impasto per non rischiare di sgonfiarlo. Spolverizzare con della farina.

ciabatta (7)

Disporre le ciabatte sulla teglia, lasciandole riposare 10 minuti. Intanto, scaldare il forno a 240 gradi, forno statico, senza vapore. L’impasto della ciabatta è giù sufficientemente umido.

ciabatta (8)

Infornare per circa 15 minuti. Attenzione a non cuocere eccessivamente la ciabatta. Lasciar raffreddare su una gratella.

Buona ciabatta a tutti! Questo weekend pane fatto in casa per tutti? 🙂

ciabatta (11) ciabatta (12)

Ricetta dal libro Come si fa il pane, Emmanuel Hadjiandreou, Guido Tommasi Editore, 2011

*gelso*

Seguitemi anche sulla pagina Facebook e sui social, ci conto!

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Altre ricette che possono interessare..

4 comments on Ciabatta

  1. rita
    8 novembre 2014 at 4:13 pm (4 anni ago)

    Cara Gelso,data l’esaustiva introduzione,consiglieristi l’impiego di lievito madre per questa particolare ricetta?E nel caso di risposta affermativa, il dosaggio del lievito sarebbe sempre del 30% dell’impasto?Grazie per l’attenzione che vorrai dedicarmi.Tante buone cose,Rita.

    Rispondi
    • Gelso
      10 novembre 2014 at 10:24 pm (4 anni ago)

      Ho anche la ricetta con lievito madre, che ne prevede 100 su circa 420 g di farina… però il procedimento è completamente diverso, in questo caso specifico si prepara un poolish la sera prima e la lievitazione è molto più lunga! A presto!

      Rispondi
      • rita
        11 novembre 2014 at 8:45 pm (4 anni ago)

        Cara Gelso,grazie per la risposta.Il tuo è un incoraggiamento a cimentarmi anche in questa impresa.Proverò.Un caro saluto

        Rispondi
        • Gelso
          14 novembre 2014 at 10:32 am (4 anni ago)

          Fammi sapere Rita, ti verrà sicuramente benissimo! Un abbraccio!

          Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *