Baba ganoush o crema di melanzane

Il baba ganoush di casaProfumo d’oriente in casa! Ecco un’altra pietanza immancabile nell’antipasto mediorientale: il babaganoush (o Baba ghannouj)! Si tratta di una crema concettualmente simile all’hummus, caratterizzata dunque dalla presenza irrinunciabile della tahina, che stavolta si accompagna non ai ceci bensì alle melanzane. La presenza della tahina è ciò che distingue questa purea dalla più classica crema di melanzane tipica del Sud Italia (anche detta “caviale di melanzane”) e questo dimostra ancora una volta le forti influenze arabe che caratterizzano per certi aspetti la nostra cucina meridionale.

Ingredienti

  • 2 melanzane grandi
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 cucchiaio di tahina
  • olio extra vergine di oliva q.b
  • 1 cucchiaino raso di sale
  • succo di 1 limone
  • menta q.b (preferibilmente fresca, in alternativa va bene anche quella secca)

Preparazionebaba ganoush_preparazione

  1. Lavare e asciugare le melanzane.
  2. Adagiarle su una leccarda rivestita con carta da forno e cuocerle in forno caldo a 180°-200° per circa 90 minuti o fino a cottura completa. Vi accorgerete che sono pronte quando la pelle sarà raggrinzita e la melanzana sarà abbastanza molle da poterla bucare facilmente con la punta di un coltello.
  3. Sfornare le melanzane e lasciarle intiepidire.
  4. Aprire le melanzane dividendole  con un coltello in due parti e con un cucchiaio prelevare tutta la polpa.
  5. Porre la polpa di melanzane in un colino e schiacciarla con un cucchiaio per eliminare il liquido in eccesso.
  6. Schiacciare la polpa di melanzane in un mortaio o aiutandosi semplicemente con una forchetta o un passaverdure con disco a fori grossi. Il risultato ottenuto dovrà essere quello di una polpa abbastanza omogenea ma ancora grossolana.
  7. Unire alla purea di melanzane il succo filtrato di un limone, un cucchiaino raso di sale, un cucchiaio di tahina, uno spicchio di aglio schiacciato, una spolverata di pepe, abbondante menta fresca (o secca) e olio extra vergine d’oliva quanto basta ad ottenere una crema densa.
  8. Servire ricoperto con un filo di olio d’oliva e accompagnato a pane abbrustolito, crostini o, come da tradizione, in accompagnamento alle falafel (polpette di ceci mediorientali).

Il baba ganoushConsigli & suggerimenti

  • Per ottenere la purea di melanzane in molto, mooooolto meno tempo, basta cuocere le melanzane a microonde.  Se disponi di un microonde lava e asciuga le melanzane come di consueto, bucherellale con i rebbi di una forchetta e cuocile una quindicina di minuti a massima potenza girandole più volte. Il risultato sarà ugualmente buono ma per di più avrai risparmiato tempo e corrente elettrica.
  • Se ti piace l’idea della purea di melanzane ma non riesci a reperire la tahina, o semplicemente non ti piace, omettila e frulla il tutto in food processor: otterrai la più classica delle creme di melanzane tipiche del Sud Italia. utilizzala per condire le bruschette e farai un figurone.
  • La menta può essere sostituita con prezzemolo fresco tritato, ma sicuramente il sapore ne risentirà perdendo un po’ di freschezza.
  • Il baba ganoush può essere conservato in frigo per un paio di giorni, purché chiuso ermeticamente. C’è chi addirittura lo congela ma devo confessare di non aver mai provato.

Il baba ganoush di casa Gastronomy Love

Alla prossima ricetta! A presto!

Valeria ^_^

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Pesto di rucola Successivo Biscotti di frolla salata di Luca Montersino

Lascia un commento

*