Crea sito

Risotto con topinambur colatura di alici bottarga e nocciole piemontesi

Risotto con topinambur colatura di alici bottarga e nocciole piemontesi

Risotto con topinambur colatura di alici bottarga e nocciole piemontesi

(o carciofo di Gerusalemme)

 

Il risotto è un piatto davvero complicato da preparare, sembra facile ma non lo è. Quando vado al ristorante sono sempre un po’ restia nell’ordinarlo, a meno che non sono in un ristorante di un certo tipo.

Per preparare un buon risotto, ci vuole tanta pazienza, perché va seguito e curato con amore, come fosse un bambino.

Contrariamente alle nostre abitudini, il risotto va servito molto al dente, ma proprio tanto, quasi crudo, in questo modo risulta anche molto digeribile.

In questa ricetta ho voluto usare una radice che io adoro tanto, tipica della mia zona, il topinambur, lo conoscete? Cosa ne pensate? Sapete che è molto, molto buono e fa anche molto, molto bene? sì, ha tante proprietà.

Il topinambur o carciofo di Gerusalemme, è un tubero dietetico, adatto ai diabetici.

Contiene fibre, è a basso indice glicemico, alto contenuto proteico, aumenta le difese immunitarie, accelera il metabolismo, è disintossicante, aiuta e combattere l’anemia, è senza glutine e riduce i livelli di zuccheri nel sangue.

E’ possibile mangiare sano ma con gusto, le verdure sono nostre alleate e sono buone, basta solo saperle preparare, spero che la ricetta di oggi vi sia piaciuta, continuate a seguirmi, vi aspetto con la prossima ricetta.

Vi ricordo che ho un canale appena nato su youtube, ho ancora pochi video, ma sono in arrivato delle grandi novità.

Il mio canale si chiama Gabriella Lomazzi, non ci saranno solo ricetta, ma parlero’ anche di prodotti e aziende con le quali collaboro, di alimentazione sana e tanto altro.

iscrivetevi in tanti. Vi aspetto 🙂

 

 

 

Risotto con topinambur colatura di alici bottarga e nocciole piemontesi

Ingredienti

Riso S. Andrea Biologico di Riso Vignola  per due persone 200 grammi circa 

5 topinambur grandi

Un cucchiaio di colatura di alici di Cetara IASA

Del burro di alpeggio, quanto basta

Brodo vegetale molto caldo

Nocciole Piemontesi. quanto basta

Bottarga di tonno siciliana per decorare

Mezza cipolla di Tropea

Un cucchiaio di extravergine d’oliva. Terre Rosse 

Procedimento

Prepariamo il brodo vegetale, io di solito uso, il sedano, il pomodoro, la carota, l’alloro, il rosmarino, un cucchiaio di olio d’oliva ogni litro, una cipolla, uno spicchio di aglio.

Quando il brodo sarà pronto, filtriamolo e teniamolo sul fuoco, in modo che resti sempre molto caldo.

Dosiamo il riso, e facciamolo tostare qualche minuto in una padella antiaderente.

Prendiamo una pentola antiaderente alta, versiamo l’extravergine e la cipolla tritata, facciamo soffriggere la cipolla qualche minuto, aggiungiamo i topinambur sbucciati e tagliati a pezzetti, insaporiamo tutto bene e poi uniamo il riso tostato.

Dopo circa 3 minuti, sfumiamo con il brodo ben caldo, giriamo sempre fino a quando il riso non si sarà asciugato, aggiungiamo altro brodo e così via, fino a quando non sarà cotto al dente.

Spostiamo il tegame dal fuoco, mantechiamo con il burro e poco brodo e colatura di alici.

Sistemiamo il riso nei piatti, decoriamo con abbondante bottarga e nocciole, serviamo il nostro risotto caldo.

Risotto con topinambur colatura di alici bottarga e nocciole piemontesi