Crea sito

Panini morbidi alla curcuma

Panini morbidi alla curcuma

Ingredienti

100 grammi di farina manitoba

500 grammi di farina gialla quella per pasta

Un cucchiaio colmo di miele

Meno di mezza bustina di lievito di birra Biologico o quello che preferite voi.

Procedimento

Acqua calda quanto basta per formare in panetto morbido, compatto ma non duro e perfettamente liscio.

Meno di mezza bustina di lievito di birra.

Sarebbe meglio usare l’impastatrice, perché lavora bene l’impasto , ossigenandolo  rendendolo liscio ed elastico.

L’impasto va lavorato per almeno 10 minuti se non di più , a velocità da media a massima.

E’ possibile anche prepararlo a mano ma è un’altra cosa.

L’acqua va aggiunta poca alla volta, mano mano che gira l’impastatrice, così possiamo vedere la consistenza del nostro impasto.

Il lievito va sciolto in poca acqua calda, va lasciato riposare un minuto dopo averlo sciolto nell’acqua.

Nelle farine va mescolata la curcuma in polvere, io ne ho messa un cucchiaio e mezzo.

Sale io non ne metto, dipende come siete abituati.

Sempre nella farina, ho aggiunto il miele.

Quando avremo ottenuto un bell’impasto elastico, morbido, non umido, asciutto e perfettamente liscio, lo mettiamo in una ciotola unta di olio a lievitare, copriamo tutto con della pellicola trasparente ben chiusa, un canovaccio sopra, in un angolo privo di spifferi.

Lasciamo lievitare per almeno 3 ore.

Passato il tempo, togliamo l’impasto sena rompere tutto le bolle che si saranno formate, lo sistemiamo su di una spianatoia infarinata, lo tagliamo in tanti pezzi, li passiamo nella farina gialla, formiamo cone la meni dei panini, lasciamo lievitare per 40 minuti ancora coperti con la pellicola al caldo.

Passato il tempo, accendiamo il forno, togliamo la pellicola, pratichiamo delle incisioni facendo attenzione a non sgonfiali, inforniamo a 200 gradi fino a quando non saranno cotti.

Ricordiamo quando facciamo il pane, sempre, mettiamo sul fondo del forno una piccola teglia piena di acqua, in questo modo durante la cottura si andrà a creare del vapore che favorirà la lievitazione durante la cottura.

Una volta tolti dal forno i panini, per controllar che siano cotti, li giriamo , con le nocche battiamo un colpetto sul dorso, se suona a vuoto sono cotti, altrimenti li rimettiamo nel forno ancora qualche minuto.

Esistono nei negozi dei sacchetti di stoffa,  appositi per conservare il pane in casa, sono comodi, pratici e durano.