Ratatouille al forno


Melanzane sode, zucchine tenere, peperoni rossi e gialli, cipolle di Tropea, pomodori pachino in quantità variabile, a seconda dei gusti e delle verdure disponibili; inoltre uno spicchio d’aglio, basilico, un po’ di passato di pomodoro meglio se casereccio, una manciata di pinoli o mandorle tritate grossolanamente, olio evo, sale qb.

Tagliare a tocchetti tutte le verdure, disporle in una teglia, aggiungere la passata di pomodoro, un po’ di olio e il sale. Cospargere con i pinoli ed infornare a forno già caldo (180-200 gradi) per circa un’ora. 
Il forno può essere quello elettrico, ma anche quello  detto “sul fornello”, il forno “estense”. Controllare se dovesse asciugare troppo, e in tal caso aggiungere un pochino d’acqua. Pochi minuti  prima di togliere dal forno , disporre fra le verdure lo spicchio d’aglio intero ( o tagliato in due) e un po’ di basilico fresco spezzettato con le mani.
La ratatouille è un ottimo accompagnamento per bolliti, tonno sott’olio, uova.

La cottura al forno secondo me permette di conservare i sapori più pieni, non “annacquati”;

In questa mia ricetta non sono previste patate, perché.. perché è una ricetta a modo mio!
Precedente crostata alle fragole Successivo Paccheri o ciriole di farro integrale con bottarga di orata