Cosa “bolle” in pentola? Pane!

Ieri, al supermercato, ho visto una bella ciotolina resistente alle alte temperature. Ho cercato di resistere alla tentazione, ma dopo 2 minuti circa ho capitolato: offerta speciale, possibilità di provare a cuocere il pane in pentola, e nella piccola pezzatura che ora preferisco..via, per farla breve,  resistere non era solo inutile, ma anche dannoso!!!
il coccio che ho usato
Ho preparato l’impasto con gli ingredienti e le regole che sono descritte nel mio blog sotto la voce: “pane di farina di tipo 2 senza impasto, anche sul fornello”, usando però dosi dimezzate di farina, acqua, ecc.
 Ho portato il forno (un piccolo forno, a dire il vero) alla sua  massima temperatura (circa 220°C) , con al suo interno la mia ciotola vuota, ma con il coperchio. Raggiunti i 220°C, ho aspettato circa 15 min, per essere sicura che anche la ciotola fosse davvero caldissima.
fornetto elettrico
Quindi, attenta a non scottarmi (guanti di silicone!) ho estratto dal forno la ciotola, e ci ho fatto cadere velocemente l’impasto pronto, cioè dopo una lievitazione di 10-12 ore e dopo aver eseguito le pieghe a tre nei due versi. E’ importante che la ciotola sia caldissima, perché l’impasto non si appiccichi alle pareti.
Ho coperto la ciotola e l’ho rimessa nel forno per 35 minuti, senza variare la temperatura. Quindi ho tolto il coperchio (sempre attenta a non scottarmi) e ho lasciato cuocere il pane scoperto per altri 15 minuti.
pane in pentola
L’ho sfornato, l’ho tolto dalla pentola e l’ho rimesso sulla griglia del forno (ancora caldo, ma spento) per altri 5-10 minuti. Croccantissimo!!
pane croccante
 Quindi l’ho fatto asciugare per un’ora fuori dal forno, tenendolo in piedi, e poi l’ho tagliato e servito a tavola.
pane ad asciugare

 

pronto!

 

Pane ottimo: ben cotto, leggero, alveolato come piace a me.
pane a fette: notare gli alveoli
Per le amiche come me amanti del “forno sul Fornello”, aggiungo che il pane nel coccio si può cuocere con grandi risultati anche nell’Estense: le dimensioni della mia bella ciotolina sono tali che può entrare benissimo anche nell’estense più piccolo, come il mio, che ha il diametro di 30 cm.
fornetto Estense

 

la ciotola appoggiata sull’Estense
Ultimamente ho imparato molte cose sulla panificazione dai video “youtube” di Barbara Frangi, una signora molto preparata, competente, ma anche simpaticissima.
Qualche esempio:
https://www.youtube.com/watch?v=gZzpIws705Q,  https://www.youtube.com/watch?v=_5sgiTrFFXA&t=809s,  https://www.youtube.com/watch?v=_5sgiTrFFXA
E’ qualche anno che faccio il pane, e sono passata dall’uso del licoli a quello di minime dosi di lievito di birra. Diciamo che lei ha risolto tanti miei dubbi, e mi ha incoraggiato a “osare”, e a capire, con l’esempio,  cosa davvero sia importante sapere per ottenere un buon pane, oltretutto senza eccessiva fatica.
Precedente mini panettoni senza latte, nè burro, nè uova, nè lievito Successivo Ciambellone all’arancia senza latte e derivati,  senza uova e con poco zucchero.