Crea sito

Crostata integrale con confettura di ciliegie

Crostata integrale

Da quando ho scoperto i pregi della farina integrale – ma soprattutto i difetti di quella raffinata –  mi sono appassionata a tutto ciò che è integrale: la pasta ( che per le insalate fredde trovo abbia una consistenza ideale), il pane, i crostini etc.

Oggi mi sono voluta cimentare nella preparazione di un dolce e per cominciare ne ho scelto uno un po’ rustico.. meglio andare per gradi! Poiché l’esperimento è decisamente riuscito penso che ben presto proverò qualche altra preparazione.. qualche suggerimento?

 


 

ingredienti:

• 100 gr di farina integrale  • 100 gr di farina 00  • 200 gr di confettura a piacere  • 80 gr di zucchero  • 80 gr di burro  • 1 uovo  • 1 limone non trattato  • 1/2 bustina di lievito  • 1 pizzico di sale

 

Per preparare la pasta frolla prima di tutto verso le farine in una ciotola insieme al burro tagliato a cubetti ed un pizzico di sale ed eseguo la sabbiatura: lavoro cioè con le mani gli ingredienti fino ad ottenere quasi delle briciole omogenee. Aggiungo lo zucchero, la scorza grattugiata del limone ed il lievito e continuo a mescolare. In ultimo aggiungo l’uovo sbattuto ed impasto fino ad ottenere un composto omogeneo. La pasta frolla non deve essere lavorata a lungo perchè il burro con il calore delle mani rischia di sciogliersi eccessivamente facendo diventare l’impasto appiccicoso.

Rivesto la pasta frolla con la pellicola per alimenti e la lascio riposare in frigo per almeno mezz’ora. Nel frattempo preparo lo stampo imburrando ed infarinando il fondo ed i lati per evitare che la crostata durante la cottura si attacchi.

Una volta che la pasta frolla ha riposato per stenderla prendo un pezzo di carta forno, metto un po’ di farina integrale nel fondo, sistemo un panetto pari circa ai 2/3 dell’ impasto (il resto dell’ impasto servirà per creare le strisce decorative sulla superficie), ne infarino la superficie e poso un altro strato di carta forno sopra. Stendo con il mattarello la pasta frolla all’interno dei due strati di carta forno, in questo modo non si attaccherà al piano di lavoro e sarà più facile sollevarla per trasferirla nello stampo. La sfoglia dovrà avere uno spessore di circa 4 mm.

Rivesto il fondo ed i bordi dello stampo con la pasta frolla, ne bucherello il fondo con una forchetta e verso sulla superficie uno strato di confettura, io ho usato quella di ciliegie. Stendo il resto dell’impasto e creo con la rotella ziglinata delle strisce che incrocio perpendicolarmente a formare una grata. Volendo spennello le strisce ed i borsi di pasta frolla con un tuorlo d’uovo sbattuto.

Cuocio in forno caldo a 180°C per circa 30 minuti, fino a quando sarà dorata in superficie.

Servo tiepida o fredda.

 

*CURIOSITA’* non tutti sanno che è corretto definire “marmellate” solo le conserve a base di polpa di agrumi, mentre le conserve a base di altri tipi di frutta si chiamano “confetture”

 
 

Comments are closed.