Shortbread Classici – Ricetta di Martha Stewart

Gli shortbread sono dei biscotti tipici scozzesi, serviti solitamente per accompagnare il tè. La ricetta è tratta dal libro Biscotti” dell’insuperabile Martha Stewart. Oggi vi propongo la ricetta classica e vi consiglio di provarli sia da soli, con una tazza di tè o di caffè, sia in abbinamento ad una confettura o marmellata, con una spiccata nota acida che si sposerà benissimo con la burrosità di questi biscotti!

Figlia di Gatta

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    30 minuti
  • Porzioni:
    16 shortbread
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Burro 230 g
  • Zucchero a velo 90 g
  • Farina 00 280 g
  • Sale fino 1 cucchiaino

Preparazione

  1. Ponete il burro fuori dal frigo, affinché assuma una consistenza morbida, ma fate attenzione a che non si sciolga, poiché deve mantenere la sua plasticità.

  2. In una ciotola (oppure con la planetaria), montate con le fruste elettriche, il burro a tocchetti con lo zucchero a velo, ottenendo una crema.

  3. Aggiungete la farina setacciata ed il sale, continuando a montare con le fruste al minimo della velocità, fino ad avere un impasto omogeneo.

  4. Imburrate ed infarinate due teglie da 20 cm di diametro e dividete l’impasto nelle due teglie, livellandolo bene. Operate dei tagli, ottenendo 8 spicchi in ciascuna teglia, bucherellate la superficie con una forchetta e ponete le teglie in frigorifero per circa 20 minuti.

  5. Preriscaldate il forno a 150°C. Infornate entrambe le teglie per circa 30 minuti, finché i bordi si staccheranno dalla teglia: il colore deve restare tenue e pallido.

  6. Sfornate, incidete nuovamente con un coltello, gli shortbread e lasciate raffreddare su una gratella. Una volta freddi, estraeteli delicatamente dalle teglie. A piacere, potete spolverizzarli con lo zucchero a velo.

Note

Nella ricetta di Martha Stewart, viene utilizzata una teglia di 25 cm di diametro, dai bordi smerlettati e viene realizzato un buco centrale nell’impasto, affinché i biscotti alla fine somiglino alla gonna di una signora d’altri tempi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.