Risotto alla liquirizia

Io vado matta per la liquirizia, potrei mangiarne fino a scoppiare. Volevo fare a tutti i costi un primo con la liquirizia e allora mi sono ingegnata per crearlo. Il riso si sposa con quasi tutti gli ingredienti, e proprio perchè riesce a farlo, è possibile pensarlo abbinato anche ad ingredienti che la maggior parte delle volte sono impiegati per dolci.

La liquirizia pura in tronchetti me l’ha portata la mia amica Laura, che condivide con me la liquorice passion! E ha portato anche un’idea, quella di fare le carote alla liquirizia, abbinamento che le aveva consigliato l’erborista.

Il gusto del risotto è particolare. All’inizio non si percepisce la liquirizia, si sente come retrogusto. Non saprei spiegare. Non è un sapore che si sente nell’immediato. Strano. Ma buonissimo.

Bene ora vi fornisco la ricetta inventata da me, sperando che qualcuno la provi!

Ingredienti

  • riso originario 2 pugni per ogni persona
  • liquirizia pura in tronchetti o in polvere, due cucchiai pieni
  • acqua
  • dado
  • cipolla
  • olio evo

Prima di tutto mettere mezzo litro d’acqua a bollire insieme alla liquirizia che dovrà sciogliersi. Ci va pazienza perchè la liquirizia impiegherà 10/15 minuti. Fare un soffritto con olio extravergine di oliva e cipolla. Mettere il riso e farlo tostare per qualche minuto e aggiungere un dado vegetale. Aggiungere gradatamente l’acqua in cui avete sciolto la liquirizia, man mano che il riso la assorbe.

Mantecare con burro se desiderate.

Les jeux sont faits.

 

ANEDDOTO: Avendo oramai la bocca liquiriziosa io e Laura non percepivamo più il grado di liquiriziume delle carote a rondelle, che stavamo facendo cuocere insieme ad altra liquirizia sciolta in acqua. E per questo motivo continuavamo ad aggiungere alle carote, polvere di liquirizia. Nel frattempo, finito il nostro riso: soddisfattissime. Ma sazie. E delle carote nessuna voglia. Così il giorno dopo io mi ritrovavo queste carote. Assaggio. Per quanto il mio amore verso la liquirizia fosse potente, ecco, queste carote erano immangiabili. Sapevano di liquirizia all’ennesima potenza, erano praticamente nere. Esperimento clamorosamente fallito, al contrario del risotto :) :) :)

 

Be Sociable, Share!
Questa voce è stata pubblicata in Ricette - primi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Risotto alla liquirizia

  1. caterina scrive:

    Particolare e sicuramente ottimo! Brava!

    • falentina scrive:

      Grazie mille! Provalo e fammi sapere se ti convince! è sicuramente particolare, ma secondo me ne vale la pena :)

  2. Saretta scrive:

    Risotto alla liquirizia???? Dev’essere buonissimo!!
    Una curiostà: avete aggiunto del formaggio sopra? Io tenterei col pecorino…..
    Stasera lo cucinerò!

    • falentina scrive:

      Ciao! No, noi non abbiamo aggiunto nessun formaggio. Penso che il sapore del pecorino sia molto forte e vada a coprire quello della liquirizia. Secondo me va gustato così. Sai un conto sono i dolci, e la liquirizia qui si può abbinare con molti gusti, vedi menta o limone. Ma col salato è più complesso. è difficile a parer mio trovare qualcosa che vada a integrare e non cancellare il gusto principe. Ad ogni modo se provi fammi sapere, sono curiosa di sapere il risultato :)