Marmellata di mele

 

Era da un po’ che leggiucchiavo in rete per capire come fare la marmellata…

A tal proposito vi consiglio di leggere questo post:

http://www.ilpastonudo.it/visti-da-vicino/poca-frutta-tanto-zucchero/

Io ho comprato un sacco di mele, e adesso ci provo. Restate in attesa miei prodi. Arrivo subito.

Dunque. Per ora l’esperimento non sembra del tutto fallito. Siamo ancora in fase cottura io e le mele. Inizio col darvi gli ingredienti, così quando avrò finito probabilmente dovrò mettere la mia marmellata nei vasetti.

Ingredienti:

  • 1kg mele gialle
  • 300g zucchero di canna

Pelare e tagliare a pezzi le mele, al netto dovranno essere 1 kg. Mettete a cuocere in una pentola, con due bicchieri d’acqua. Quando le mele inizieranno a spappolarsi, passatele con un passaverdura (io ho usato uno schiacciapatate, come vedete dalla foto, ma penso che il risultato sia lo stesso). Ora aggiungete lo zucchero, e lasciate cuocere a fuoco moderato per 40 minuti.

La marmellata dovrebbe essere pronta per essere messa nei vasetti di vetro e poi a testa in giù, per formare il sottovuoto.

Ora io vado a controllare come procedono i miei fornelli, e nel caso fosse tutto venuto una schifezza, non leggerete mai questo post :D

Les jeux sont faits.

 

EHI! L’ho assaggiata. E’ buonissima. Solo una cosa: io ho messo solo 300g di zucchero perchè le mele che ho utilizzato erano già molto dolci. Se fossero state delle renette magari ne avrei messi 500g.

ps. tutto è nato dal non voler comprare marmellate e confetture confezionate, fatte con chissà quale frutta. Autoproduzione, autoproduzione, basta cose fatte che sanno tutte della stesso sapore!

Be Sociable, Share!
Questa voce è stata pubblicata in Ricette - base e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Marmellata di mele

  1. ROSSANA scrive:

    Complimenti anche io adoro le cose fatte in casa. E adoro le mele…..quindi la tua ricetta è perfetta per me.
    Saluti

  2. Marco scrive:

    Io l’ho fatta di prugne, fragole, arance e albicocche. Ti passo la mia di ricetta, anzi forse meglio se ti porto un barattolo direttamente così mi dici se ti piace