Cioccolata calda e ricordi

*…’mna scordo…*
* Mi ricordo che quando ero piccola mia nonna faceva a me e ai miei cugini un sacco di cose buone da mangiare: i fricioi, le castagnole, per non  parlare delle sue patatine fritte, erano la cosa più buona del mondo. Uh, la sua pastasciutta col sugo (irreplicabile), che mangiavamo sempre quando tornavamo a casa da scuola.
E poi il suo the caldo. Quando era inverno se avevano freddo ci faceva il suo the, con tanti cucchiaini di zucchero e tanto tanto limone. Oppure la cioccolata calda. Quella non la faceva tanto spesso, la faceva raramente. E la torta di mele. La sua torta di mele è sempre stato il mio dolce preferito. Lei faceva la torta di mele e metà la dava a me, metà ai miei cugini. A volte se ne teneva una fetta per lei. Mia nonna è sempre stata una persona generosa e buona. Un po’ di tempo fa mi ha dato una confezione di caffè. Non voleva che me ne andassi  via a mani vuote :)
Il venerdì al mercato comprava i bombi, e ogni settimana li nascondeva in posti diversi, in sala, in cucina, nel burò dietro i libri, ma noi li trovavamo sempre, e in genere il venerdì pomeriggio non ce n’erano già più. Ora siamo grandi e non li compra più, ma quanto mi piacerebbe fare un salto a 15 anni fa e tornare da scuola il venerdì solo per mangiare i bombi. Che poi, i bombi è proprio il nostro modo di chiamare le caramelle, e non lo abbandonerò mai.
La sua pasta al forno. Che buona. Non c’è niente da fare. Nè mia mamma nè mia zia sono mai riuscite a imparare a farla buona come lei. Per anni, il menu di Natale è sempre stato lo stesso, e comprendeva la pasta al forno. Ah che buona. Meravigliosa.*
*…’mna scordo…*

Oggi è effettivamente il primo giorno di freddo qua da me, e allora per scaldare il pomeriggio, ho fatto una cioccolata, anche per allietare i visitatori ;)
E’ venuta esattamente come quel ricordo che ho nella testa, quella volta che mia nonna mi aveva fatto la cioccolata. C’eravano io e qualcuno dei miei cugini. Ma è un ricordo sfumato. Mia nonna come ho detto, non la preparava spesso la cioccolata. Ma era proprio così. Ne sono certa.

Ingredienti per 3 tazze:

  • 100g cioccolato fondente
  • 75g cacao amaro
  • 500ml di latte intero, per un risultato molto denso (600ml se la volete più liquida)
  • 100g zucchero
  • 30g fecola di patate

Spezzettate con un coltello grossolanamente il cioccolato. Mettetelo in un pentolino, insieme al cacao, allo zucchero e alla fecola, mescolate e quando il cioccolato inizia a sciogliersi aggiuntete gradualmente il latte e continuate a mescolare in modo che non si formino grumi.

Regolate con il latte a seconda che la cioccolata calda vi piaccia densa o meno. Io appartengo al partito di quelli che il cucchiaino deve stare in piedi da solo nella cioccolata.

Mia sorella il contrario :)

Les jeux sont faits.

Be Sociable, Share!
Questa voce è stata pubblicata in Ricette - base e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Cioccolata calda e ricordi

  1. Babe scrive:

    La cioccolata calda mi ricorda le domeniche d’inverno, quando mamma ce la preparava come solo lei riusciva.
    Sai che io ci ho provato e non mi è venuta così buona?
    Secondo me l’ingrediente che mancava è quell’amore unico e incondizionato che solo le nonne e le mamme ci sanno mettere.
    Buona giornata mia cara