Torta zebrata ricetta

Torta zebrata. 

Ho provato tre volte a fare questa torta zebrata, se state pensando che sono testona vi confermo che è esattamente così. Quando non mi viene una ricetta, fra l’altro semplice, scatta la determinazione vado a ripetizione finché non ho il risultato che vorrei. Andava sempre tutto apparentemente bene, al taglio però l’amara sorpresa: le strisce di cacao erano tutte sul fondo, praticamente a me veniva orizzontale. 😛 Di ricette sul web di questa torta zebrata ce ne sono circa 85.400, giuro ho controllato su google. Capirete quindi che trovare quella giusta non è stato tanto semplice. Poi arriva lei, Nadina del blog “Pasticciando con Magica Nanà” che pubblica su facebook le foto di questa torta, dieci secondi dopo le ho chiesto la ricetta e mi sono messa in cucina armata di speranza a mettere un cucchiaio sull’altro d’impasto. Fatta alla sera, ho avuto tutta la notte di passione per la conferma che alla terza volta c’ero riuscita. 😀 E’ una torta semplice, doppio gusto e soffice. Con la ricetta giusta è venuta anche a me (olé), ve l lascio anche a voi è talmente simpatica che vi conquisterà.

TORTA ZEBRATA:

(Dose per una tortiera da 22 cm) 

  • 200 g di  farina 00
  • 80 g di fecola di patate
  • 120 g zucchero semolato
  • 125 g yogurt intero bianco
  • 100 grammi di olio di semi
  • 3 uova
  • 60 g di latte
  • 30 g di cacao amaro
  • 2 g di sale
  • 1 bustina di lievito per dolci

Per prima cosa imburrate e infarinate la tortiera e accendete il forno a 180°C in modalità statica. 
Setacciate la farina con la fecola e la bustina di lievito per dolci e ponete da parte. In una ciotola con l’aiuto di un frullino elettrico sbattete zucchero a uova fino ad ottenere un composto chiaro, spumoso e gonfio. 
Aggiungete a filo l’olio di semi e lo yogurt alternandoli fra loro, mescolate bene in maniera che gli ingredienti si amalgamino bene, aggiungete anche il pizzico di sale. 
Poco per volta aggiungete anche la farina e amalgamatela al composto con una spatola, con delicatezza compiendo dei movimenti dal basso verso l’alto. 
Dividete ora l’impasto in parti uguali in due ciotole divise. Setacciate anche il cacao e aggiungetelo ad uno dei due impasti, mescolate con delicatezza e aggiungete il latte a filo per ammorbidirlo. Mescolate con delicatezza. 
Una volta che i due composti sono pronti è ora di iniziare a creare la torta zebrata. 

Prendete la tortiera precedentemente imburrata e infarinata e iniziate a versare al centro due cucchiai di composto chiaro, sopra andranno due cucchiai di composto al cacao, alternatevi così fino a esaurimento dei due impasti, creando degli strati chiari e scuri. 
Quando il forno raggiunge la temperatura desiderata, infornate a 180°C in modalità statica per circa 35 minuti. 
Fate sempre la prova stecchino prima di sfornare, una volta cotta trasferitela su di una gratella e quando è tiepida sformatela dalla tortiera e lasciatela raffreddare completamente prima di servirla. 

Si conserva benissimo in un porta torta per 3/4 giorni. 
Vi ricordiamo che potete trovarci anche sulla nostra Fanpage di Facebook e nel gruppo Pasticciando con i Fables, passate a trovarci vi aspettiamo. Eva

 

Precedente Millefoglie di pane carasau Successivo Hummus ai peperoni rossi

4 commenti su “Torta zebrata ricetta

  1. Sibilla il said:

    Salve, ho fatto la torta ed è venuta bene (forse un po’ asciutta) ricetta e spiegazioni perfette. Complimenti .
    Avrei una domanda: sostituendo l’olio con il burro (calcolando le proporzioni tra i due) ne comprometterei la riuscita?
    Lo chiedo solo perché a me non piacciono molto i dolci con l’olio, gusto personale.
    Grazie e ancora complimenti!

  2. Adele il said:

    Salve, prima di tutto grazie per condividere con noi le vostre ricette e per la vostra professionalità!
    La marmellata di zucca, la cercavo da tanto ma
    ho un quesito, che potrebbe farvi scuotere la testa.
    A me lo zenzero non piace (fa eccezione il mix di spezie dei dolci natalizi) posso ometterlo?
    Comprometterei il gusto della marmellata, o toglierei ‘solo’ quel quid in più?
    Se così fosse visto che a me il quid non piace…
    Grazie!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.