Sorbetto all’anguria ricetta

sorbetto all'anguria

C’era una volta la confusione. Si devo dirlo, alle volte il calore dà alla testa, e meno male che quest’anno abbiamo un’estate anomala, piovosa da non crederci. A dir la verità io la sto adorando, almeno fino a quando lavoro, per le ferie mi raccomando SOLE! Ma quest’anno come non mai non riesco a sopportare quelle sporadiche giornate di caldo intenso che stiamo avendo. Mi vien voglia di prendere domicilio nel mio freezer, di infilare il cuscino nel frigorifero; tracanno ettolitri di acqua gelata e passo la notte passeggiando sul balcone come un padre alla nascita del primo figlio, ma l’unica cosa che riesce a schiarirmi le idee, a darmi fiato e tregua da sta calura stringente (io vivo in Puglia eh) è una coppa di gelato. Ormai è nota la mia passione per il gelato, soprattutto da quando li faccio da me. E potendo appunto scegliere e variare ogni volta gusto e aroma da provare, ho la possibilità di trasformare la mia frutta preferita in deliziosi sorbetti. E quindi capitemi, perchè lo so che la pensate come me: qual’è il frutto estivo per eccellenza? Quello presente a tutte le serata fra amici e i falò in riva al mare? Quello che ad ogni tavolata fra parenti non manca mai? Quello che da bambini era utile per giocare a far la guerra con i noccioli? Bhe si, ci siamo capiti, no? Che sarebbe l’estate senza anguria? E allora senza indugi e senza fronzoli, ecco a voi il mio sorbetto all’anguria.

SORBETTO ALL’ANGURIA

  • 260 gr di succo d’anguria
  • 205 gr di acqua (1° dose)
  • 205 gr di zucchero
  • 25 gr di glucosio in sciroppo
  • 1 gr di farina di semi di carrube (si trova nei negosi BIO)
  • 65 gr di acqua (2° dose)

Spesso ci chiedete come misurare 1 grammo di polveri, con le bilance di casa è impossibile. Ci vuole il bilancino dei gioiellieri, chiamato bilancino di precisione. E’ comodo, piccolo e occupa poco spazio ed è davvero economico. Vi invitiamo ad investire questi pochi euro per avere la precisione che richiedono i gelati. Ovviamente poi lo userete per tutto, anche per pesare pochi grammi di lievito, potete trovarlo QUI. Se poi volete proprio esagerare, o magari chiederla a Babbo Natale, ci sarebbe questa spatola di silicone con termometro incorporato. Comodissima, non solo per i gelati, ma anche per le creme, per tutto quello che va pastorizzato e contemporaneamente va anche mescolato.

Per prima cosa prendete 10 gr di zucchero dal totale, mischiateli insieme al grammo di farina di semi di carrube e mettete da parte. Fate uno sciroppo con la prima dose di acqua, cioè i 205 gr, il restante zucchero e il glucosio, cioè mettete tutto in un pentolino e ponete sul fuoco sempre mescolando. Appena l’acqua inizia a sobbollire spegnete e lasciate raffreddare completamente. Quando è ben freddo, frullare per bene con un frullatore ad immersione la polpa di anguria (ovviamente snocciolata) fino ad averne un succo omogeneo, unire lo sciroppo raffreddato e miscelarli per bene. Prendiamo una piccola parte di questa miscela e riscaldiamola per sciogliervi i 10 gr di zucchero con la farina di semi di carrube che avevamo da parte. Una volta ben sciolti, riversiamo nel totale e mescoliamo bene. Aggiungiamo infine la seconda dose di acqua, cioè i 65 gr e dopo aver mescolato bene, poniamo in frigo e lasciamo riposare per qualche ora. Poi lo possiamo mantecare nella gelatiera, di solito 40-45 minuti. Una volta mantecato riporlo nella vaschetta che useremo per conservarlo. Consiglio di tenere quest’ultima in freezer almeno una mezz’ora prima di usarla, così che mentre la riempiamo il sorbetto non si sciolga eccessivamente. Lasciare in freezer qualche ora prima di servire.

Il sorbetto è decisamente diverso da un gelato, ma ha anch’esso il suo perchè. Leggero (in quanto privo di grassi aggiunti) e fresco, riesce ad esprimere davvero il pieno gusto della frutta così come natura ci dona, e come un gelato non riesce a fare. Assaggiando questo sorbetto vi sembrerà di essere sulla spiaggia in una bella serata d’estate, un fuoco e una chitarra, tutta l’allegria e la leggerezza di questa stagione. Quindi non mi resta che ricordarvi di fare un giro sulla nostra Fan page su Facebook e magari di iscrivervi al nostro gruppo “Pasticciando con i Fables…” dove è sempre estate 😀 Alla prossima, e sorridete sempre, Claudio 😉

Sorbetto all’anguria Sorbetto all’anguria Sorbetto all’anguria Sorbetto all’anguria Sorbetto all’anguria Sorbetto all’anguria Sorbetto all’anguria Sorbetto all’anguria 

Precedente Pan bauletto con lievito madre ai cereali Successivo Mozzarella in carrozza a modo mio

7 commenti su “Sorbetto all’anguria ricetta

    • Fables de Sucre il said:

      Si puoi tenendo conto che il 20% del peso del glucosio in sciroppo è fatto di acqua, quindi per sostituirlo con il destrosio calcola l’80% del suo peso e aggiungi il 20% invece come acqua.

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.