Sorbetto al limone ricetta

Sorbetto al limone.Sorbetto al limone

C’era una volta una canzone che faceva: “il carretto passava e quell’uomo gridava gelati”. Grandi Battisti e Mogol, in poche parole un quadretto della vita di tutti, almeno quando i carretti dei gelati giravano ancora. Come sempre la cucina mi richiama ricordi d’infanzia, e quel carretto mi ricorda mia nonna paterna che viveva vicino ad un mercato rionale, e all’angolo della strada era fisso fermarsi il famoso carretto con il più classico dei gelati, quello al limone, che costava appena 200 lire. E si, ho ricordi datati ancora con il vecchio conio, ma quel sorbetto al limone nelle calde giornate estive quando a scuola chiusa rimanevo dalla nonna era davvero un bel momento, e a quel gelato semplice sono rimasto particolarmente legato, tant’è che ancora oggi quando trovo un carretto non posso fare a meno di prendere un bel cono. Ho provato anche a trasmettere questa mia gioia ai miei due diavoletti, ma le generazioni cambiano, la poesia si è persa, e mi sono sentito rispondere “papà non lo voglio, mangialo tu”. E papà se lo mangia molto volentieri, e ha imparato anche a farlo da solo a casa, tanto è semplicissimo, e ad un bel sorbetto al limone fresco e dissetante, non si dice mai no!

SORBETTO AL LIMONE

  • 250 gr di succo di limone (il succo di 6/8 limoni)
  • 190 gr di acqua (1° dose)
  • 220 gr di zucchero
  • 40 gr di glucosio in sciroppo
  • 1 gr di farina di semi di carrube (si trova nei negozi Bio)
  • 125 gr di acqua (2° dose)

Per prima cosa prendete 10 gr di zucchero dal totale, mischiateli insieme al grammo di farina di semi di carrube e mettete da parte. Fate uno sciroppo con la prima dose di acqua, cioè i 190 gr, il restante zucchero e il glucosio, cioè mettete tutto in un pentolino e ponete sul fuoco sempre mescolando. Appena l’acqua inizia a sobbollire spegnete e lasciate raffreddare completamente. Nel frattempo spremere i limoni per ricavarne il succo, e filtrarlo con un colino a maglie strette prima di pesarlo. Uniamolo allo sciroppo raffreddato insieme alla seconda dose di acqua , cioè i 125 gr. Prendiamo una piccola parte di questa miscela e riscaldiamola per sciogliervi i 10 gr di zucchero con la farina di semi di carrube che avevamo da parte. Una volta ben sciolti, riversiamo nel totale e mescoliamo bene. Poniamo in frigo e lasciamo riposare per almeno un’ora. Poi lo possiamo mantecare nella gelatiera, di solito 40-45 minuti. Una volta mantecato riporlo nella vaschetta che useremo per conservarlo, che avremo tenuto in freezer almeno una mezz’ora prima di usarla, così che nel frattempo che la riempiamo il gelato non cominci a sciogliersi. Lasciare in freezer qualche ora prima di servire.

Decisamente perfetto per i miei gusti, ammetto che essendo cresciuto faccio cose che non annovero nei miei ricordi infantili, ma che mi danno tanta soddisfazione, e quindi un bel flute di prosecco con del sorbetto di limone che galleggia decisamente ci sta tutto. E quindi vi lascio con un allegro cin cin, e con il più classico dei “…e vissero per sempre felici e contenti”.

E non dimenticate di seguirci sulla nostra Fan Page du Facebook! Vi aspettiamo 😉

altra blog

Sorbetto al limone Sorbetto al limone Sorbetto al limone Sorbetto al limone Sorbetto al limone Sorbetto al limone Sorbetto al limone Sorbetto al limone Sorbetto al limone 

Precedente Pane semplice con pasta madre Successivo Torta alle carote e mandorle ricetta

8 commenti su “Sorbetto al limone ricetta

  1. Elena il said:

    Cm posso sostituire il glucosio lo posso omettere?e la farina di semi di carrube cn cosa la posso sostituire grazie in anticipo!

    • Fables de Sucre il said:

      Il glucosio e la farina di semi di carrube (che sono gli unici due ingredienti di più difficile reperibilità in questa ricetta) hanno funzioni specifiche. Il glucosio è un anticristallizante, e lo puoi sostituire con un altro anticristallizante come destrosio o zucchero invertito a patto di ribilanciare la ricetta, quindi siccome è facile trovarlo visto che si usa anche per fare la pasta di zucchero, ti consiglio di cercarlo. La farina di semi di carrube è un addensante, puoi sostituirlo con un ingrediente specifico come il neutro per gelati, ma a sto punto cerca la prima, oppure ometterlo, e ti verrà solo un sorbetto meno denso

  2. carmen il said:

    ciao Eva!ho appena messo in frigo il sorbetto…ora ti chiedo: fino a quante ore può restare in frigo prima della mantecatura?l’ho messo in frigo una mezz’oretta fa e avrei intenzione di mantecarlo stasera verso le 21…è fattibile?

  3. CRISTINA il said:

    salve
    una curiosità:ma la consistenza è quella propria del gelato o è un sorbetto che si può servire nei bicchieri?o forse in quest’ultimo caso si dovrebbe usare l’albume montato?mille grazie

    • Fables de Sucre il said:

      Ciao, ha la consistenza tipica di un sorbetto o un gelato, da servire in coppa. In merito all’albume montato, con i sorbetti non ha niente a che vedere. Forse ti confondi con i semifreddi che prevedono l’uso di meringa all’italiana.

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.