Sformato di patate al forno

Sformato di patate

L’ho già detto altre volte ma lo ridico lo stesso e lo continuerò a dire, non si tratta di alzheimer, ma di un vero e proprio amore per le patate in tutte le salse. Soprattutto se mi salvano la cena quando non sono arrivata a fare la spesa. Perchè se sono buone da sole, mescolate a pochi ingredienti diventano un super piatto! Questo sformato di patate lo faccio e lo rifaccio ma sempre diverso cambio gli ingredienti a seconda della disponibilità nel frigo. Non sapevo se pubblicarlo sul blog perchè è un ricetta talmente semplice che sicuramente ognuno di voi avrà la sua personale versione e poi ho ripensato a quando avevo 20 anni e me ne sono andata ad abitare da sola. Il mio ricettario erano appunti volanti che prendevo al telefono con mia madre, la chiamavo per chiederle anche semplicemente come si lessano le patate, che sembra una cosa così stupida eppure se non l’hai mai fatto non sai come iniziare. Quindi ho capito che scrivendo questo post, potrei salvare la cena ad una giovane fanciulla che è appena andata ad abitare da sola e che come ricettario ora userà il potente mondo del web. 😀 
Giovane fanciulla, prepara la birra in frigo, d’obbligo la radio a palla e via a pelar patate! 

SFORMATO DI PATATE: 

(Dose per una teglia 30×20 circa) 

  • 1 kg di patate
  • 200 gr di fontina
  • 200 gr di latte
  • 100 gr di prosciutto cotto (in un unico pezzo)
  • 80 gr di burro 
  • 2 cucchiai di pane grattugiato
  • Sale
  • Pepe
  • Prezzemolo 

Per prima cosa sbucciamo le patate e le mettiamo in una pentola capiente con abbondante acqua tiepida, saliamo e poniamo sul fuoco. 
Dovrete solo sbollentarle, quindi da quando parte il bollore basteranno 5 minuti, se le cuocete troppo avrete difficoltà a tagliarle. 
Passati quindi 5 minuti, scolatele e lasciatele raffreddare prima di tagliarle. 
Imburrate una pirofila da forno, spolverizzatela con 1 cucchiaio di pan grattato e capovolgetela per far cadere l’eccesso. 
Nel frattempo accendete il forno a 180° in modalità ventilata. 
Tagliate a quadrucci il prosciutto cotto e il formaggio e teneteli da parte. 
Fate sciogliere a fuoco dolce il burro.
Quando le patate saranno tiepide con l’aiuto di un coltello tagliatele a fettine sottili 3/4 mm circa e iniziate a comporre lo sformato, formando nella pirofila uno strato di fettine di patate leggermente accavallate fra loro. 
Spennellate le patate con il burro fuso e cospargetele con metà formaggio e prosciutto a quadrucci, completate con del pepe macinato. Proseguite con un altro strato di patate, spennellate di burro e ancora formaggio e prosciutto, ricordatevi una grattatina di pepe. 
Per finire vi resta solo l’ultimo strato di patate, quando tutta la superficie sarà completa spolverizzate con 1 cucchiaio di pan grattato, una spolverata di pepe e qualche fiocchetto di burro. 

1522707_940817982618217_2321860957232923685_o

Versate ai lati il latte nella pirofila e infornate a 180° per circa 1 oretta. 
Un mio personale e spassionato consiglio è di infornare sulla grata del forno ma sotto di lasciare una leccarda, perchè il latte bollendo in forno riuscirà ad uscire e vi sporcherà tutto il forno se non ci mettete sotto la leccarda! 😉 
Sfornate, lasciate intiepidire e servite con una spolverata di prezzemolo fresco. 

Come vi ho detto nella premessa gli ingredienti del mio sformato di patate cambiano sempre, potete usare il grana, il gorgonzola, la provola, insomma il formaggio che vi piace di più. Al posto del prosciutto viene molto buono anche con lo speck o la pancetta. Scatenatevi! 🙂 
Non ci resta che invitarvi a fare un giro sulla nostra Fanpage su Facebook e nel nostro gruppo, Pasticciando con i Fables, dove trovate tutti gli amici che ci seguono e che si cimentano nelle nostre ricette.

11116146_940817389284943_1902521619_n

 

Sformato di patate Sformato di patate Sformato di patate Sformato di patate 

Precedente Triangoli al parmigiano da buffet Successivo Polpo con patate e carote

4 commenti su “Sformato di patate al forno

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.