Risotto al teroldego

Risotto al teroldego

Oggi risotto sfizioso, fatto con il vino della piana rotaliana: il Teroldego. Questo vino lo produciamo solo qui, con le nostre preziose uve. E’ un vino rosso mattone, corposo, leggermente fruttato con un retro gusto amarognolo. Nasce per accompagnare carni bollite, grigliate e formaggi stagionati. Ma vi assicuro che nel risotto sta divinamente. Diciamo che in Trentino la scusa per bere un ottimo bicchiere di vino, non manca mai. Lo potete tranquillamente servire anche a bambini e astemi, perchè in cottura tutto l’alcool evapora, lasciando solo il profumo, il colore e l’aroma inconfondibile.

Risotto al teroldego:

(Dose per 4 persone)

  • 400 gr di Riso vialone nano
  • 300 ml di Teroldego
  • 1,5 l di Brodo
  • mezza cipolla tritata fine
  • Olio EVO
  • 30 gr di Burro
  • 30 gr di Parmigiano grattugiato
  • Sale
  • Pepe

Preparate il brodo se lo volete di carne va benissimo, io uso sempre il dado vegetale che mi prepara una cara signora. In una padella larga fate soffriggere la cipolla tagliata fine con qualche cucchiaio di olio EVO. Pesate il riso e versatelo nella padella lasciandolo tostare per qualche minuto, naturalmente sempre mescolando. Aggiungete il teroldego tutto in una sola volta e lasciate assorbire, per poi continuare la cottura del risotto con il brodo. Appena vi sembra asciutto aggiungete un mestolo di brodo e continuate a mescolare. Ci vorranno circa 20 minuti per completare la cottura del riso. Regolate il sale e se vi piace una grattugiata di pepe. A cottura ultimata, mantecatelo con una noce di burro e spolverate di parmigiano grattugiato. Servire subito.

E visto che di vino nella bottiglia ce ne ancora….. accompagnatelo con un bicchiere di teroldego, naturalmente! Eva

579255_555283427838343_1989017279_n

 

Precedente Veneziana a lievitazione naturale Successivo Spiedini di olive pomodori e mozzarella

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.