Pollo al curry con riso basmati

Pollo al curry con riso basmati

Piatto colorato, saporito e molto profumato. Pollo al curry con peperoni rossi e gialli, mandorle e riso basmati. Sembra molto elaborato, in realtà non spaventatevi è decisamente di facile esecuzione e si fa in poco tempo. Porta in casa quell’atmosfera indiana che ci piace tanto. A me personalmente ricorda una bellissima serata fra amici, senza contare uno schizzo di curry finito sui miei pantaloni bianchi. Ma tutto è bene quel che finisce bene, ho vinto io pregando la Dea Kali, pantaloni impeccabili e voglia di rifare il piatto. Non sono scaramantica! Allora, armiamoci di coltello e via.

Pollo al curry con riso basmati:

(Dose per 6 persone)

  • 700 gr di Pollo
  • 1 Peperone giallo
  • 1 Peperone rosso
  • 1 Cucchiaio di curry
  • 50 gr di Mandorle pelate
  • Mezza cipolla rossa piccola
  • 500 ml di brodo
  • 70 ml di Vino bianco secco
  • Olio EVO
  • Sale

Per il riso:

  • 1 bicchiere di riso basmati
  • 2 bicchieri d’acqua
  • 10 gr di sale grosso

Per prima cosa, laviamo e priviamo dei semi e del picciolo i peperoni. Io li sbuccio anche, con un pelapatate che lavora sottilissimo e toglie solo la buccia. Col un coltello da cucina li tagliamo in quattro e poi a strisce circa un cm di larghezza, mettiamo le strisce direttamente nella padella, direttamente nella padella o se avete un Wok usate quello. Tagliamo anche la cipolla, che aggiungeremo ai peperoni, un filo di olio EVO e facciamoli saltare per qualche minuto, dovranno cuocersi ma restare croccanti. A fine cottura, ricordatevi il sale. Nel frattempo mettiamo il riso a cuocere, in questo modo: in una pentola alta versiamo tutto a freddo, un bicchiere di riso basmati, due bicchieri d’acqua e il sale. Mescoliamo, copriamo con un coperchio e poniamo sul fuoco, appena ci accorgiamo che prende il bollore, abbassiamo la fiamma al minimo e aspettiamo che faccia i crateri (vedi foto). Questa cottura al vapore, me l’ha insegnata una ragazza cubana. Il riso cuoce in modo impeccabile mantenendo tutto il suo sapore e profumo. Il coperchio non andrebbe mai aperto, per non far uscire il vapore e vi assicuro che lo sentite il “suono” del riso cotto. Se non vi fidate del vostro udito, potete controllare dopo 10 minuti.

PhotoGrid_1363284524091

Prendiamo il petto di pollo, con un coltello facciamo dei bocconcini (1,5 x 1,5 cm) che andranno infarinati. Togliamo dal wok i peperoni mettendoli da parte in un piatto. Versiamo dell’olio EVO e saltiamo i bocconcini di pollo, quando sono ben rosolati, sfumiamo con il vino bianco. Quando sarà necessario per aiutarci nella cottura aggiungiamo a piccoli mestoli il brodo che avremmo precedentemente preparato, continuiamo a mescolare per evitare che bruci. Ci vorranno circa 25 minuti. A fine cottura, regoliamo di sale e con l’ultima aggiunta di brodo, versiamo il cucchiaio di curry mescolando bene per farlo sciogliere, aspettiamo qualche minuto e uniamo anche le mandorle e i peperoni. Mescoliamo bene per amalgamare i sapori, ancora qualche minuto di cottura ed è pronto per essere servito.

PhotoGrid_1363284569026

Serviamo il pollo al curry accompagnato dal riso basmati. Naturalmente, non è carino dirlo, ma se li mescolate assieme è un matrimonio perfetto. Con questo insistente profumo di curry ancora nell’aria, vi auguro buon appetito. Eva

524837_564916403541712_727774938_n

Precedente Focaccia bianca al latte Successivo Tagliatelle con asparagi e gamberetti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.