Pepparkakor biscotti Svedesi

 

Pepparkakor biscotti Svedesi

Sono sicura che molti di voi hanno riletto il nome di questi biscotti almeno tre volte per capire se oggi mi fossi ubriacata prima di scrivere il post. E invece no! Sono sicura che appena vi dico di che biscotto si tratta, se non l’avete mangiato, l’avrete almeno visto in un negozio di arredamenti e decorazione per la casa molto molto ma molto famoso. I pepparkakor sono biscotti Svedesi, profumati di cannella, zenzero e chiodi di garofano. Se usate lo zucchero di canna muscovado vi verranno anche del colore di quelli the original, io ho messo semplice zucchero di canna e sono più chiari. Se non avete ancora capito di che biscotto si tratta vi posso dire che: i biscotti e pochi altri articoli sono fra le poche cose che vendono senza istruzioni per il montaggio. 😉 L’impasto da lavorare è davvero semplice e divertente, sembra gomma elasticissimo. Una volta cotto è profumato e croccante. Andiamo all’ik… ops in Svezia si o no? 😀

PEPPERKAKOR: 

(Dose per 3 teglie di biscotti) 

  • 270 gr di farina 00 debole
  • 6 gr di lievito per dolci
  • 90 gr di burro
  • 70 gr di miele d’acacia
  • 90 gr di zucchero di canna muscovado
  • 2 cucchiaini di cannella in polvere
  • 1 cucchiaino di zenzero in polvere
  • 1/2 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
  • 90 gr d’acqua

Preparata nella ciotola della planetaria la farina e lievito miscelati fra loro, montate la frusta K e dedicatevi alla preparazione del composto di miele.
In un pentolino versate: acqua, miele, zucchero e le spezie. Portate ad ebollizione, mescolando con un cucchiaio di legno senza mai smettere.
Raggiunto il bollore, spegnete, aggiungete il burro a tocchetti e mescolate fino a scioglierlo completamente.
Azionate la planetaria a bassa velocità e versate a filo sulla farina il composto di miele ancora caldo.
Mescolate bene fino ad ottenere un impasto morbido e ben amalgamato. Assomiglia al purè ma più colloso.
Mettete una striscia di pellicola sul piano di lavoro, versateci sopra l’impasto, livellatelo leggermente con la spatola, ricopritelo interamente di pellicola, appoggiatelo su un piatto e ponetelo in frigo obbligatoriamente per almeno 12 ore.
Il giorno dopo, preriscaldate il forno a 170° in modalità ventilata, riprendete l’impasto, tagliatelo in tre parti, lavoratelo leggermente con le mani per farlo tornare plastico.
Infarinate leggermente il piano di lavoro e stendetelo ad uno spessore di circa 2 mm.
Ritagliate i biscotti con le formine appoggiandoli man mano su una leccarda ricoperta da carta forno e infornate per una decina di minuti.
Sfornate e lasciateli raffreddare su una griglia.
Si conservano per diversi giorni in una scatola di latta.

Mancano in questo post le foto dei passaggi, ma vi svelo un segreto: per non avere lo stress da biscotti, quando ne volete fare tanti tipi diversi tutti assieme io procedo in questo modo: un giorno faccio tutti gli impasti e li metto in frigo in panetti ricoperti da pellicola divisi e con un etichetta (il nome dell’impasto). Il secondo giorno, cuocio tutti i biscotti. Il terzo passo alle decorazioni, se sono previste. Per questo motivo non mi sarei mai potuta interrompere continuamente a scattare foto, o perdevo il ritmo e la concentrazione. Si tratta davvero di semplici biscotti da stendere e coppare. 🙂
Ricordate di condividere con noi le vostre foto su Facebook nella fanpage o nel gruppo “Pasticciando con i Fables…“. Eva

10509767_853814071318609_5183066380224066631_n

10685429_853813997985283_4053015641347706147_n

Pepparkakor Pepparkakor Pepparkakor Pepparkakor Pepparkakor Pepparkakor

Precedente Marmellata di arance ricetta Successivo Zimtsterne biscotti speziati

9 commenti su “Pepparkakor biscotti Svedesi

  1. Non so perché, ma il Natale nordico a me sembra più… natalizio!! Questo impasto mi riporta ai pacchi dono che ricevevo dalla Germania dentro ai quali trovavo, oltre ai giocattoli, questi biscottini speziati, marzapane e altri dolcetti che qui (all’epoca) non si trovavano. Li ri- faccio quasi ogni anno e talvolta ci faccio pure la casetta di Hansel e Gretel!! Grazie!

  2. Betty il said:

    Ho appena sformato i miei Pepparkakor ma ho trovato una difficoltà estrema nel lavorarli, nonostante le oltre 15 ore in frigo! Sicuro che non serva più farina o meno miele? Il miele in effetti é il sapore predominante…eppure mi sembra di aver seguito pedissequamente la vostra ricetta…cosa ne pensate?

    • Sempreva il said:

      Ciao Betty, penso che li hanno fatti in tanti e non hanno riscontrato i tuoi problemi. Sicura di aver pesato bene? 🙂

  3. Giovanna il said:

    Ciao Eva, posso congelare questo impasto per qualche giorno? O meglio lasciarlo in frigo? Di sicuro prima di Natale li faccio e mancano… oh mamma, solo quattro giorni!

    • Sempreva il said:

      Puoi lasciarli in frigo circa 24 ore, vai tranquilla, non ti conviene congelarlo, quando lo farai capirai anche il perchè 😀

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.