Pane naan – pane indiano

Pane naan – pane indiano

Pane naan

Il pane naan è il pane indiano più famoso al mondo. Inizialmente era un pane azzimo, senza sale, con tempo è stata modificata la ricetta e quindi inserito anche il sale, che naturalmente preferisco. Ci sono varie versioni di pane naan, c’è chi mette anche delle spezie per insaporire l’impasto, c’è chi usa la farina integrale, ma la caratteristica comune sono lo yogurt e il latte che lo rendono morbido. In India viene cotto nel Tandoor, il loro forno tradizionale, io ho cotto i naan sul testo di ghisa. Prima di arrivare a postarvi questa ricetta, credo di averne provate tre e nessuna mi soddisfaceva, poi ho visto una foto di Alessia Callegaro e le ho chiesto la ricetta. Alessia è una grandissima appassionata di cucina, ci mette molto amore e molta attenzione anche alla cura dei piatti e delle presentazioni. Avevo postato la ricetta della salsa allo yogurt e lei per gustarla ha fatto il pane naan con verdure e pollo alla griglia, mi faceva così gola che le ho chiesto la ricetta e mi sono messa a impastare. E’ stato uno scambio. 🙂 Nonostante sia momentaneamente senza planetaria non mi sono fatta frenare e ho impastato a mano, vista la scarsa idratazione di questo impasto, l’unica accortezza consiste nel farlo diventare bello liscio, ci vuole qualche bel minuto ma anche a mano è molto semplice.

PANE NAAN:

(Dose per 6 pani da 100 g circa)

  • 400 g di farina 0
  • 4 gr di lievito di birra
  • 25 g di latte
  • 200 g di yogurt bianco naturale
  • 10 g di miele d’acacia
  • 12 g di sale

Per prima cosa sciogliete il pizzico di lievito di birra nel latte tiepido. Inserite la farina, aggiungete il lievito sciolto nel latte, lo yogurt e miele nella ciotola della planetaria e fatela partire. Quando diventa un corpo unico, aggiungete anche il sale e continuate ad impastare fino ad incordare.
E’ un impasto molto sodo, come vi dicevo prima, per questo anche farlo a mano non crea nessun problema se non che ci dovete mettere un po di olio di gomito per farlo diventare una bella palla liscia. 
Dividetelo con l’aiuto di un tarocco in porzioni dal peso che desiderate, ad esempio io ho fatto palline da 100 g e ne ho ottenute sei e pirlatele. 
Spolverate appena con la farina la spianatoia e mettete le vostre palline d’impasto a lievitare ben distanziate fra loro fino al raddoppio, circa 4 ore, coperte con pellicola. 

collage naan

Al raddoppio spolverate la spianatoia e con l’aiuto di un mattarello stendete la palla d’impasto conferendole una forma circolare con uno spessore di 5 mm circa. 
Scaldate il testo e mano a mano cuocete i naan 3/4 minuti per lato a fiamma moderata. Se volete potete ungere la padella con un velo di burro. 
Quando sono ben cotti, poneteli su un piatto uno sopra all’altro e servite. 

Sono buoni caldi, tiepidi e anche freddi. Sono buoni da soli, per accompagnare della verdura oppure ripieni. Potete spalmarci della salsa, usarli tipo piadina e farcirli, oppure con una velo di aglio, un filo d’olio e una spolverata di prezzemolo. 😉 
Vi ricordiamo che potete trovarci anche sulla nostra Fanpage di Facebook e nel nostro numeroso e super attivo gruppo Pasticciando con i Fables, passate a trovarci vi aspettiamo. Eva

Pane naan 2

Precedente Insalata di finocchi arance e noci Successivo Pop corn aromatizzati curry e paprica

23 commenti su “Pane naan – pane indiano

    • Sempreva il said:

      Devi provare con un 20% sul totale della farina, cambiano i tempi di lievitazione e i pesi delle pezzature, insomma devi fare delle prove. 🙂

  1. Tiziana il said:

    molto stuzzicanti!!! 🙂 Eva se voglio farlo con p.m. ne metto circa il 20% del peso farina? Cambiano i tempi di lievitazione, lo sò…

  2. Anna il said:

    Faccio i miei naan con un’altra ricetta, ma di sicuro proverò la tua. Provali con un velo di marmellata, noi a colazione spesso facciamo così, coi naan avanzati dalla sera pri,a.

  3. Giovanna il said:

    Ciao Eva,
    mi piacerebbe molto provare la ricetta ma tornando a casa dal lavoro abbastanza tardi non riesco a fare tutto in serata. Posso spezzare in due il procedimento? Pensavo di impastare e formare le palline la sera prima, eventualmente facendo fare una prima parte di lievitazione, poi mettere in frigo (temperatura 4/6 gradi) ed il giorno dopo riprendere il procedimento fino alla cottura.
    Secondo te può funzionare?
    Grazie,
    Un saluto.

  4. Benedetta il said:

    Ciao! Ho provato questa ricetta proprio questa sera..sul sapore non c’è niente da dire, molto buono..ma l’impasto era durissimo..non so se fosse normale così o se aveva bisogno di più yogurt. È possibile? Magari la mia farina assorbe troppo. È una farina 0 di un mulino vicino casa! In ogni caso riproverò ancora con più yogurt la prossima volta perché il naan è troppo buono,poi abbinato al pollo al curry è fantastico! Grazie per la ricetta..come sempre Fables una garanzia!

    • Sempreva il said:

      Ciao Benedetta, è un impasto abbastanza sodo, ma non duro come descrivi, quindi potrebbe proprio essere colpa della farina. 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.