Pane al kamut con pasta madre

Pane al kamut con pasta madre

Non esiste avere la pasta madre e non provare a fare il pane! E allora, perché non partire da una ricetta semplice, ma che da sempre grandi soddisfazioni? Una ricetta, che ho riadattato ai miei tempi, per avere il pane in tavola a pranzo. Vi dico subito che uso questa ricetta con tutti i tipi di farina possibili e immaginabili, il risultato è sempre lo stesso, meraviglioso! Adesso vi spiego come faccio il Cafone a casa mia. Rinfresco la pasta madre nel primo pomeriggio, passate 4 ore, faccio il mio impasto così:

Pane al kamut con pasta madre:

  • 200 gr di Pasta Madre
  • 450 gr di  Farina di Kamut
  • 150 gr di Manitoba
  • 420 gr di Acqua
  • 1 cucchiaino di malto
  • 13 gr di Sale

Spezzetto la mia pasta madre nella ciotola della planetaria, ma se lo impastate a mano l’ordine degli ingrendienti è lo stesso. Aggiungo le farine e poco alla volta l’acqua tiepida e il malto. Quando poi prende corda, il sale. Lascio impastare bene, per 15 minuti circa, una volta che ben incordato, spengo la planetaria, lascio l’impasto nella ciotola mezz’ora a riposare, coperto da un canovaccio asciutto. L’impasto risulta leggermente appiccicoso, passata la mezz’ora di riposo, infarino l’asse, mi aiuto con tarocco di plastica e ribalto l’impasto. Faccio due giri di pieghe a tre e poi lo rimetto nella sua ciotola, sempre coperto e lo lascio riposare 1 ora. Passata l’oretta, altro giro di pieghe, sempre a tre. Passo la chiusura sotto e con le mani arrotondo l’impasto. Nella ciotola, coperto con un canovaccio umido, si fa la nottata in frigo (10 ore circa). Al mattino, se lo volete per pranzo dovete toglierlo presto, lo lascio ritornare a temperatura per 2 ore abbondanti, al raddoppio infarino l’asse, sgonfio l’impasto delicatamente cercando di ottenere un rettangolo alto 1 cm e taglio con il tarocco in due, questo perché prediligo pani piccoli e non pagnottoni da kg, ma voi potete anche farne solo uno! Procedo a formare il filoni, quindi, dal mio piccolo rettangolo prendo i due angoli superiori e li porto esattamente a metà, e poi arrotolo la punta ottenuta fino a chiudere. Filone fù! Appoggio i pani formati, direttamente sulla leccarda coperta con la carta da forno, li copro con il mio canovaccio e quando sono belli gonfi, circa 2 ore dopo, accendo il forno a 250°, sul gas faccio scaldare un padellino d’acqua e quando bolle lo metto sul fondo del forno, per creare umidità. Faccio i tagli al pane (alle volte metto dei semini, sesamo, girasole, semi di papavero) e inforno! 10 minuti a 250° poi tolgo il padellino con l’acqua e abbasso a 200° circa per altri 30/35 minuti (i tempi cambiano se fate un unico pane), apro il forno, busso il pane sul fondo e se suona “vuoto” lo lascio altri 10 minuti con lo sportello a fessura.

Fatelo raffreddare su una gratella.

Ah, se non ci fosse il pane…. Che mondo sarebbe? Eva

Ops, dimenticavo, per questa ricetta mi sono ispirata a questa:  http://machetiseimangiato.com/2010/04/pane-cafone-con-lievito-madre/

385591_469693933063960_1009191065_n

Pane al kamut con pasta madre Pane al kamut con pasta madre Pane al kamut con pasta madre Pane al kamut con pasta madre Pane al kamut con pasta madre Pane al kamut con pasta madre Pane al kamut con pasta madre Pane al kamut con pasta madre 

Precedente Il miglior 2013 possibile Successivo Panini laugenbrot con pasta madre

11 commenti su “Pane al kamut con pasta madre

  1. cecilia il said:

    Ciao,
    le tue ricette sono con pm solida?
    è possibile adattarle a pasta madre liquida?
    la mia la rinfresco con 100 gr di pm, 100gr di farina ed 80 gr di acqua.

    grazie mille

    • Sempreva il said:

      Noi abbiamo due solide, le nostre ricette sono tutte tarate sulla pasta madre solida, ti basta solo fare la conversione! 😉

  2. francesca il said:

    stasera impasto questo pane ma vorrei cuocerlo solo domani nel tardo pomeriggio/sera visto che già accendo il forno per pizza eva.Posso lasciare in frigo fino all’ora di pranzo?metto meno pm?grazie

    • Sempreva il said:

      Dipende dalla temperatura di casa tua…. ideale sarebbe a 28° quindi credo 4/5 ore. 🙂 Più è bassa la temperatura più tempo impiega.

  3. anna il said:

    Ciao Eva!!! Come posso fare questa ricetta senza l impiego del lievito?! E per una mia amica che è intollerante a frumento e lievito, di qualsiasi tipo….
    grazie in anticipo!!!!

    • Sempreva il said:

      Ciao Anna, io non saprei proprio cosa consigliarti in merito, nel senso che non sono esperta di ricetta SENZA lievito e sinceramente se è un intolleranza è anche una bella responsabilità, forse è meglio un bel gelato. 😀

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.