Marmellata di peperoni e peperoncino

marmellata di peperoni

Ecco, ormai ci conoscete, alle volte capita che proponiamo cose che ci diano l’occasione di presentarvi e farvi conoscere i nostri amici, perchè omaggiarli e fissarne una “fotografia” su queste pagine è una cosa che ci piace. E allora oggi è la volta di Cristina. Dai tutti in coro: “Chi è Cristinaaaaa??” Riassumendo con una sola parola possiamo dire che lei è l’equilibrio. Ed è questo il mantra che le abbiamo suggerito di ripetersi ogni mattina allo specchio prima di uscire di casa 😉 No, non sono pazzo, ora ve la spiego meglio. Dall’autunno scorso abbiamo creato un gruppo su Facebook, “Pasticciando con i Fables…“, che ha lo scopo di essere un supporto e un aiuto per chi ci segue, in modo da avere un contatto più diretto e immediato con noi. E’ nato contando circa 150 partecipanti, ed è via via cresciuto fino a contarne oggi quasi 4500. Con il tempo ha preso sempre più vita e carattere, vivendo non solo del nostro apporto ma della partecipazione di tutti coloro che condividono le loro esperienze e aiutano chi è più inesperto o ha difficoltà su determinati passaggi o tematiche. Però come in tutte le comunità, per andare sempre tutti d’accordo e rispettarsi occorre seguire delle regole, e quindi volendo farci aiutare nel seguire il gruppo da una persona, la nostra scelta non poteva che cadere su Cristina, che quindi è insieme a noi amministratrice. Ora, prendete noi due, mischiateci per bene, e come risultato avrete lei, la nostra Cri 🙂 Donna dalla memoria incredibile, capace di ritrovare un ago in un pagliaio, ha sempre la risposta giusta ad ogni domanda, andando a ripescare commenti e pareri espressi in passato su argomenti simili. Precisa e ordinata, l’unica fra noi capace di dare un minimo di ordine e di creare dei riferimenti per trovare con facilità cose utili da rivedere e rileggere, quando le proponemmo di accompagnarci nella gestione del gruppo ci chiese cosa dovesse fare. E la nostra risposta fu semplice: Cri, tu devi essere l’equilibrio! E ci ha preso in parola, così che oggi se passate da quelle parti e venite un pò a pasticciare con noi, quando sentirete di star bene in compagnia una parte del merito sarà anche di Cristina, a cui va il nostro affetto e il nostro grazie, anche per questa marmellata di peperoni che ci ha suggerito di provare 🙂

MARMELLATA DI PEPERONI: 

(Dose per 3 vasetti da 200 gr)

  • 1 kg di peperoni gialli
  • 450 gr di zucchero
  • 200 gr di aceto di vino bianco
  • 2 cucchiaini di peperoncino piccante
  • 2 cucchiaini di sale fino

Faccio un paio di note prima di scrivere il procedimento: non amo in modo particolare il peperoncino, mi piace sentirlo appena appena, forse a mio gusto ne avrei dovuto mettere meno. A dirla tutta io l’ho assaggiata calda e spiccava decisamente di più rispetto al giorno dopo. Regolatevi voi, a seconda del gusto piccante che siete in grado di sopportare. 😀 Seconda cosa: ho pelato i peperoni, perchè la buccia non la posso proprio sopportare, anche qui naturalmente è una cosa che lascio decidere a voi vi garantisco che non compromette affatto il risultato. Per il colore dei peperoni non ci sono problemi, usate quelli che preferite, in base al gusto che più vi aggrada, basta che siano tutti uguali giusto per non avere uno strano colorino nel prodotto finale, io la volevo gialla. I peperoni vanno pesati una volta puliti, senza picciolo e semini. 🙂 

Per prima cosa procuratevi dei barattoli con relativo coperchio dove conservare la marmellata, dovrete sterilizzarli anche se sono nuovi. L’operazione non è faticosa ma lunga, quindi vi consiglio di iniziare a sterilizzare i barattoli un paio d’ore prima dell’utilizzo, poiché la marmellata andrà travasata appena pronta. Prendete i peperoni: lavateli e tagliateli a metà, togliete i semi, il picciolo e le parti bianche interne. Se volete li potete anche sbucciare. Tagliate ogni metà in due parti uguali e poi con un coltello grande ricavatene delle listarelle larghe 5 mm circa. Raccogliete tutti i peperoni tagliati in una ciotola, quando avrete finito aggiungete il resto degli ingredienti: zucchero, aceto, peperoncino e sale. Mescolate bene con un cucchiaio di legno in maniera che i sapori si amalgamino in maniera omogenea. Coprite la ciotola con la pellicola trasparente e lasciate il tutto a macerare per 1 ora.

10565676_792834577416559_1249378529_n

Trascorsa l’ora di riposo, trasferite tutto in una casseruola e ponetela sul fuoco. Dopo circa 10 minuti, quando prenderà un bel bollore, abbassate il fuoco al minimo e procedete la cottura fino a che non saranno cotti i peperoni, basterà punzecchiarli con una forchetta. Quando saranno cotti i peperoni, togliete la casseruola dal fuoco, passateli grossolanamente con il frullatore ad immersione direttamente nella casseruola e rimettete sul fuoco, sempre al mimino, fino ad ottenere la consistenza della marmellata. Per me ci sono voluti circa 40 minuti, prendete questo tempo indicativamente, regolatevi. Per verificare la consistenza, vi consiglio di fare la “prova piattino”: versate un cucchiaino di marmellata su un piatto e inclinatelo. Se la marmellata scivola via velocemente dovrete prolungare ancora la cottura, in caso contrario se è densa e scivola via lentamente è pronta. Nota importante: la marmellata non deve essere troppo dura e soda mentre cuoce, quella è una cosa che avviene durante il raffreddamento. Sarà sempre più morbida bollente, non fatevi ingannare dal suo aspetto, altrimenti rischiate di cuocerla per troppo tempo. Con l’aiuto di un mestolo travasatela nei vasetti che avrete preparato, riempiendoli dal tutto e chiudeteli ermeticamente. Lasciateli raffreddare capovolti, ossia appoggiateli dalla parte del tappo e copriteli con un coperta per farli raffreddare dolcemente. Una volta freddi conservateli al buio. La confettura è più buona se la consumate almeno dopo 15 giorni, ma visto che ne avete fatto più di un vasetto, direi che il minimo è assaggiarla a cena. 

Superlativa. Buonissima. Mangiata con il formaggio è divina, da non riuscire a smettere, nonostante la sua nota piccante. Come sapore ve lo posso paragonare ai peperoni sottaceto, piccanti, ovviamente. Buona anche sul pane, ma sul formaggio è come biscotti e nutella, non mi viene in mente paragone migliore. Toglietemi quel barattolo! 😀 Ve la stra consiglio, per le vostre cene fra amici, merende salate, aperitivi e tanto altro. Rimarrete stupidi dalla sua bontà. Vi ricordiamo che potete trovarci anche sulla nostra Fanpage di Facebook, passate a trovarci vi aspettiamo. Eva

10513316_792771210756229_2722696764733536237_n

 Marmellata di peperoni e peperoncino Marmellata di peperoni e peperoncino Marmellata di peperoni e peperoncino Marmellata di peperoni e peperoncino Marmellata di peperoni e peperoncino Marmellata di peperoni e peperoncino Marmellata di peperoni e peperoncino Marmellata di peperoni e peperoncino Marmellata di peperoni e peperoncino

 

 

Precedente Ricette con zucchine - la raccolta Successivo Pan bauletto con lievito madre ai cereali

10 commenti su “Marmellata di peperoni e peperoncino

  1. Roberta il said:

    Carissimi, i peperoni sono un ortaggio che amo moltissimo, ma devo necessariamente eliminare le bucce per poterli digerire. In quale fase della preparazione mi consigliate di rimuoverle? Grazie come sempre per le vostre gustose idee!
    Roberta

    • Sempreva il said:

      Roberta, è scritto. In due punti diversi. Ho specificato che io li ho pelati. Durante il procedimento dico: se li volete pelare, ora. Prima di tagliarli a listarelle. 😀

      • Roberta il said:

        Grazie per la precisazione, con la mia prima lettura frettolosa non avevo notato l’indicazione. Alla prossima ricetta! 🙂

  2. Sonia il said:

    Gentilissimi, i due cucchiaini di peperoncino si riferiscono al peperoncino in polvere oppure a due cucchiaini di peperoncino fresco? Grazie

    • Sempreva il said:

      Aria, mi dispiace ma noi non abbiamo il bimby, né la minima idea di come possa essere il procedimento. Credo che tu sia più competente di noi in materia, visto che lo usi. 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.