Focaccia alle patate con pasta madre

Focaccia alle patate

E’ lei! Amore a prima vista. Era lei che tante volte ho provato a fare, era lei che volevo mangiare, era lei che volevo sulla mia tavola! Ho visto la foto e ho capito, la devo assolutamente rifare! Ringrazio Ciro, per la ricetta e per avermi illuminata! Una focaccia adatta per ogni occasione, un pranzo al volo, merenda, aperitivo con gli amici, per accompagnare una cena. Morbidissima e gustosa. La stavo aspettando. Croccante fuori, ma con la sofficità che solo le patate sanno dare ad un impasto. E per di più, a lievitazione naturale con la mia adorata Pasta Madre. Vediamo come fare.

Focaccia alle patate con pasta madre

Dosi per una teglia da 32 cm

  • 100 gr di Pasta Madre (rinfrescata)
  • 300 gr di Farina 0
  • 75 gr di Acqua
  • 75 gr di Latte
  • 100 gr di Patate lesse (una patata media)
  • 5 gr di zucchero
  • 20 gr di Olio evo
  • 8 gr di Sale

Per la finitura

  • q.b. di Emulsione di Acqua e Olio evo in pari quantità
  • q.b. di Sale grosso

Usiamo la pasta madre a 4 ore dal rinfresco. Nel frattempo che aspettiamo la sua giusta maturazione, mettiamo a lessare una patata di grandezza media, e una volta lessa pesiamone 100 gr che schiacceremo per dargli modo di raffreddarsi. Nella ciotola della planetaria spezzettiamo la nostra pasta madre, aggiungiamo la farina, l’acqua tiepida, il latte a temperatura ambiente, lo zucchero e le patate passate. Se lo fate a mano, l’ordine degli ingredienti naturalmente è lo stesso. Facciamo partire la planetaria e aspettiamo che l’impasto prenda corpo, aggiungiamo gradatamente l’olio EVO e successivamente il sale. Portiamo a incordatura. Quando l’impasto risulta liscio ed omogeneo, facciamo una bella palla e lo lasciamo riposare per mezz’ora sul piano di lavoro infarinato, coprendolo a campana con una ciotola. Passato questo tempo, diamo un giro di pieghe al nostro impasto come è possibile vedere nella griglia di fotografie di questo post, e dopo averlo arrotondato lo riponiamo in una ciotola coperto con pellicola, lontano da correnti d’aria fino al raddoppio, cioè per circa 6 ore.

Focaccia alle patate

Quando l’impasto avrà raddoppiato, lo ribaltiamo su una teglia ben unta con olio, e delicatamente lo allarghiamo in modo da coprire tutta la superficie. Gli lasciamo recuperare la lievitazione per altre due ore. A questo punto, possiamo creare degli avvallamenti con le dita che permetteranno in cottura di avere una colorazione non uniforme e un aspetto molto appetitoso, spennellare bene con  abbondante acqua e olio EVO in pari quantità emulsionati insieme. Poi cospargiamo di sale grosso. In questo caso, io ho anche affettato una cipolla rossa con cui ho farcito la superficie, per dare un sapore più deciso alla mia focaccia. A vostro gusto, insomma! Scaldiamo il forno a 200° in modalità statica e inforniamo una volta caldo per 30/35 minuti, dipende dal vostro forno.

Non mi resta che dirvi godetevela, davvero! La consistenza a mio parere è perfetta, la patata dona una morbidezza incredibile! Ora, che ho stretto amicizia con questo impasto, non lo lascio più! Eva.

focaccia alle patate

focaccia alle patate

 

 

39 thoughts on “Focaccia alle patate con pasta madre

  1. Ciao Eva, pensavo di preparare oggi questo spettacolo di focaccia: ho delle patate già lessate, se le schiaccio con la forchetta, dici che va bene ugualmente?

  2. Ho provato a farla qualche giorno fa,è piaciuta così tanto che stamattina l’ho preparata di nuovo e tra poco va’ in forno!!!Slurp

  3. Ciao e grazie per la condivisione di queste delizie…. Mmmmmm… Volevo chiedere una cosa, se non usassi il latte? Sarebbe meglio cercare di sostituirlo con altro latte vegetale o va bene solo acqua? Mille grazie, intanto vado a rinfrescare 🙂 Miriam

  4. Ciao, volevo ringraziarti perché le tue ricette sono sempre di sicura riuscita! Ho già fatto la pizza con 24 ore di lievitazione: una bontà! Ora sto preparando questa focaccia che sono certa non mi deluderà!

  5. posso impastarla alla sera e metterla poi in frigo e così faccio fare l’ultima lievitazione al mattino ed è pronta per pranzo1?!?

  6. quindi se impasto stasera e poi la metto in frigo, quanto devo farla lievitare domani mattina prima di stenderla e quanto dopo averla stesa…in modo che sia pronta per le 11? Grazie!!!

      • come vedi arrivo ancora più tardi a vedere la risposta…;-) poi è saltato il pranzo con ospiti quindi ho fatto tutto come al solito…però vorrei imparare bene i tempi per la prox volta. Se inforno per cena seguo procedimento normale, se invece voglio prepararla per pranzo? Grazie mille!!

        • Impasti alla sera, dopo mezz’ora di riposo fai le pieghe e la metti in frigo fino a mattina. Togli dal frigo, lasci acclimatare un paio d’ore, stendi in teglia e dopo 1 oretta puoi infornare, ma la vedi, quando è bella gonfia! 😀

          • Sabato Battesimo del mio piccolino…dovrò impastare circa una decina di focacce…quanto tempo posso farle lievitare in frigo? Pensavo di impastare venerdì sera, tenere in frigo fino a sabato pomeriggio verso le 14, lasciare un paio d’ore fuori, poi stendere e cuocere dopo la cerimonia…che dici è troppo? Riesco a cuocere più di una focaccia per volta in un normale forno elettrico di casa?
            Grazie mille dei tuoi sempre preziosi consigli!

          • Per me ti conviene cuocere al mattino, quindi presto le toglierai dal frigo le fai acclimatare e via. Credo che due alla volta tu le possa cuocere! 🙂

  7. Ho da poco creato il mio lievito madre e sono quindi alle prime armi con il suo utilizzo.Ho già realezzato la pizza seguendo la vostra ricetta con lievitazione in frigo di due giorni: è venuta buonissima. Vorrei provare questa focaccia, ma ho una domanda: pet ottenere i cento grammi di lievito nadre richiesto dalla ricetta, posso partire da venticinque grammi di lievito e procedere a tre rinfreschi consecutivi? Così. evito inutili sprechi di pasta madre,come mi è successo finora, e forse tolgo acidità al mio giovane lievito.Grazie Per la risposta,Alessandra

  8. Ciao! volevo provare a fare la focaccia per domenica sera, per fare tutto in giornata il lievito lo rinfreschi molto presto alla mattina oppure la sera prima?
    Altrimenti faccio il passaggio in frigo alla notte ma così cuocio in mattinata/primo pomeriggio giusto? Scusami ma mi piacerebbe servirla calda alla sera…grazie!!

  9. Ciao Eva! ho già fatto e rifatto questa buonissima focaccia…! 🙂 Ora volevo chiederti se con lo stesso impasto sia possibile fare anche il pane di patate… Ho visto che hai già postato la ricetta, ma col lievito di birra, e contiene molte più patate. Che mi consigli?
    Inoltre credo che i tempi di lievitazione cambieranno, ma eventualmente con quelli dovrei riuscire ad arrrangiarmi!! 😉
    Grazie mille!!! un bacio!

      • Ehm ehm… quello che voglio ottenere di preciso??? Sinceramente è più una sfida che mi hanno lanciato, dato che sia in val di gresta che al bleggio viene prodotto, ma non con pm.
        Cmq lo DEVO assolutamente fare… sia mai detto che io non accetti una sfida in cucina… MAI!! 😀
        Cmq nei prossimi giorni provo ad impastare qualcosa sulla base delle vostre due ricette… e vedo che ne esce… 🙂 sono fiduciosa!
        Ciao e grazie!! 🙂

  10. mangiata per cena, nonostante avessi ridotto le ore di lievitazione (5 h anzichè 6 1 h in teglia anzichè 2), devo dire che è la focaccia più buona che avessi mai provato!!!!
    Grazie

    • No devi fare la conversione. 🙂
      Dose di solida diviso tre. Due parti son di licoli da usare e la terza parte è di farina da aggiungere all’impasto.

  11. Ciao Eva 🙂 prima di tutto buone Feste 🙂
    Volevo provare questa focaccia e vorrei prepararla per pranzo! ho letto i commenti precedenti e consigli di impastare la sera, mettere in frigo e al mattino far acclimatare un paio di ore per poi stendere in teglia…ma quindi mettendola in frigo a maturare, non è necessario aspettare il raddoppio nelle 6h di lievitazione?
    Grazie 🙂

  12. Ciao Eva….vorrei preparare l’impasto con le patate per fare le pizze per il sabato sera….vorrei tenerla in frigo la notte …..come devo Fare?

    • Finito di impastare la metti in frigo, al mattino la togli dal frigo la fai raddoppiare e poi procedi come sempre. 🙂

Rispondi