Brioche vortici di cacao e lamponi

Brioche vortici di cacao e lamponi

C’era una volta la storia di una passione, un’attrazione irresistibile fra due anime molto diverse, ma fatte per vivere in un abbraccio dolce e goloso. Un chiaro scuro di gusto e sapore, un rincorresi e uno sfuggirsi,  continua lotta per prevalere l’uno sull’altro, ma ritrovarsi sempre insieme in una rotonda armonia. Un’unione fatta per essere perfetta, indissolubile, peccaminosa. Perchè da sempre, cioccolato e lamponi, sono sinonimo di peccato! E come tutti i peccati, ci vogliono dei peccatori per commetterli, e anche per lasciarvisi andare e abbandonarsi su  questa lasciva  strada verso l’oblio dei sensi. E volendo dar vita ad una brioche che alla mattina desse al mio risveglio il brivido della trasgressione, non potevo che pensare ad un vortice bruno in cui il gusto del cioccolato si mischiasse come fosse un’unica cosa con la dolcezza e l’acidità dei lamponi. Una brioche soffice e dolce, e al tempo stesso umida e scioglievole, che ha il meglio di se nel suo cuore. L’amante perfetta insomma per la prima colazione. Mi sono fatto rapire da questo vortice esotico, e mi son fatto trasportare ad occhi chiusi. Però per realizzarla, li ho tenuti ben aperti…ecco come!!

Brioche vortici di cacao e lamponi

  • 480 gr di Farina 320 W (350 gr Manitona e 130 gr di farina 00)
  • 20 gr di Cacao amaro in polvere
  • 125 gr di Lievito naturale solido
  • 240 gr di Latte intero fresco
  • 10 gr di Miele
  • 60 gr di Tuorli d’uovo (circa 3 tuorli)
  • 140 gr di Zucchero di canna
  • 100 gr di Burro
  • 2 gr di Sale

Per la finitura

  • 200 gr di Confettura di lamponi

Nella ciotola della planetaria con il gancio, versiamo le farina e il cacao setacciati insieme, il lievito in pezzetti, lo zucchero di canna, e il latte dove avremo sciolto il miele, e lasciamo lavorare fino ad avere un impasto coeso anche se abbastanza duro. Iniziamo ad aggiungere i tuorli, uno alla volta, aspettando che l’impasto  abbia ben assorbito il precedente prima di aggiungere il successivo, facendo si che risulti sempre incordato, cioè elastico e omogeneo. Dopo i tuorli, è la volta del burro in pomata, cioè a circa 25°C, che aggiungeremo un pò per volta sempre fino a completo assorbimento. Finiamo con il sale. Alla fine l’impasto deve risultare liscio, elastico e asciutto. Se impastiamo a mano, l’ordine degli ingredienti non cambia. Pirliamolo per bene sul piano lavoro e riponiamolo in ciotola coperta da pellicola nel frigorifero per almeno un’ora. Possiamo anche lasciarlo tranquillamente più ore e gestire così al meglio i nostri tempi. Dopo il riposo in frigorifero, riprendiamo l’impasto e dividiamolo in due parti uguali. Prendiamole singolarmente, e stendiamole con il mattarello ad uno spessore di non oltre i 5 millimetri, avendo così un rettangolo di circa 25 x 45 cm con il lato lungo parallelo a noi. Spalmiamo uno strato leggere e uniforme di confettura di lamponi aiutandoci con una spatola o il dorso di un cucchiaio. Stiamo attenti però a lasciare pulito dalla confettura il bordo vicino a noi per almeno due centimetri, che ci serviranno come chiusura. Adesso, partendo dall’alto, arrotoliamo il rettangolo facendo un rotolo abbastanza stretto e chiudendolo con il bordo a noi vicino che abbiamo lasciato senza confettura. Cerchiamo di far aderire bene per avere un rotolo perfettamente chiuso.  

 Adesso avvolgiamo il nostro rotolo in un foglio di carta forno che chiuderemo agli estremi arrotolandoli come si fa per la carta di una caramella, e riponiamolo in frigorifero. Facciamo la stessa cosa per l’altra metà dell’impasto che nel frattempo avremo lasciato in frigorifero. Lasciamo i due rotoli avvolti nella carta forno nel frigorifero per almeno un’ora, e poi riprendiamoli, liberiamoli dall’involucro, e con un coltello a lama affilata tagliamo i rotoli a fette spesse circa 3 centimetri di spessore, e sistemiamole sulle teglie rivestite di carta forno con il taglio verso l’alto. Tagliando cerchiamo di non schiacciare e deformare le fette, mantenendo la forma tonda. Sistemiamo le girelle appena tagliate ad una certa distanza l’una dall’altra, perchè in lievitazione e cottura si allargheranno molto. Copriamo con pellicola senza pressare e mettiamo a lievitare al caldo (possibilmente 28°C) per circa 8/10 ore. Quando pronte, cuociamo in forno già caldo a 175°C statico per circa 15/18 minuti. Sforniamo e lasciamo raffreddare su una gratella.

Dopo averne già partorite diverse, ammetto che quest’ultima nata dalla mia fantasia, questi vortici, mi hanno conquistato e sono diventati senza ombra di dubbio i miei preferiti, Un impasto buono per farci qualsiasi cosa e per dargli qualsiasi forma, gustoso, profumato, e ben equilibrato. Va a nozze con la confettura di lamponi, ma sicuramente si sposerà bene anche con altri sapori. Ad ognuno l’estro di sperimentare. E come sempre, anche questa volta, immancabilmente, vissero tutti felici e contenti, in un vortice rapiti!

Vi ricordo di passare a trovarci anche nella nostra Fanpage di Facebook! 🙂 

Brioche vortici di cacao e lamponi Brioche vortici di cacao e lamponi Brioche vortici di cacao e lamponi Brioche vortici di cacao e lamponi Brioche vortici di cacao e lamponi Brioche vortici di cacao e lamponi Brioche vortici di cacao e lamponi

Precedente Brioche Cuor di pera al cioccolato Successivo Pane con farina di mais a lievitazione naturale

16 commenti su “Brioche vortici di cacao e lamponi

    • Fables de Sucre il said:

      Fabio io sono sempre per lievitazioni lente, quindi sostituisci la pasta madre con non oltre 5 gr di ldb, e accorcia i riposi in frigo, magari falli più brevi ma in freezer, perchè il ldb lievita anche in frigorifero e corri il rischio di non riuscire a gestire gli impasti e le forme. Per i tempi, cerca di andare ad occhi magari confrontando con le foto del post…

  1. Valentina il said:

    ciao, complimenti, cioccolato e lamponi sono le mie leccornie preferite, quindi non vedo l’ora di provare questa ricetta, grazie per avercela regalata! volevo chiederti, secondo te se ne volessi congelare una parte per la colazione di tutta la settimana, lo dovrei fare dopo la cottura o prima? PS il mio forno è solo ventilato…spero non sia irrimediabile. Grazie

    • Fables de Sucre il said:

      Si, io le ho congelate e lo sto mangiando al mattino lasciandole la sera fuori dal freezer e mettendole qualche secondo in microonde al mattino per averle tiepide, che è sempre meglio. Per il ventilato se non puoi evitarlo va bene lo stesso, ma abbassa la temperatura, tieniti sui 160/165°C…

  2. fantastiche anche queste, fatte l’altra sera e cotte appena sveglia, STATE DIVENTANDO I MIEI SPACCIATTORI UFFICIALI DI RICETTE CON LIEVITO MADRE, come per la brioche fior di latte, posso mettere la ricetta sul mio blog

  3. vorrei rifare questa splendida ricetta, ma non amo la manitoba…purtroppo ho letto di tutto su questa farina…posso sostituirla con altro tipo che mi consenta di realizzare lo stesso queste meraviglie? grazie e complimenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.