Bigne con crema chantilly

Bigne con crema chantilly

Uno dei più grandi classici della pasticceria Italiana è sicuramente il bignè. E come mai noi non avevamo ancora la ricetta sul blog? Perchè di cose ne vogliamo fare mille, ecco perchè. Ma oggi presa da una voglia pazzesca di dolce, cosa che non succede spesso, li ho fatti, farciti, glassati e mangiati. Si fanno davvero velocemente, in 15 minuti la pasta choux è nella sac a poche pronta ad essere trasformata in piccoli bignè da cuocere. La pasta choux è adatta sia per accompagnare una farcia salata che una morbida e dolce crema, in forno cuocendo si gonfia creando una cavità all’interno del guscio di pasta pronta ad accogliere il ripieno che avrete scelto. Nel mio caso: bignè con crema chantilly, successivamente verranno glassati o ricoperti di cioccolato. Insomma, ci vuole solo una buona mano con la sac a poche per il resto sono un gioco da ragazzi. Per inciso la mano io me la sono fatta alla terza teglia. 😉 

BIGNE’ CON CREMA CHANTILLY: 

Pasta choux:

(Per circa 50 bignè)

  • 220 gr di acqua
  • 200 gr di burro
  • 210 gr di farina debole W 160
  • 375 gr di uova intere (circa 7 uova medie)
  • 1 gr di sale

Chantilly: 

  • 350 ml di panna fresca
  • 70 gr di zucchero a velo 
  • 1 bacello di vaniglia

Per la glassa: 

  • q.b. zucchero fondente o cioccolato 

Vi consiglio di preparare tutti gli ingredienti, quindi: mettere in un pentolino capiente l’acqua, il sale e il burro a pezzetti di circa 3 cm, setacciare in una ciotola la farina, rompere le uova in un piatto e pesarle. Accendere il fuoco (fiamma forte) e portare a bollore l’acqua con il burro e il pizzico di sale. Importante è che l’acqua arrivi a bollore con il burro perfettamente fuso, per questo va tagliato a piccoli pezzetti, se non dovesse succedere, togliete momentaneamente dal fuoco il pentolino girate con un mestolo e quando il burro si sarà completamente sciolto, riponete nuovamente sul fuoco. Quando il liquido prende un bel bollore, versate in una sola volta tutta la farina e mescolate energicamente, l’impasto tenderà a rassodarsi, i grumi non si formeranno per il grasso contenuto all’interno del composto. Quando l’impasto si staccherà perfettamente dai bordi del pentolino, spegnete il fuoco e versate il composto nella ciotola della planetaria e iniziate a far girare la macchina con la foglia per qualche minuto per farlo raffreddare, poi potete procedere incorporando le uova. Lasciate lavorare la macchina fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo, assomiglierà alla crema pasticcera una volta finito. Mettete l’impasto in una sac a poche con bocchetta liscia e preparate le teglie per poterlo spremere. Le teglie vanno pennellate con il burro e successivamente passate con della carta da cucina per togliere l’eccesso.

1546461_706133486086669_599356794_n

Con l’aiuto della sac a poche andiamo a modellare l’impasto: fate dei ciuffetti tenendo la bocchetta laterale (quindi lavorando in orizzontale) e dando un colpetto verso l’alto per tagliare la pasta. Fateli della dimensione di una noce, in forno poi sbocceranno diventando grandi come mandarini, ricordatevi di lasciare lo spazio necessario fra uno e l’altro tenendo conto dello sviluppo in cottura. Cuocete in forno statico a 220° per 15 minuti, ricordandovi a 3/4 di cottura di aprire il forno a fessura 2 secondi per far uscire l’umidità. In cottura come ho già detto prima, li vedrete sbocciare e gonfiarsi, saranno cotti quando sono ben dorati. Fino a qui il procedimento è identico che abbiate deciso di servirli con una farcia salata o dolce.

Per quanto riguarda me li ho fatti dolci, ripieni di crema chantilly così: versate in planetaria la panna fresca ben fredda, tagliate il baccello di vaniglia e prelevate con la punta del coltello solo i semini al suo interno e aggiungeteli alla panna. Con la frusta iniziate a montare incorporando pian piano lo zucchero a velo. Montate fino a quando il composto risulta gonfio. Inserite la crema in sac a poche e con una bocchetta liscia bucate i bignè e riempiteli al loro interno. Sciogliere lo zucchero fondente, oppure il cioccolato, in microonde e intingere la cupola dei bignè per la glassatura.  Lasciati riposare un paio d’ore e serviti. Potete anche tagliare la calotta e riempirli con sac a poche, lasciando così la crema a vista, spolverizzandoli con zucchero a velo. Farcirli con panna, crema pasticcera, crema al cioccolato, mascarpone e nutella e poi glassarli con una colata di cioccolato fondente, bianco o cremino. Largo alla vostra fantasia! 

Giulia, appena rientrata dall’asilo mi ha subito chiesto: “Ma che cos’è questo profumino?!” “La merenda amore, vieni guarda cosa ti ho fatto!” 🙂 Eva

Vi invitiamo a fare un giro sulla nostra Fanpage su Facebook e nel nostro gruppo, Pasticciando con i Fables, dove è nata una bella comunità di appassionati che si aiuta gli un gli altri e dove organizziamo dei “facciamolo insieme”.

1459065_706366152730069_440729915_n

1800428_706366212730063_290309079_n

Bigne con crema chantilly Bigne con crema chantilly Bigne con crema chantilly Bigne con crema chantilly Bigne con crema chantilly Bigne con crema chantilly Bigne con crema chantilly Bigne con crema chantilly Bigne con crema chantilly Bigne con crema chantilly Bigne con crema chantilly Bigne con crema chantilly Bigne con crema chantilly

Precedente Spatzle con speck ricetta Successivo Cupcake al cacao ricetta

17 commenti su “Bigne con crema chantilly

  1. Cristina il said:

    Molto belli mi hai fatto venire voglia di provarli. Si potrà usare metà delle dosi? 50 bignè finisce che me li mangio tutti io O_O.
    Complimenti per il blog: belle ricette e ben scritto

  2. Eva Zenzero il said:

    Ti pareva che i Fables non avessero la ricetta perfetta per i bigné? E che bei cavoletti :PPPP
    Domani sera ci darò dentro con un sontuosissimo profiterole… 😉 quando farò le analisi del sangue dirò al medico di mandare il conto a voi due ^_^

  3. Luisa il said:

    Ciao! la parte in cui si scioglie il burro con acqua e poi si incorpora la farina, è possibile farla con il kenwood cooking chef? a che temperatura consigliate? e con che frusta? Io farei 90°C con frusta flexy.
    Grazie 🙂
    Luisa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.