Baci di dama

Baci di dama

Buon San Valentinooooooo!!!!! La ricetta dei Baci di dama, finalmente! Avevo provato qualche tempo fa a riprodurli ma la ricetta che usai all’epoca aveva qualcosa di strano perchè i miei sembravano più macarons, piatti. Poi quando sono passata da Massari a far colazione, avevo chiesto anche a lui quale potesse essere il motivo e mi aveva elencato qualche opzione. Settimana scorsa sono andata a pranzo con la mia amica Lara, quella che a Natale fa quaranta tipi di biscotti diversi, ve ne ho parlato nel post dei biscotti al cappuccino che trovate QUI. Era tantissimo che non ci vedevamo, abbiamo chiacchierato, mangiato, riso e scherzato. Prima di andare via le ho chiesto di girarmi la sua ricetta dei Baci di dama, che ricordavo molto buoni e soprattutto belli. Sono venuti deliziosi, veramente molto buoni, friabili, profumati, insomma uno tira l’altro! Very pericolosi. 😛 L’unica difetto che hanno è la formatura che è davvero una rottura di scatole, ma io ho usato l’arma segreta: Giulia. Avevo preparato l’impasto sabato sera e così domenica mattina ho messo mia figlia a fare i pesi armata di coltello e bilancia e io mi sono dedicata a fare le palline. Volete preparare un sacco di baci di dama anche voi?

BACI DI DAMA: 

(Dose per 50 biscotti) 

  • 160 g di burro
  • 120 g di zucchero
  • 160 g di nocciole
  • 160 g di farina 00 debole
  • 1/4 di bacca di vaniglia
  • 2 g di sale

Per farcirli: 

  • 100 g di cioccolato fondente

I veri Baci di dama si fanno con le nocciole, potete sostituirle con le mandorle, cambia il sapore e anche il colore ma non il risultato. Per accoppiare i biscotti si usa il cioccolato fondente, se non vi piace potete mettere quello al latte o gianduia, vi sconsiglio di usare la crema di nocciole poiché non solidifica. Se siete allergici alla frutta secca, vi invito a dare un occhiata a tutti i nostri biscotti e quindi scegliere qualcosa di più adatto.

Per prima cosa mettete il burro a temperatura ambiente per circa un’oretta, dovrà avere una temperatura di circa 13°C. Mettete nel mixer le nocciole con lo zucchero e frullatele fino ad ottenere una farina. Non esagerate, altrimenti le nocciole scaldandosi inizieranno a far uscire il loro olio diventando una “pasta”. 
Mettete il burro plastico nella ciotola della planetaria e montate il gancio K (foglia), aggiungete la polvere di nocciole e zucchero e fate partire la planetaria, quando gli ingredienti si saranno amalgamati fra loro versate anche la farina, i semi della bacca di vaniglia e il sale. 
Lavorate pochissimo l’impasto, giusto il tempo di far assorbire la farina, dopodiché compattatelo con le mani, fatene un panetto piatto e rettangolare, avvolgetelo con la pellicola e ponetelo in frigo per 4/5 ore. Meglio ancora se lo fate la sera prima per il giorno dopo. 

Una volta passato il tempo di riposo il frigo, riprendete l’impasto dei baci di dama e ricavatene porzioni da 6/7 g l’una, formate le palline facendo roteare l’impasto fra i palmi delle mani e poggiateli su una teglia rivestita da carta forno. 
Una volta completata la prima teglia, mettetela in frigo per trenta minuti circa e procedete formando il resto dei biscotti. Nel frattempo accendete il forno a 160°C in modalità statico. 
Quando il forno raggiunge temperatura cuocete una teglia di biscotti alla volta (mentre la prima va in forno la seconda passa in frigo), per circa 15 minuti, per regolarvi meglio controllate che i bordi siano dorati. 
Sfornate i biscotti e lasciateli raffreddare sulla leccarda, appena escono dal forno sono MOLTO morbidi, rischiate di rovinarli spostandoli. Si induriscono man mano che raffreddano. 
Quando saranno completamente freddi, sciogliete il cioccolato fondente a bagno maria, versatelo in una sac a poche usa e getta e aspettate che raffreddi. Per poter farcire i biscotti bisogna aspettare che il cioccolato sia piuttosto denso, potete accelerare il processo mettendolo in frigo appena intiepidisce. 
Nel frattempo accoppiate i biscotti cercando due metà che siano ben proporzionate fra loro e girateli per comodità. 
Tagliate una piccola parte della punta della sac a poche usa e getta e mettete una nocciolina di cioccolato solo su metà biscotti. Uniteli fra loro e aspettate che il cioccolato raffreddando si rapprenda. Una volta che sono completamente asciutti potete conservarli in una scatola di latta. 

La mia piccola è stata bravissima, non vi dico nemmeno quanto tempo abbiamo impiegato a formare i baci di dama, ma lei è stata veramente molto precisa a fare le porzioni ed è per questo che sono venuti tutti belli e uguali fra loro. 🙂 
Vi ricordiamo che potete trovarci anche sulla nostra Fanpage di Facebook e nel gruppo Pasticciando con i Fables, passate a trovarci vi aspettiamo. Eva

 

6 thoughts on “Baci di dama

    • Ciao Antonia, copio dal post perchè è scritto, forse non hai letto: “Una volta passato il tempo di riposo il frigo, riprendete l’impasto dei baci di dama e ricavatene porzioni da 6/7 g l’una, formate le palline facendo roteare l’impasto fra i palmi delle mani e poggiateli su una teglia rivestita da carta forno.” Una volta cotte le palline vanno accoppiate fra loro.

  1. ciao, complimenti per il blog, è davvero molto carino, come carini sono questi tuoi baci.
    Se ami i baci di dama come me, ti consiglio di lasciar perdere coltello e bilancino. Io per fare prima, stendo l’impasto con il mattarello, poi con un piccolo coppapasta ritaglio dei dischetti che poi arrotolo a pallina. In un battibaleno ottieni tanti bacetti tutti perfettamente uguali!
    🙂

    • Avevo letto anche “questa tecnica”, ma stendi coppa, reimpasta ecc… secondo me la seconda stesa non viene come la prima in termini di prodotto finito. Comunque la parte rognosa l’ha fatta la mia super aiutante senza lamentarsi, anzi ieri abbiamo fatto altri biscotti e indovina chi li ha porzionati? 😉

Rispondi