Alberi natalizi di meringa francese

Alberi natalizi di meringa francese

Alberi natalizi di meringa franceseQuesto dicembre per me è stato davvero un mese pieno. Pieno di impegni, di corse, di cose non fatte, rimandate e di riflessioni. Non certo le classiche riflessioni di fine anno, ma è andata, è finita, ho imparato cose nuove e nuove lezioni di vita. Sto lentamente tornando alla normalità e ne sono felice, mi mancava tutto questo! Il mio blog grazie al cielo è rimasto qui nonostante l’abbia davvero trascurato, nel periodo meno indicato dell’anno, ma non è stato facile far quadrare tutto. Devo dire un enorme e immenso grazie a Claudio che ha remato per due in questo ultimo mese, facendo finta che nulla fosse successo. Grazie va detto anche a Cristina e Maria che sono preziose e  insostituibili, hanno fatto anche la mia parte nel nostro gruppone che nei mesi di novembre e dicembre non dorme mai ed è sempre in fermento. Insomma il tempo è stato poco e l’umore non era quello giusto, ma questi alberi natalizi di meringa erano troppo carini per far vincere la stanchezza e così li ho fatti. Sono mignon, sono alti circa due centimetri e mezzo. Tenerissimi, se avete una buona mano e confidenza con la sac a poche, sono un gioco da ragazzi. 

ALBERI NATALIZI DI MERINGA FRANCESE: 

(Dose per 30 alberelli circa)

  • 50 g di albume
  • 100 g di zucchero a velo
  • 1 cucchiaino di succo di limone
  • Colorante verde

Per decorare: 

  • Codette colorate
  • Stelline di zucchero

Il colorante che ho usato è in gel, per ottenere questo verde ne basta un mezzo cucchiaino. Potete usare anche il colorante in polvere, ma secondo me bisogna metterne troppo rischiando di pregiudicare il sapore della meringa.

Indipendentemente se fate la meringa perchè avete albumi in avanzo o le fate perchè ne avete voglia, dividete i tuorli dagli albumi quando le uova sono fredde perchè si dividono meglio, ma prima di montare gli albumi lasciateli tornare a temperatura ambiente, basteranno un paio d’ore fuori frigo. E’ molto importante che negli albumi non vi sia nessuna traccia di tuorlo.
La proporzione di albume e zucchero per avere delle meringhe croccanti è 1:2, quindi lo zucchero dovrà essere il doppio del peso degli albumi e aggiungete un cucchiaino di succo di limone ogni 100 g di albume, l’acidità aiuta a stabilizzare la montata.

Pesate gli albumi, aggiungete il succo di limone e il colorante verde, iniziate a montarli a bassa velocità, con la planetaria o con il frullino elettrico, alzate un pochino la velocità e continuate così fino a quando non otterrete una schiuma morbida e poi procedete ad alta velocità quando avranno quadruplicato il loro volume iniziale. Solo quando avrà quadruplicato il volume potete iniziare ad aggiungere lo zucchero a velo poco per volta, continuando sempre a montare. Lo zucchero dovrà sciogliersi completamente, ci vorranno circa 15/20 minuti.
La prova del nove è il becco d’aquila. Quando la vedete ben montata, spegnete la planetaria e controllate se il composto rimasto attaccato alla frusta è lucido, omogeneo, sodo e ponendolo in orizzontale la curva pende verso il basso in una figura tipica che vi ricorda, appunto, il becco di un’ aquila.

collage-alberi-natalizi-di-meringa-minNel frattempo accendete il forno in modalità ventilata a 85° C e rivestite due teglie con un foglio di carta forno.
Trasferite il composto in una sac a poche munita di beccuccio liscio. Per fare questi teneri alberi di meringa è solo una questione di mano, non ci sono trucchi. Dovete per prima cosa fare tutte le meringhette di base, l’importante è avere ritmo. 😀 Per fare degli alberi precisi e dritti vi conviene mettere la teglia su un piano basso, ad esempio io mi sono messa sul tavolo e non sul piano della cucina per stare più comoda, il secondo ciuffo andrà dressato esattamente sopra la base cercando di mantenere la sacca in posizione perpendicolare, per fare la seconda meringa dovrete premere meno composto rispetto alla base. Lo stesso dovrete fare per l’ultimo ciuffetto, la punta del nostro albero, belle dritte sopra i primi due ciuffi e ancora meno composto, per fare la classica forma conica. Vi posso assicurare che è molto più semplice e veloce da fare che descrivere il procedimento a parole. Cercate di farli tutte della stessa grandezza per favorire una cottura omogenea, i miei sono alti 2,5 cm circa.
A questo punto cospargete gli alberelli di codette colorate, palline argentate, zuccherini, quello che volete. Mettetene in abbondanza che poi qualcosa per strada la perderanno. Avevo queste deliziose stelline che ho posizionato con una pinzetta su ogni albero, ma se non ne avete potete farne tranquillamente a meno. 
Quando il forno ha raggiunto la temperatura di 85°C infornate, per meringhe di questa dimensione occorrono circa tre ore. Passate le tre ore, controllate se le meringhe si sono asciugate, al massimo prolungate la cottura di una mezz’ora. Una volta pronte, lasciatele riposare con la porta del forno aperta.
Fatele raffreddare e una volta fredde, basta un’oretta, raccoglietele in un sacchetto per surgelati e chiudetelo bene.
Non lasciate le meringhe all’aperto in cucina, assorbono l’umidità diventando appiccicose e mollicce.

Potete usarli per decorare una torta oppure dei cupcake, a mio parere ci stanno benissimo!
Colgo l’occasione per lasciarvi i miei più sinceri auguri per questo Natale, che porti a tutti voi la gioia e serenità, se porta anche dei micro alberelli tanto meglio. 😉
Vi lascio e vi do appuntamento alla prossima, indicandovi la via per trovarci in giro, cioè sulla nostra pagina FB e nel nostro gruppo “Pasticciando con i Fables” dove ci scambiamo consigli, ricette e pasticciamo in compagnia. Eva

Alberi natalizi di meringa francese

Precedente Pandoro al cioccolato fondente Successivo Torta sette vasetti al cacao e farro

2 commenti su “Alberi natalizi di meringa francese

  1. Viviana Bet il said:

    Buonasera Eva ho provato a fare questi alberelli 2 volte ma non mi sono riusciti. Ho seguito tutto alla lettera nelle dosi e nei tempi, l’unica differenza è non aver usato il colorante. Mi è rimasta una massa troppo poco densa e quindi il risultato non sono state delle meringhe ma una sottospecie di macaron. Cosa potrei aver sbagliato?

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.