Insalata di rinforzo

L’insalata di rinforzo è uno dei piatti tipici della tradizione natalizia napoletana, immancabile nel menu del cenone della vigilia di Natale. Ogni famiglia la prepara in un modo, perchè ne esistono tante varianti. Di sicuro, l’ingrediente che proprio non può mancare nella ricetta tradizione napoletana dell’insalata di rinforzo sono le “papaccelle”, i tipici peperoni campani rossi e tondi. A seconda dei gusti, si può arricchire con quello che più preferite. 

Ecco come l’ho preparata io!

DSCN1995

 

 

 

 

 

 

 

Ingredienti per circa 6-8 persone:

DSCN1993

 

 

 

 

 

 

  • 1 cavolfiore
  • 1 cavolo romano
  • 3 papaccelle
  • olive condite nere e bianche
  • 4 acciughe
  • melanzane sott’olio

 

Preparazione:

Lavate bene i cavoli e tagliate le cime. Scottatele per una decine di minuti in acqua bollente leggermente salata. Scolatele quando sono cotte, ma ancora croccanti. Mettetele qualche minuto in una ciotola con acqua molto fredda per bloccare la cottura. Scolate e aggiungete alle cime le papaccelle prive di semi e tagliate a listarelle, le acciughe precedentemente passate sotto acqua corrente, le olive e le melanzane sott’olio. Condite con un po’ di olio e regolatevi con il sale.

Curiosità:

Ci sono diverse versioni sull’origine della preparazione dell’insalata di rinforzo. Una di esse vuole che questa insalata prevista nel menu del cenone della vigilia, venga arricchita e quindi “rinforzata” ogni giorno con qualche ingrediente fino al cenone di Capodanno. Secondo un’altra versione, invece, pare che la definizione “di rinforzo” sia dovuta al fatto che uno degli ingredienti fondamentali della ricetta sia l’aceto che rafforza il sapore del piatto. Un’ultima versione è che questa insalata venisse usata per rinforzare la cena della Vigilia, che secondo la tradizione popolare napoletana, doveva essere leggera e a base di pesce.

 

 

Contorni, Natale , ,

Informazioni su emmettidolceesalato - le ricette di mary

Ciao, mi chiamo Mariateresa. Apro questo blog con l'intenzione di raccogliere qui la maggior parte delle mie ricette, sia quelle inventate e sperimentate per la prima volta, sia quelle che ormai faccio da anni. Sono convinta che ognuno di noi associ un piatto, con rispettivo profumo e sapore, ad un ricordo o ad un momento significativo della propria vita. Personalmente, lo associo quasi sempre a ricordi di infanzia, quando mia madre preparava i dolci o l'impasto per la pizza :). La cucina racconta la nostra storia. Perciò quando si cucina, lo si fa con il cuore.

Precedente Ghirlandine in sfoglia centro tavola Successivo Scaloppine ai funghi