Daikon in padella con Aceto Balsamico

Il Daikon è un tipo di rapa bianca allungata che è tipico della cucina orientale, ha un sapore che ricorda il ravanello ma più dolce e meno pungente, e una forma simile a una grossa carota bianca. Non lo avevo mai mangiato se non al ristorante giapponese tagliato a julienne come letto per altre pietanze come la tempura. Quando l’ho visto al supermercato l’ho voluto comprare, ma poi non sapevo come prepararlo, così prima di avventurarmi a cucinarlo ho atteso un po’ per cercare ispirazione.

Ho deciso infine di prepararlo in modo assai semplice, in padella con un filo d’olio extra vergine, sale e pepe, e già così sarebbe stato ottimo, ma all’improvviso ho avuto l’ispirazione, e ci ho aggiunto un semplice ingrediente che lo ha fatto diventare un contorno sublime: l’aceto balsamico.daikon in padella con aceto balsamico

Daikon in padella con Aceto Balsamico

Ingredienti:

  • 2 daikon
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva
  • sale, pepe nero
  • 1 cucchiaino di aceto balsamico

Ho lavato e pelato i due daikon, li ho tagliati a rondelle di circa 1 centimetro e li ho rosolati in padella su tutti i lati per un paio di minuti. Ho salato e pepato, aggiunto l’aceto balsamico e lasciato sfumare, quindi ho portato la fiamma al minimo.

Ho aggiunto un poco di acqua per proseguire la cottura, sono necessari circa 10 minuti di cottura per rendere il daikon morbido ma ancora consistente.

Il daikon ha pochissime calorie e aiuta a bruciare i grassi, oltre ad avere proprietà diuretiche e drenanti: per mantenere inalterate tutte queste proprietà però dovrebbe essere cosumato crudo. È considerato benefico soprattutto per il fegato ed è un alimento consigliato nelle diete detox. Il consumo di daikon è ritenuto utile come rimedio naturale per liberare le vie respiratorie, agendo da mucolitico.

Se ti è piaciuta la mia ricetta, seguimi anche sulla pagina facebook: Sara, elfa pasticciona

Precedente Crema di Porro in pentola a pressione Successivo Teacup Fairy Garden, il giardino fatato dentro una tazzina da the

Lascia un commento

*