Passerini fritti, piatto tradizionale veneziano

Passerini fritti. Oggi ricetta semplice, ma di vecchia tradizione. Il passerin è una specie di pesce passera che migra stagionalmente nella laguna veneta in gennaio e febbraio, tipico piatto veneziano semplicemente infarinato e fritto in poco olio caldo e servito con polenta. Carni bianche e delicatissime perfette anche da saor, in sostituzione delle sarde. Ormai i passerini sono molto difficili da trovare sul mercato data la presenza di tanti cormorani in laguna….oggi però… c’erano e, come al solito, io ne ho approfittato….

Passerini fritti - Così cucino io

Passerini fritti – Così cucino io

Ingredienti:

8 passerini

q.b. di farina bianca

q. b. di olio di semi di arachide

sale fino

Per chi piace, qualche goccia di succo di limone (io lime)

 

Pulire i passerini praticando un taglio laterale sotto la testa ed eviscerarli (per fortuna questa operazione l’ha eseguita il mio pescivendolo). Sciacquarli bene ed asciugarli con carta da cucina.

Infarinare i passerini, facendo bene aderire la farina al pesce ed eliminando quella in eccesso.

Scaldare in una padella q.b. di olio di semi di arachide e friggere il pesce finchè sarà ben dorato da due lati.

Servire, preferibilmente con polenta, accompagnando con una spruzzata di limone e una rinfrescante insalata cruda.

Buon appetito!

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook  COSI’ CUCINO IO

 

 

 

 

Lascia un commento