Frittelle “nonna Angela”

Share:
Condividi

Sono le frittelle della mia infanzia. Tradizione e rito della nostra famiglia, sono a base di semolino  e si mantengono morbide anche il giorno dopo. Assorbono poco olio in frittura, sono  profumate, sanno di casa e di famiglia, fanno allegria e sono il simbolo del Carnevale veneziano.

frittelle Nonna Angela-Così cucino io

 

Ingredienti: (circa 80 pezzi)

500 gr. di farina 00

250 gr. di zucchero

150 gr. di semolino

4 uova

750 gr. di latte

250 gr. di uvetta sultanina

un pugno di pinoli

2 bustine di lievito

2 bustine di vanillina

1 bicchierino di grappa

1 bicchierino di rum

sale

la buccia di un’ arancia e di un limone

olio di semi di girasole per friggere

Mettere a bagno, in acqua aromatizzata con grappa e rum, l’uvetta  per circa mezz’ora.

Preparare una polentina morbida con il latte, il semolino e sale. Far raffreddare.

Sbattere in una ciotola le uova con lo zucchero, unire grappa, rum, vanillina, sale e la scorza grattugiata degli agrumi.

Aggiungere all’impasto di uova la polentina di semolino, l’uvetta scolata, asciugata e  infarinata e i pinoli leggermente tostati. Mescolare con cura.

Versare a cucchiaiate la farina setacciata con il lievito , mescolare, coprire con pellicola e far riposare per un paio d’ore.

Friggere a cucchiaiate in abbondante olio di semi di girasole,  scolarle, passarle su carta da cucina per eliminare  dall’unto in eccesso, rotolarle nello zucchero semolato e servire.

Print Friendly
Vota questa ricetta:
Frittelle “nonna Angela”
  • 3.00 / 55

2 pensieri su “Frittelle “nonna Angela”

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>