Gnocchi di zucca e Carciofi ripieni

Queste ricette si possono adattare per un menù vegetariano che da risalto ai profumi dei prodotti delle campagna e alla maestria nella lavorazione dei formaggi; è stato infatti  pensato per abbinare degli ottimi prodotti forniti dalla Storica Fattoria Il Pagliaccio che ha pensato un contest molto stimolante: Latte da Mangiare 2.0. a cui partecipo.

formaggi

Le ricette nascono un po’ per caso, o meglio un po’ da cosa l’orto della mia cara nonna mi regala stagionalmente e sono: Gnocchi alla zucca con radicchio, e blu mugello e Gran mugello e Carciofi ripieni di Blu mugello e asparagi selvatici

La zucca ero uno spicchio che avevo congelato e che proveniva da zucca di un paio di kg, i formaggi invece si sono sposati perfettamente con il sapore dolce della zucca, e l’amarognolo del radicchio.

Per la seconda ricetta, i carciofi provengono direttamente dalle campagne ciociare e con la scusa che andavo a trovare la nonna ho fatto anche un po’ di spesa nell’orto e sfruttando una  giornata di sole ho fatto un giro veloce e ho trovato anche qualche asparago selvatico che ho usato come parte del ripieno.

Gnocchi alla zucca con radicchio, Blu mugello e Gran mugello

Ingredienti per 2 persone:

-400g zucca pulita

-150g farina

-1 radicchio lungo

-90g blu mugello

-20g di Gran mugello grattugiato

-10g semi di zucca

-10ml di aceto bianco

-olio evo q.b.

-sale e pepe q.b

Procedimento

Per prima cosa cuociamo la zucca, l’ideale sarebbe farla al forno con una cottura un po’ lenta, io ho preferito cuocerla al microonde in un contenitore adatto per la cottura al vapore per 11 minuti (se avete una vaporiere va bene comunque), dopo si lascia scolare  mettendola in un colino e ponendo un peso sopra in modo tale da privarla del liquido in eccesso( l’ideale sarebbe farlo il giorno prima per quello dopo). Una volta che abbiamo ben strizzato la zucca uniamo 150g di farina un pizzico di sale e impastiamo come per gli gnocchi classici. Facciamo dei cilindri e tagliamo, ottenendo le nostra palline di gnocchi.

Prepariamo il radicchio: togliamo le foglie esterne, lo tagliamo sottilmente, in una padella antiaderente mettiamo un filo d’olio e facciamo saltare il radicchio con l’aggiunta di sale per qualche minuto, aggiungiamo l’aceto, facciamo sfumare e togliamo dal fuoco.

Mettiamo sulla pentola dove andremo a lessare gli gnocchi, una saltapasta nella quale mettiamo il Blu mugello in pezzi a sciogliere, appena l’acqua arriva a bollore la saliamo e versiamo gli gnocchi che cuoceranno circa 6-7 minuti, scoliamo gli gnocchi e li versiamo nel blu mugello ormai sciolto, aggiungiamo anche il Gran mugello grattugiato, del pepe e per finire il radicchio cotto in precedenza. Quando impiattiamo spolveriamo con i semi di zucca.

gnocchi

Carciofi ripieni di Blu mugello e asparagi selvatici

Ingredienti per 2 persone:

-4 carciofi mammole

-30g asparagi selvatici

-80g blu mugello

-40g Gran mugello

-1 fetta di pancarrè

-2g prezzemolo tritato

-1 spicchio d’aglio

-olio evo q.b.

-sale e pepe q.b.

Procedimento

I carciofi ripieni sono un mio must, sono facile da preparare e il ripieno da spazio alla fantasia, in questo caso ho deciso di usare gli asparagi selvatici, trovati nelle campagne, e dell’ottimo formaggio il Blu mugello e Gran mugello.

Per prima cosa puliamo i carciofi, li priviamo delle foglie esterne più dure, li sbattiamo leggermente sul piano di lavoro tenendo il posteriore del carciofo tra le mani, quest’operazione aiuta ad aprire il centro del carciofo, con le mani ci aiutiamo ad allargare foglie interne per creare lo spazio per il ripieno.

Il ripieno, ammorbidiamo e strizziamo la fetta di pancarrè, lo mettiamo in una ciotola dove aggiungiamo il blu mugello in pezzi, il gran mugello grattugiato, gli asparagi puliti e  spezzettati, il prezzemolo e ¼ dello spicchio d’aglio tritato, aggiungiamo un pizzico di pepe. Prediamo un po’ di ripieno e lo mettiamo nei carciofi fino ad esaurimento. Saliamo leggermente i carciofi esternamente, li poniamo in un pentola stretta e alte dove i carciofi dovranno rimanere in verticale ovviamente con la parte del ripieno verso l’alto ( se avete un tegame più grande per aiutarvi ad immobilizzare i carciofi vi potete aiutare mettendo delle patate intere pelate), nel tegame aggiungiamo due cucchiai d’olio e facciamo rosolate a fiammo bassa per un paio di minuti, dopo aggiungiamo circa 200ml di acqua copriamo con un coperchio e facciamo cuocere per almeno 40 minuti, ovviamente dopo circa 20 minuti controllate se c’è ancora del liquido per la cottura, altrimenti aggiungete un altro goccio d’acqua.

carciofi

 

Con queste ricette partecipo al contest Latti da mangiare della Fattoria Il Palagiaccio

logo

I commenti sono chiusi.