Warning: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, class 'AGPressGraph\manipulator' does not have a method 'httpsCanonicalURL' in /membri/drolmakyd/drolmakyd/wp-includes/class-wp-hook.php on line 286
Crea sito

Tag Archive for panettone

Pane dolce alle more per la nonna

Si avvicina il primo anniversario della Fantacucina della Pippa e voglio celebrarlo con una ricetta nuova ma che mi fa tornare un po’ bambina, quando la nonna, che abitava in campagna, mi faceva fare merenda con pane e marmellata di more fatta in casa. Era poco dolce e un po’ liquida, ma fatta con tutto l’amore del mondo. Come chiamare altrimenti la cura e la pazienza di raccogliere le more tra i rovi e di togliere poi tutti i semini della frutta affinché non restassero nella marmellata una volta pronta? Ricordo una vestina a fiori, sempre pulita anche dopo aver cucinato, i capelli raccolti e due semplici cammei come orecchini, unico vezzo che la nonna si permetteva, perché donna semplice e vera. Dedico questo pane dolce alle more alla mia nonna Malvina che dal cielo ispira le mie ricette.

Ingredienti:

per la pasta

500g di farina 00

5 cucchiai di zucchero

25g di lievito di birra (o una bustina di lievito secco)

1 cucchiaino di miele

3-4 cucchiai di olio extravergine d’oliva

1 tazza d’acqua tiepida

1 pizzico di sale

per il ripieno

300g di more fresche

2-3 cucchiai di zucchero

semi di anice

zucchero a velo

Sciogliete il lievito e il miele nell’acqua calda e lasciate fermentare per 20 minuti.

Miscelate la farina con il sale e lo zucchero.

Create un cratere nella farina, versate l’olio e iniziate a sbattere con una forchetta amalgamando l’olio alla farina. Aggiungete man mano l’acqua con il lievito e impastata fino ad ottenere una palla elastica che farete lievitare in un recipiente infarinato e coperto da un canovaccio umido per almeno due ore.

Preparate le more secondo queste due diverse modalità (a scelta):

1) fate cuocere le more in un bicchiere d’acqua e 2 cucchiai di zucchero (contrariamente a quanto detto in precedenza a me i semini delle more piacciono ma non è per tutti così)

2) frullate le more fresche e passatele al setaccio per eliminare i semi. Mescolate la purea con due cucchiai di zucchero e mettete da parte.

Stendete la pasta con le mani, sistemate le more sciroppate senza l’acqua di bollitura (o la frullata) sulla pasta, spolverate di zucchero e anice e richiudete portando i vari lembi della pasta verso il centro. Formate così una palla che sistemerete in una teglia dalle sponde alte. Spennellate la superficie con l’acqua di cottura delle more (o con un po’ di acqua tipida), spolverate di anice e zucchero a velo e infornate per circa mezzora a 180°-200°.

Lasciate raffreddare in forno e sformate su un piatto di portata.

Questo pane è adatto alla colazione o al brunch (si può anche provare un classico abbinamento frutta-salume), in ogni caso cercate di ripensare alla vostra infanzia mentre lo assaporate. 🙂

 

Panettone di Natale a Treccia

Questa ricetta arriva direttamente dalla Repubblica Ceca e siccome mi piace sperimentare ho pensato di provarla. Visto il risultato voglio proporla anche a voi, non è una ricetta velocissima ma non è neanche particolarmente complicata. L’estetica particolarmente raffinata di questo dolce lo rende molto adatto al periodo natalizio.

Ingredienti (per 8-10 persone):

350g di farina tipo 0

350g di farina di semola

50g di lievito di birra fresco (o 14g di quello secco, equivalente a due bustine)

120g di zucchero

2,5dl di latte o panna

sale

3 tuorli + 1 uovo (per spennellare)

1 busta di zucchero vanigliato (facoltativo)

un pizzico di noce moscata

130g di burro

120g di uvetta

70g di mandorle spellate

Sciogliete il lievito con un po’ di zucchero, 2-3 cucchiai di latte tiepido e un po’ di farina e lasciate lievitare.

In una terrina lavorate il burro con i tuorli, il sale, il resto dello zucchero e un pizzico di noce moscata. Aggiungete il lievito fermentato, le farine e il latte e lavorate fino ad ottenere una pasta liscia e abbastanza densa. Cospargetela con la farina e coprite con un panno umido. Mettete a lievitare in un posto caldo per almeno un’ora.

Sulla spianatoia lavorate la pasta con le mani, impastando l’uva e 50 g di mandorle tritate.

Dividete la pasta in 9 parti e fatene dei cilindretti lunghi. Formate una treccia di 4 ciocche. Trasferitela sulla teglia imburrata e schiacciatela nei punti d’incrocio. Ponetevi sopra l’altra treccia a 3 ciocche e completate l’opera con una treccia a 2 ciocche sopra al tutto. Fermate le estremità libere sotto la base della treccia.

Lasciate lievitare il panettone per 15 minuti. Poi spennellatelo coll’uovo sbattuto, cospargete con le mandorle tagliate a listarelle e mettetelo in forno a 200° per 5 minuti. Poi abbassate la temperatura a 180° e lasciatelo in forno per circa mezzora. Controllate la cottura con uno stecchino e sfornatelo. Traferitelo su un vassoio e fatelo raffreddare.

Consiglio: Con la stessa pasta potete preparare la “corona dell’avvento”. Fate una treccia a 3 ciocche e poenetela nello stampo imburrato rotondo, collegando le sue estremità. Zuccherate la corona cotta, decoratela con un nastro rosso e con le 4 candele dell’avvento.