Crea sito

Archive for Colazione

Pan de’ Santi di Fedino

Il Pan de’ Santi è un dolce tipico della tradizione senese che viene preparato in questo periodo dell’anno, quando ci prepariamo al ricordo di chi ci ha preceduto e ancora è nei nostri pensieri.

Questa ricetta mi è stata passata da un caro amico e oggi la condivido con tutti voi. Grazie Fede! 😉

pan-dei-santi

Ingredienti per 4 pani:

760 gr farina
3 cucchiai di zucchero
1 cucchiaino di sale
2 bicchieri di acqua
2 cubetti di lievito di birra
260 gr di noci
500 gr di uvetta
1 bicchiere ev½ di olio di semi di girasole
Un pizzico di pepe macinato.

Sgusciate e tostate le noci in una padella antiaderente e mettete in ammollo l’uvetta e lasciare da parte.

Mescolate la farina, il sale, lo zucchero ed il pepe.
Aggiungete l’acqua tiepida  nella quale è stato sciolto il lievito. Successivamente aggiungete l’olio e lavorate bene.

Unite per ultime le noci e l’uvetta.

Fate lievitare per 3 ore circa.

A questo punto, formate tre panetti e  spennellate con l’uovo sbattuto.

Infornate a 180° per 35/40 minuti circa, sfornate e lasciate raffreddare. Sarà perfetto per le vostre colazioni o spuntini.

Il Pan de’ Santi si presta bene anche ad accompagnare formaggi freschi o semistagionati.

Panina di Pasqua

La Panina è un dolce tipico pasquale della zona aretina originario della valle del Casentino, oggi diffuso in tutta la provincia. E’ particolarmente adatto alla colazione e alla merenda.

Ingredienti:Panina

  • 330 g di farina
  • 1 uova
  • 1 manciata di zucchero
  • 1 pizzichino di pepe
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 5 cucchiai di olio d’oliva
  • 1/2 bustina di zafferano
  • 1 panetto di lievito di birra
  • 250g di uva sultanina

Mettete l’uvetta in ammollo per mezzora in acqua sufficiente. Intanto sciogliere il lievito in mezzo bicchiere d’acqua.

Mescolare gli altri ingredienti in un recipiente e impastare fino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungere anche il lievito e l’uvetta strizzata.

Quando il composto è ben amalgamato, coprire la ciotola con un panno e mettere a lievitare per circa 4 ore.

Quando il composto sarà più
che raddoppiato, lavorarlo leggermente e formare le panine della misura desiderata. Disporre le panine in una teglia ricoperta di carta da forno, coprire con un panno e lasciare lievitare ancora per almeno 3 ore.

Finita la lievitazione porre in forno preriscaldato a 160° per circa un’ora.

Una volta raffreddata la panina e’ pronta per essere servita.

Torta di riso all’arancia

La torta di riso è un dolce adatto a tutti, anche per chi tiene alla linea ma vuol concedersi un momento di dolcezza.

Ingredienti:

User Comments

Torta di riso all’arancia

per la farcitura

200g di riso

1l di latte

scorza di limone e d’arancia

10 cucchiai di zucchero

3 uova

poca farina

1/2 bustina di lievito

per lo sciroppo

succo d’arancia

2-3 cucchiai di zucchero

per la frolla

1 uovo

5 cucchiai di zucchero

70g di burro

250g di farina

1/2 vasetto di yogurt bianco

1/2 bustina di lievito

scorza di limone grattugiata

1 pizzico di sale

 

Portate ad ebollizione il latte con lo zucchero e 2-3 pezzetti di scorza di limone e versate il riso. Fate cuocere almeno mezzora e fate raffreddare.

Unite le uova una alla volta, la scorza di arancia grattugiata, poca farina e mezza bustina di lievito. Mescolate accuratamente, lasciate riposare e dedicatevi alla frolla.

Montate l’uovo con lo zucchero, un pizzico di sale, il lievito e la scorza grattugiata di limone. Aggiungete il burro fuso, lo yogurt e la farina. Impastate fino ad ottenere una palla elastica. Lasciate riposare per 15-20 minuti coprendo la pasta frolla con un canovaccio.

Preparate lo sciroppo con il succo d’arancia e lo zucchero, mescolando gli ingredienti in un pentolino sul fuoco. Portate ad ebollizione e fino a che non si rapprende un po’ (almeno 5-8 minuti).

Stendete la pasta frolla in un disco di 30 cm di diametro e sistematela in una teglia rotonda foderata con carta da forno. Versate l’impasto di riso, livellandolo con un cucchiaio.

Infornate a 180° per mezzora e a metà cottura distribuite lo sciroppo d’arancia sulla torta in modo che a fine cottura risulti ben caramellato.

Servire tiepida.

*con la stessa ricetta, senza frolla, è possibile ottenere il budino di riso

 

 

Crostata di pere

La semplicità è il segreto della crosta di pere: pasta frolla fatta in casa e marmellata di pere casalinga, direttamente dai frutti della pianta dell’orto di casa, raccolti in un estate assolata.

Ingredienti: crostata di pere

1 uovo

5-6 cucchiai di zucchero

70g di burro

1 pizzico di sale

1 cucchiaino di lievito

mezzo bicchiere di latte

300g di farina (o quanto ne richiede l’impasto)

scorza di limone grattugiata

zenzero (ginger) grattugiato fresco

1 barattolo di marmellata di pere (200g)

 

Sbattete l’uovo con zucchero, sale, lievito, scorza di limone, ginger e ottenete un composto spumoso. Aggiungete il burro ammorbidito e impastate. Aggiungete un po’ di farina e unite il latte. Finite con la farina e impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Fate una palla e lasciatela riposare coperta da uno strofinaccio per 15 minuti almeno.

Scaldate il forno a 180° e dividete l’impasto in due parti (1/3 e 2/3). Stendete la parte di impasto più grossa in un disco di 26-30 cm di dm e adagiatelo in una teglia rotonda foderata di carta da forno (o leggermente imburrata o unta e infarinata).

Cercate di ricavare un bordo di almeno 2 cm e farcite il disco con la marmellata. A questo punto a voi la scelta: potete stendere la restante pasta e tagliare le classiche striscioline e creare l’intreccio classico della crostata o potete prendere piccole porzioni di impasto e lavorarle con le mani giunte per ottenere delle sottili losanghe tubolari (un po’ come per fare gli gnocchi). Io ho scelto il secondo metodo per avere un effetto 3D 8-).

Cuocete per almeno 20 minuti o fino a doratura della torta.

*Consiglio creativo: spolverate la crostata ancora calda con una fine granella di noci per un gusto più rustico o con scaglie di cioccolato per accontentare i più golosi ;).

Buon appetito 😛 !

 

Potrebbe anche interessarti:  Cestino di fragole

 

 

Tartellette alle fragole della Pippa

Con la stessa ricetta della Torta della nonna alle fragole ho realizzato queste golosissime tartellette!

tartellette alle fragole

Fagotto alle pere e datteri

Si tratta di un finto strudel di pere e datteri, con marmellata di mele cotogne e arance, nocciole tritate e liquore al cocco. Un gusto esotico e tradizionale allo stesso tempo. Da accompagnare ad un moscato o un porto.

Ingredienti:fagotto di pere e datteri

pasta frolla

mezzo vasetto di marmellata di mele cotogne e arance (o anche di albicocche)

dieci datteri denocciolati

100g di nocciole tritate

due pere mature

liquore al cocco

zucchero a velo

Sbucciate le pere e tagliatele a dadini e mettetele in un piatto fondo. Aggiungete le nocciole tritate e i datteri tagliati grossolanamente. Lasciate macerare per mezzora con mezzo bicchiere di liquore al cocco.

Stendete un disco di pasta frolla e adagiatelo su una teglia foderata con carta da forno. Spalmate la superficie con la marmellata fino al bordo. Distribuite uniformemente il mix di pere, datteri e nocciole. Chiudete la pasta frolla sul ripieno unendo i lembi opposti, ma senza arrotolarla, proprio come per fare lo strudel.

Infornate per 20 minuti a 180° (o 200°). Lasciate raffreddare in forno e spolverate con zucchero a velo.

Lingotti al cacao

Sono biscotti al cacao con canditi di arancia e cedro. Perfetti per una colazione golosa!

Ingredienti:DSCN2348

1 uovo

5 cucchiai di zucchero

250g di farina

100g di burro

40 g di canditi di arancia e cedro

zenzero fresco

50g di cacao amaro

1 pizzico di sale

Sbattete l’uovo con lo zucchero. Lavorate il burro lasciato ammorbidire per una 20 di minuti fuori dal frigo. Aggiungete un pizzico di sale e dello zenzero fresco grattugiato (a gusto vostro, ma idealmente quanto la scorza grattugiata di un limone). Impastate con la farina e il cacao e infine unite i canditi tagliati a quatratini piccoli. Ottenete un impasto omogeneo.

Lasciata riposare la palla per circa un quarto d’ora in frigo. Fate poi tante palline tutte della dimensione di una noce. Appiattitele squadratele fino a formare dei piccoli “lingotti” scuri.

Sistemateli su una placca da forno rivestita di carta oleata. Infornate e cuocete per 12-15 minuti a 180-200°.

Conservate in una scatola di latta.

* per un risultato più friabile aggiungete 1/2 cucchiaino di bicarbonato.

Muffin di castagne

Particolarmente adatti ad essere tuffati nel caffelatte!

Ingredienti:muffin di castagne

1 uovo

5cucchiai di zucchero

1 bustina di vanillina

1 bustina di lievito (o 1,5 cucchiaini di bicarbonato)

1 pizzico di sale

1-2 bicchieri di latte

120ml di olio di semi (o 80g di burro)

100g di farina di castagne

250g di farina 00

5-6 noci

 

Sbattere l’uovo e unire lo zucchero. Montare bene e aggiungere la vanillina e il pizzico di sale e, dopo aver amalgamato bene, unire il lievito. Aggiungere l’olio (o il burro fuso) e le due farine già miscelate, aggiungere poco a poco il latte e infine le noci tritate grossolanamente.

Foderare gli stampini dei muffin con dei pirottini di carta e riempire per 2/3. Infornare a 180° per circa 30 minuti. Controllare la cottura con uno stecchino.

Crostatine Zen

O crostatine Tao…

Come definire altrimenti questo connubio di diversi cioccolati? Ho identificato il cioccolato fondente con lo yin e il bianco con lo yang. Assaporarli è una vera esperienza mistica!!!

Ingredienti:crostatine zen

100g di cioccolato bianco

100g di cioccolato fondente

100g di panna da montare

pasta frolla

poco burro

Stendete la pasta frolla (potete acquistarla già pronta ma io personalmente preferisco la mia personale ricetta che trovate a questo link .

Ricavate dei dischi con l’aiuto di un anello coppapasta oppure con uno stampo delle tartellette.

Imburrate bene gli stampi e adagiate il disco facendolo ben aderire. Con un po’ di pasta avanzata fate una strisciolina ondulata e dividete lo spazio della tartelletta secondo il modello yin yang.

Cuocete in forno per 12-15 minuti circa, fate raffreddare e sformate.

Fondete i cioccolati con la panna a bagnomaria (in due contenitori separati usando metà della panna per ciascuno) e riempite due sac-a-poche con i due cioccolati e farcite ogni tartelletta, da una parte con i fondente e dall’altra con il cioccolato bianco. Quando si saranno solidificati un po’ (dopo circa 20 minuti) procedete con l’ultimo tocco finale: il puntino nero nella parte bianca  e il puntino bianco in quella nera.

Le vostre crostatine sono pronte! Un dolce yoga a tutti!!

Torta di carote e mandorle

Dopo tanti anni, ecco il mio tributo a colei che mi ha fatto assaggiare la torta di carote per la prima volta: la mia carissima professoressa di lettere delle superiori. Anche la decorazione viene a quella fatidica “prima volta”…

Ingredienti:torta di carote2

2 uova

7 cucchiai di zucchero

poco latte

5 cucchiai di olio di semi

250g di farina

50 g di fecola

200g di mandorle

250g di carote

essenza di fiori d’arancio

1 pizzico di sale

1 bustina di lievito

2 arance

4 cucchiai di zucchero

1/2 panetto di pasta di mandorle

colorante giallo e rosso in gel

carta crespa verde

Dividete i tuorli dalle chiare e montateli con lo zucchero. Se necessario aggiungete un po’ di latte per facilitare questa operazione. Aggiungete il lievito e 1 pizzico di sale e mescolate bene.

Passate al mixer le mandorle e le carote e unitele al composto. Aggiungete i cucchiai di olio e mescolate bene. Infine unite la fecola e la farina e ammorbidite l’impasto con un altro po’ di latte. Montate le chiare a neve e unitele al resto.

Riscaldate il forno a 180° e infornate per 30-40 minuti. Mentre il dolce cuoce nel forno preparate le carotine di pasta di zucchero:

1) impastate la pasta di zucchero con i coloranti, mischiandoli di volta in volta finché non ottenete un colore che vi soddisfi.

2) modellate tante piccole carotine di 4-5 cm di lunghezza;

3) ritagliate le foglioline da delle striscioline di carta crespa verde che piegherete per ottenere un effetto “ciuffo d’erba” e inserirete in cima alle vostre carotine.

Sfornate e sistemate in un piatto da portata o un vassoio quando la torta sarà appena tiepida.

Preparate uno sciroppo con il succo di due arance e 4 cucchiai di zucchero fatti bollire per 3-4 minuti a fuoco alto. Quando lo sciroppo di sarà addensato spennellate la supreficie del vostro dolce (anche lungo i bordi).

Decorate son le vostre carotine e se volete potete dare un effetto “cestino”, intrecciando due strisce di pasta di zucchero (di quella avanzata, stesa su una spianatoia) e sistemandole lungo i bordi come una cornice.