Crea sito

Archive for drolmakyd

Pan de’ Santi di Fedino

Il Pan de’ Santi è un dolce tipico della tradizione senese che viene preparato in questo periodo dell’anno, quando ci prepariamo al ricordo di chi ci ha preceduto e ancora è nei nostri pensieri.

Questa ricetta mi è stata passata da un caro amico e oggi la condivido con tutti voi. Grazie Fede! 😉

pan-dei-santi

Ingredienti per 4 pani:

760 gr farina
3 cucchiai di zucchero
1 cucchiaino di sale
2 bicchieri di acqua
2 cubetti di lievito di birra
260 gr di noci
500 gr di uvetta
1 bicchiere ev½ di olio di semi di girasole
Un pizzico di pepe macinato.

Sgusciate e tostate le noci in una padella antiaderente e mettete in ammollo l’uvetta e lasciare da parte.

Mescolate la farina, il sale, lo zucchero ed il pepe.
Aggiungete l’acqua tiepida  nella quale è stato sciolto il lievito. Successivamente aggiungete l’olio e lavorate bene.

Unite per ultime le noci e l’uvetta.

Fate lievitare per 3 ore circa.

A questo punto, formate tre panetti e  spennellate con l’uovo sbattuto.

Infornate a 180° per 35/40 minuti circa, sfornate e lasciate raffreddare. Sarà perfetto per le vostre colazioni o spuntini.

Il Pan de’ Santi si presta bene anche ad accompagnare formaggi freschi o semistagionati.

Rotolo panna e lamponi

Il Rotolo panna e lamponi è un dolce semplice, dal gusto piuttosto delicato. Adatto anche in estate, data la freschezza della frutta che farcisce e decora questo dolce.

Ingredienti:rotolo panna e lamponi

Per la pasta biscotto

4 uova

140g di zucchero

130g di farina

1/2 bustina di lievito

40 ml di olio di semi di girasole

Per la farcitura

250g di lamponi freschi

il succo di un limone

2 cucchiai di zucchero

250ml di panna da montare

1 cucchiaio di zucchero a velo

10 lamponi e zucchero a velo per guarnire

 

Separate i tuorli dagli albumi e poneteli in due diversi recipienti. Sbattete i tuorli con lo zucchero, unite il lievito, l’olio e la farina. montate gli albumi a neve e incorporateli delicatamente al composto.
Foderate una teglia bassa con della carta da forno e distribuite il composto in modo omogeneo.
Infornate a 180° per 15-20 minuti a forno statico, fate intiepidire e trasferite la pasta biscotto ottenuta su un altro foglio di carta da forno, avendo cura di capovolgerla delicatamente, così da staccare il foglio della cottura senza danneggiarla.

Fate cuocere in un pentolino i lamponi con lo zucchero e il succo di limone per tre minuti, togliete dal fuoco e bagnate la pasta biscotto con lo sciroppo di cottura.

Montate la panna con un cucchiaio di zucchero a velo e spalmatela in modo omogeneo sulla pasta biscotto. Terminate la farcitura con i lamponi sciroppati e iniziate ad arrotolare la pasta, aiutandovi con la carta da forno sottostante.
Chiudete la carta da forno ai lati come fosse una caramella e riponete il rotolo in frigo per due ore.

Procuratevi un vassoio adeguato e al momento di portare in tavola, eliminate la carta e tagliate le due estremità, così da rendere il vostro rotolo perfettamente cilindrico.

Spolverate con zucchero a velo e decorate con i lamponi rimasti.

 

 

 

 

Cannelloni con platessa, pomodorini e basilico

I cannellini con platessa, pomodorini e basilico sono una piacevole alternativa ai classici cannelloni, con un gusto estivo e delicato.

Ingredienti:IMG_20160531_151913

200g di platessa

250g di ricotta

50g di yogurt greco

20g di parmigiano

besciamella (da fare con 1 cucchiaio di burro, 2 cucchiai di farina, mezzo litro di latte, sale, noce moscata)

12-14 cannelloni

7-8 pomodori ciliegini

1 spicchio d’aglio

basilico

timo

olio evo

poca farina

 

Passate in padella con poco olio la platessa infarinata, portate a cottura e lasciate raffreddare.

Tagliate in 2 o in 4 i pomodorini e conditeli con olio, sale e qualche foglia di basilico spezzettato. Mettete da parte.

Passate al mixer la platessa con il timo, il sale, lo yogurt, il parmigiano e la ricotta.

Farcite i cannelloni e adagiateli in una teglia unta d’olio (se volete potete aggiungere una tazzina di acqua fredda nella teglia per agevolare la cottura.

Ricoprite i cannelloni con la besciamella e cuocete in forno già caldo per circa 20 minuti.

Tirate la teglia fuori dal forno e ricoprite con i pomodorini conditi, rimettete in forno per altri 15-20 minuti.

Torta del Re

La Torta del Re in realtà è una semplice torta margherita farcita e decorata con panna e fragole, ma la particolarità del decoro e dell’accessorio, possono rendere questo dolce un degno dessert per far sentire il festeggiato un vero e proprio King of the day.

Ingredienti: Re

Per la torta

3 uova

7 cucchiai di zucchero

scorza di 1 limone grattugiata

250g di farina

50g di fecola di patate

1 bustina di lievito

1 bicchiere di latte

125 ml di olio di semi

1 pizzico di sale

Per il decoro e farcitura

500 ml di panna fresca

125 g di zucchero a velo

250 g di fragole fresche

1 cucchiaio di zucchero semolato

Separate gli albumi dai tuorli e montate bene questi ultimi con lo zucchero. Aggiungete la scorza del limone, il pizzico di sale e il lievito e mescolate aggiungendo anche l’olio. Quando il composto sarà spumoso e ben profumato di limone aggiungete la farina e la fecola gradatamente al bicchiere di latte.

A parte montate gli albumi a neve e incorporateli delicatamente all’impasto. Versatelo poi in una teglia ben imburrata e cuocete in forno a 180° per circa 30 minuti o 165°-170° a forno ventilato per 20 minuti. Non aprite il forno durante questo tempo, altrimenti la torta margherita si affloscerà. Passato questo tempo controllate con uno stecchino la cottura della torta. Fatela raffreddare e sfornatela su un piatto di portata.

Tagliate le fragole e zuccheratele con un cucchiaio di zucchero semolato. Passatele 20 secondi al microonde affinché lo zucchero si sciolga (altrimenti lasciate riposare le fragole coperte per almeno un’ora).

Tagliate la torta in due dischi e adagiate le fragole e il loro succo sul disco che è già sul piatto di portata.

Montate la panna con lo zucchero vanigliato e farcite la torta con metà di essa. La restante panna servirà a decorare la torta una volta che si sarà posizionato il disco superiore. Aggiungete qualche fragola a piacere e passato la torta in freezer per 1 ora o in frigo per 2 ore.

Al momento di portare in tavola, impreziosite il vostro dolce con un candelabro di candeline del compleanno.

Panina di Pasqua

La Panina è un dolce tipico pasquale della zona aretina originario della valle del Casentino, oggi diffuso in tutta la provincia. E’ particolarmente adatto alla colazione e alla merenda.

Ingredienti:Panina

  • 330 g di farina
  • 1 uova
  • 1 manciata di zucchero
  • 1 pizzichino di pepe
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 5 cucchiai di olio d’oliva
  • 1/2 bustina di zafferano
  • 1 panetto di lievito di birra
  • 250g di uva sultanina

Mettete l’uvetta in ammollo per mezzora in acqua sufficiente. Intanto sciogliere il lievito in mezzo bicchiere d’acqua.

Mescolare gli altri ingredienti in un recipiente e impastare fino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungere anche il lievito e l’uvetta strizzata.

Quando il composto è ben amalgamato, coprire la ciotola con un panno e mettere a lievitare per circa 4 ore.

Quando il composto sarà più
che raddoppiato, lavorarlo leggermente e formare le panine della misura desiderata. Disporre le panine in una teglia ricoperta di carta da forno, coprire con un panno e lasciare lievitare ancora per almeno 3 ore.

Finita la lievitazione porre in forno preriscaldato a 160° per circa un’ora.

Una volta raffreddata la panina e’ pronta per essere servita.

Torta di riso all’arancia

La torta di riso è un dolce adatto a tutti, anche per chi tiene alla linea ma vuol concedersi un momento di dolcezza.

Ingredienti:

User Comments

Torta di riso all’arancia

per la farcitura

200g di riso

1l di latte

scorza di limone e d’arancia

10 cucchiai di zucchero

3 uova

poca farina

1/2 bustina di lievito

per lo sciroppo

succo d’arancia

2-3 cucchiai di zucchero

per la frolla

1 uovo

5 cucchiai di zucchero

70g di burro

250g di farina

1/2 vasetto di yogurt bianco

1/2 bustina di lievito

scorza di limone grattugiata

1 pizzico di sale

 

Portate ad ebollizione il latte con lo zucchero e 2-3 pezzetti di scorza di limone e versate il riso. Fate cuocere almeno mezzora e fate raffreddare.

Unite le uova una alla volta, la scorza di arancia grattugiata, poca farina e mezza bustina di lievito. Mescolate accuratamente, lasciate riposare e dedicatevi alla frolla.

Montate l’uovo con lo zucchero, un pizzico di sale, il lievito e la scorza grattugiata di limone. Aggiungete il burro fuso, lo yogurt e la farina. Impastate fino ad ottenere una palla elastica. Lasciate riposare per 15-20 minuti coprendo la pasta frolla con un canovaccio.

Preparate lo sciroppo con il succo d’arancia e lo zucchero, mescolando gli ingredienti in un pentolino sul fuoco. Portate ad ebollizione e fino a che non si rapprende un po’ (almeno 5-8 minuti).

Stendete la pasta frolla in un disco di 30 cm di diametro e sistematela in una teglia rotonda foderata con carta da forno. Versate l’impasto di riso, livellandolo con un cucchiaio.

Infornate a 180° per mezzora e a metà cottura distribuite lo sciroppo d’arancia sulla torta in modo che a fine cottura risulti ben caramellato.

Servire tiepida.

*con la stessa ricetta, senza frolla, è possibile ottenere il budino di riso

 

 

Crostata di pere

La semplicità è il segreto della crosta di pere: pasta frolla fatta in casa e marmellata di pere casalinga, direttamente dai frutti della pianta dell’orto di casa, raccolti in un estate assolata.

Ingredienti: crostata di pere

1 uovo

5-6 cucchiai di zucchero

70g di burro

1 pizzico di sale

1 cucchiaino di lievito

mezzo bicchiere di latte

300g di farina (o quanto ne richiede l’impasto)

scorza di limone grattugiata

zenzero (ginger) grattugiato fresco

1 barattolo di marmellata di pere (200g)

 

Sbattete l’uovo con zucchero, sale, lievito, scorza di limone, ginger e ottenete un composto spumoso. Aggiungete il burro ammorbidito e impastate. Aggiungete un po’ di farina e unite il latte. Finite con la farina e impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Fate una palla e lasciatela riposare coperta da uno strofinaccio per 15 minuti almeno.

Scaldate il forno a 180° e dividete l’impasto in due parti (1/3 e 2/3). Stendete la parte di impasto più grossa in un disco di 26-30 cm di dm e adagiatelo in una teglia rotonda foderata di carta da forno (o leggermente imburrata o unta e infarinata).

Cercate di ricavare un bordo di almeno 2 cm e farcite il disco con la marmellata. A questo punto a voi la scelta: potete stendere la restante pasta e tagliare le classiche striscioline e creare l’intreccio classico della crostata o potete prendere piccole porzioni di impasto e lavorarle con le mani giunte per ottenere delle sottili losanghe tubolari (un po’ come per fare gli gnocchi). Io ho scelto il secondo metodo per avere un effetto 3D 8-).

Cuocete per almeno 20 minuti o fino a doratura della torta.

*Consiglio creativo: spolverate la crostata ancora calda con una fine granella di noci per un gusto più rustico o con scaglie di cioccolato per accontentare i più golosi ;).

Buon appetito 😛 !

 

Potrebbe anche interessarti:  Cestino di fragole

 

 

Risotto Porri e Prosecco

Il Risotto ai porri e prosecco è un primo piatto leggero e adatto a questi giorni di festa, vi serviranno pochi semplici ingredienti per realizzare questo piatto gustoso.

Ingredienti:

200g di riso per risotti (per farvi un’idea dei vari tipi clicca quirisotto porri e prosecco

2-3 porri

2 bicchieri di prosecco

olio evo

sale e pepe

parmigiano grattugiato

1l d’acqua

 

Mettete a bollire l’acqua in un pentolino, aggiungete 1 cucchiaino di sale e le foglie all’estremità del porro (la parte più verde in fondo).

Tritate i porri e fateli stufare per 5 minuti in una casseruola con olio evo q.b. coprendo con un coperchio (ogni tanto scoperchiate e girate i porri). Salate e pepate i porri.

Aggiungete il riso e fatelo tostare per 1-2 minuti, alzate la fiamma e bagnate con il prosecco e lasciate evaporare.

Portate a cottura con il brodo di porro e aggiustate di sale se serve. Mantecate con abbondante parmigiano.

Torta con Crema all’Arancia della Pippa

La torta con crema all’arancia della Pippa, una vera bontà che apprezzeranno anche i palati più fini!

 

Ingredienti per una torta di 26 cm di diametro: torta all'arancia

per la torta

3 uova

160g di zucchero

1 pizzico di sale

60g di burro

80g di uvetta lasciata in ammollo in un bicchierino di brandy o altro liquore aromatico per almeno un’ora.

il succo di 1 arancia e il succo di 1 limone

scorza di arancia e scorza di limone grattugiati

1 bustina di lievito

250g di farina 0

50g di fecola di patate

100g di mandorle tritate

per la crema

1 uovo

4 cucchiai di zucchero

2 cucchiai di fecola di patate

scorza d’arancia

il succo di 1-2 arance

200ml di panna da montare

decorazione

il succo di 1-2 arance

1 cucchiaio di zucchero

poca acqua

ciliegie candite per decorare

praline di zucchero argentate

per la torta

Sbattere le uova con lo zucchero, il pizzico di sale, le scorze grattugiate e il lievito.

Aggiungere il burro fuso (sostituibile con olio di semi di girasole, tipo 100g), amalgamare le mandorle tritate, il succo di arancia e limone, la fecola di patate e la farina.

Aggiungere l’uvetta e versare in una tortiera di almeno 26 cm di diametro, dovutamente imburrata o foderata con carta da forno.

Cuocere in forno per circa 30 minuti a 180°. Lasciar raffreddare per qualche ora.

per la crema

In un pentolino dal fondo alto sbattere l’uovo con lo zucchero e la fecola. Aggiungere qualche pezzetto di scorza d’arancia. Scaldare sul fuoco e aggiungere gradualmente il succo d’arancia fino a cottura.

Montare la panna e unirla un po’ alla volta alla crema ottenuta, che dovrà essere scesa di temperatura.

Decorazione

Sfornate la torta su un piatto da portata e bagnate la superficie superiore con uno sciroppo ottenuto scaldando a 50° il succo d’arancia, lo zucchero e poca acqua.

Riempite una sac a poche di crema all’arancia e decorate la superficie superiore della torta. Finite la decorazione con delle ciliegie candite sul bordo e con le praline argentate.

Lasciate in frigo per almeno un’ora prima di servire la torta.

 

 

Gnoccoloni della Pippa

Vi serve un’idea per la cena di stasera?

Presto! Mettete subito a bollire tre belle patate in acqua salata e quando sono cotte, procedete come segue per realizzare questi splendidi Gnoccoloni della Pippa, da condire con un classico ragù alla bolognese o con una golosa fonduta di formaggi.

Ingredienti per 4 persone:

gnoccoloni3 patate medie

2 uova

30g di parmigiano

sale

noce moscata

farina q.b.

 

 

Pelate le patate e tagliatele a spicchi, poi adagiatele in una pentola e copritele con acqua fredda. Aggiungete un cucchiaino di sale grosso e portate ad ebollizione. Fate cuocere per circa 20 minuti.

Con una forchetta sinceratevi dell’avvenuta cottura (quando la patata viene trafitta senza ostacoli vuol dire che è cotta). Scolate le patate o tiratele via con una schiumarola. Fatele intiepidite in una ciotola capiente.

Schiacciate le patate con lo schiacciapatate o con una forchetta, aggiungete due uova sbattute, un pizzico di sale, la noce moscata, il parmigiano e impastate tutto con le mani. Lavorate l’impasto aggiungendo due manciate di farina alla volta. Sarà l’impasto che vi farà capire se ne avete messa a sufficienza, comunque considerate di dover ripetere l’aggiunta di farina per almeno 3 volte.

Una volta ottenuta una palla liscia, dividetela in due e lasciate riposare sotto un canovaccio per circa 20 minuti.

Prendete una palla e su una spianatoia infarinata lavoratela, allungandola fino ad ottenere una losanga uniforme dal diametro di 2-3 cm. Tagliate tanti piccoli dischi dello spessore di 1 cm e con i rebbi di una forchetta cercate di dare il tipico motivo dello gnocco ad ognuno. Infarinate gli gnoccoloni ottenuti e lasciateli a riposare da una parte. Ripetete il procedimento con l’altra palla.

Portate ad ebollizione una pentola d’acqua salata e cuocete 12-15 gnocchi per volta (non tutti insieme altrimenti si attaccheranno). Quando saliranno in superficie saranno cotti.

Scolateli con la schiumarola e adagiateli in una zuppiera con un po’ di sugo sul fondo e continuate la cottura dei restanti gnocchi.

Procedete con strati di sugo e parmigiano prima di versare gli gnocchi successivi nella zuppiera. Ultimate con un generoso strato di parmigiano e servite caldi (potete passarli 5 minuti al forno per riscaldare i primi che nel frattempo potrebbero essersi un po’ freddati).