Crea sito

Archive for ottobre 30, 2011

Biscottini golosi di Laura

Questa ricetta non è mia ma è di semplice esecuzione e di certa riuscita e così la pubblico anche per i meno pratici che con questi biscottini faranno un gran figurone! Ringrazio la mia amica Laura per averli portati per una merenda di classe al corso di redattore, rendendo magicamente allegro un grigio giorno d’inverno! Io da allora li preparo per le persone a cui tengo di più e vi assicuro che l’allegria è sempre di casa 🙂

Ingredienti:

500 g di farina

250g di burro

250 g di yogurt bianco

3 cucchiai di zucchero

1 bustina di lievito

1 pizzico di sale

crema di nocciole

Sciogliete il burro e nel frattempo mescolate la farina con lo zucchero, il lievito e il pizzico di sale. Disponete questo composto a fontana e fate un buco in mezzo, dove verserete il burro fuso e lo yogurt. Iniziate ad impastare e quando avrete ottenuto una bella palla unta e morbida riponete tutto in frigo per 40 minuti. Preparate due belle teglie o leccarde con la carta da forno e accendete il forno a 180°-200°. Dividete il composto in 4 palline ( 8 se amate la pasticceria mignon) e stendete 4 (oppure 8 ) dischi. Con la rotellina tagliapasta dividete ogni disco in 8 settori circolari ( 8 triangoli con un lato curvo) come se disegnaste un asterisco.  Spalmate un po’ di crema di nocciole cu ogni “triangolo” e arrotolatelo dalla base verso la punta ottenendo un cornetto. Disponeteli sulla leccarda e infornateli per 15-20 minuti. Sfornate e una volta raffreddati spolverateli con zucchero a velo.

YUMM!!! 😛

Torta di mele della Pippa

La torta di mele è un classico della cucina e ogni paese ha la sua versione. In questa mia ricetta ho sostituito il burro con l’olio di semi, migliore perché vegetale o non idrogenato (come la margarina).  Adatta alla colazione e alla merenda di grandi e piccini, riscopriamo questo dolce come un sano snack casalingo di facile preparazione.

Ingredienti:

5 mele golden abbastanza maturetorta di mele

3 uova

9 cucchiai di zucchero

300 g di farina

125 ml di olio di semi (arachidi o girasole)

1 bustina di lievito

1 bicchiere di latte

2 cucchiai di grappa (o altro liquore distillato)

 

Montate energicamente le uova con 7 cucchiai di zucchero (potete usare sia la frusta elettrica che manuale), aggiungete l’olio e il lievito e infine alternate la farina al latte. A parte sbucciate e tagliate a dadini 3 mele, zuccheratele con i due cucchiai di zucchero rimanenti e aromatizzatele con i due cucchiai di liquore distillato (grappa). Mescolate bene le mele con il liquore e lo zucchero e aggiungetele all’impasto. Preparate una teglia imburrata o munita di carta da forno. Versate l’impasto e decorate la superficie della torta con sottili fette di mela ricavate da quella avanzata. Zuccherate lievemente e infornate a forno caldo a 160-170° per 40 minuti. Controllate la cottura dopo mezzora con uno stecchino, perché a seconda della stagionatura delle mele il tempo di cottura può variare. Sfornare dopo la cottura e servire su un piatto di portata. Spolverare di zucchero a velo se piace.

E’ possibile variare leggermente la decorazione finale della ricetta: se si desidera una superficie più caramellata, cospargere il fondo della teglia imburrata con dello zucchero e sistemare le fette di mela sul fondo. Versare cautamente l’impasto senza far spostare troppo le fette e infornare come sopra. Una volta cotta e raffreddata, capovolgere la torta di mele (caramellata) su un piatto di portata.

Questo dolce si accompagna bene a: cappuccino, caffelatte o latte e, per una nota più glamour, anche a vini dolci come passiti o moscati. Si può arricchire il gusto della torta di mele aggiungendo due cucchiaini di cannella in polvere all’impasto, 100g di uvetta e 40g di pinoli.

Panello con l’uva e pan di ramerino

Il panello con l’uva e il pan di ramerino sono dolci della tradizione toscana le cui origini si perdono nei tempi. Il panello è una variante della focaccia, giacché è preparata analogamente e con gli stessi ingrdienti, mentre il pan di ramerino è un piccolo panino aromatizzato al rosmarino con uvetta. Vi propongo la mia versione, particolarmente adatta a colazioni o spuntini perché sono entrambi sani e nutrienti, ricchi di vitamine ma leggeri.

Ingredienti

per la pasta:

700g di farina 00

4-5 cucchiai di zucchero

25g di lievito di birra

7 cucchiai di olio extravergine d’oliva

2 bicchieri di latte

2 pizzichi di sale

acqua tiepida q.b.

per il panello:

1,5 kg di uva fragola

anice

4-5 cucchiai di zucchero

per il pan di ramerino:

100g di uvetta

4 cucchiai di olio ev d’oliva

alcuni rametti di rosmarino

 

Mescolate la farina con il sale e lo zucchero. Formate una cavità nel monte della farina e versatevi l’olio e il lievito di birra sciolto in un bicchiere di latte. Iniziate ad amalgamare i due liquidi con la farina, dopo di che impastate sempre più energicamente, continuando a bagnare con il bicchiere di latte restante e un po’ di acqua tiepida (la temperatura dell’acqua è importante, il calore innesca il meccanismo della lievitazione). Quando ne avrete fatto una bella palla liscia, mettetela in una terrina, bagnatela sulla superficie e copritela con un canovaccio umido. Lasciate lievitare per qualche ora (i tempi si dimezzano se l’ambiente è riscaldato). Poi dividete l’impasto in due palle: una servirà per il panello e l’altra per i panini.

Stendete una palla e mettetela su una teglia oliata. Lavate l’uva e staccate tutti i chicchi dal grappolo. Sistemateli sulla pasta e iniziate a pigiarli e romperli in modo che entrino nell’impasto. Zuccherate con 4-5 cucchiai di zucchero e spolverate di anice. Cuocete per circa mezzora in forno caldo a 180°.

Mentre cuoce il panello potete decidere di fare un ulteriore panello oppure preparare dei panini di ramerino in questa maniera:

Fate tostare un paio di rametti di rosmarino in olio caldo ma non bollente per almeno 5 minuti. Spegnete e togliete i rametti. Mentre l’olio è ancora caldo fatevi mantecare l’uvetta e quando si è raffreddato impastatelo nella palla rimasta aggiungendo anche del rosmarino fresco. Formate dei piccoli panini che disporrete su una teglia da forno coperta da della carta da forno. Cuocete per mezzora circa a 180°.

 

Piccoli croissant alla panna

Per una gustosa colazione non c’è niente di meglio di croissant caldi appena sfornati. Vi propongo una delle tante versioni in circolazione, accessibile anche a chi non può consumare uova, giacché questa ricetta ne è priva.

Ingredienti:

600g di farina 00

3-4 cucchiai di zucchero

250ml di panna fresca

25g di lievito di birra

25g di olio di oliva

1 bicchiere d’acqua

1 pizzico di sale

marmellata (quella che preferite purché non in pezzi) o crema di nocciole o di castagne o cioccolata al latte a pezzetti

 

Mescolate la farina con lo zucchero e il sale e sciogliete il lievito in un bicchiere d’acqua tiepida. Unite l’olio e la panna fresca alla farina e impastate il tutto aggiungendo anche il bicchiere d’acqua. Una volta che il composto è omogeneo e si è formata una massa liscia ed elastica, mettetela dentro un recipiente e copritela con un canovaccio umido. Lasciatela lievitare almeno un’ora. Passato questo tempo dividete l’impasto in quattro palline uguali. Spianatele in dischi una alla volta e con la rotellina tagliapasta ricavate 12 triangoli da ogni disco. Spalmate la marmellata (o crema di nocciole o di castagne o sistemate della cioccolata in pezzi) su ogni triangolo e arrotolatelo dalla base verso l’apice, così da ottenere tanti piccoli cornetti. Spennellateli con un po’ di latte e infornate a 180° per 15 minuti.  Consumateli ancora fragranti!

Consiglio: se temete di non riuscire a consumarli in due-tre giorni, è possibile conservare i cornetti (ancora crudi) in freezer chiusi in appositi contenitori e ben distanziati l’uno dall’altro. Basterà metterli a scongelare la sera prima per poi cuocerli in forno la mattina successiva, giusto in tempo per la colazione :).