Pasta genovese, una torta molto sostanziosa.

La pasta genoise o pasta genovese rappresenta una delle paste basi della pasticceria.

Deriva direttamente dal Pan di Spagna dal quale si differenzia fondamentalmente per la presenza di burro.

Proprio per la presenza di quest’ultimo la consistenza della pasta genoise risulta essere più friabile, bagnata e di maggior gusto.

Deriva direttamente dal Pan di Spagna dal quale si differenzia.

In questo post vi presentiamo la ricetta base, alcuni usano sfumare con il vino, oppure aggiungono un poco di pomodoro. In alternativa all’olio si può usare la sugna, oppure si fa sfriggere un po’ di vuccularo o pancetta prima di aggiungere la cipolla. Insomma, l’importante è essersi capiti sull’essenziale, poi ognuno ci mette il suo.

pasta_genoise_genovese-612x266

  • Ingredienti: per 6 persone

8 uova
250 g di zucchero semolato
un cucchiaio di zucchero al velo
200 g di farina
50 g di fecola di patate
30 g di mandorle macinate
100 g di burro
la scorza grattugiata di un limone non trattato.

Leggi anche:  Piccole charlotte tiepide.

Preparazione: 70′

  • Montate le uova con lo zucchero semolate, trasferite la crema in una casseruola, ponetela su fuoco bassis­simo e continuate a sbattere con una frusta fino a rad­doppiare il volume del composto.
  • Spegnete il fuo­co, incorporate la farina setacciata con la fecola, le mandorle, la scorza di limone e il burro fuso e raf­freddato.
  • Versate il tutto in una teglia del diametro di 22 cm foderata con carta oleata e cuccete in forno pre­riscaldato a 180° per 40 minuti.
  • Sformate la torta su una gratella per dolci, fatela raffreddare e spolveriz­zatela di zucchero al velo.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

feed rss blog Giallo Zafferano

I miei preferiti su Instagram



Print Friendly, PDF & Email

Altre ricette simili che ti potrebbero interessare

Leggi anche:  Rotolo alle nocciole.
 
Precedente Pasta genovese, una torta molto sostanziosa. Successivo Cubetti ai fiocchi di latte.

Lascia un commento

*