Budino di carote con limone e mandorle.

Le mandorle, semi del mandorlo (Prunus dulcis), sono semi oleosi ricchi di vitamine e minerali. Aiutano a mantenere in buona salute il cuore, le arterie e le ossa, e rappresentano anche un valido rimedio naturale contro l’anemia.

Costituite per il 50% da grassi monoinsaturi e polinsaturi, le mandorle sono una preziosa fonte di energia e hanno un potere calorico elevato (circa 600 calorie per 100 grammi), per questo vanno consumate con parsimonia.

Le mandorle sono una preziosa riserva di vitamina E e di sali minerali, soprattutto di magnesio, ferro e calcio.

Tra i semi oleosi sono quelli che vantano il più alto contenuto di fibre (12%).

budino_di_carore

  • Ingredienti: per 4 persone

300 g di carote
burro
un bicchiere dì vino bianco dolce
2 cucchiai di zucchero
2 mandorle amare
un limone
40 g di mandorle dolci
250 g di panna da montare
2 amaretti
3 tuorli
4 albumi
sale

 

Preparazione: 120′

  • Mondate, raschiate e la­vate le carote, poi cuocetele in acqua bollente leggermente salata.
  • Sgocciolate­le, tagliatele a pezzi quindi frullatele.
  • In una padella fate sciogliere 30 g di burro su fuoco basso, unite il purè di carote e fatelo insaporire per 5 minuti mescolando.
  • Bagnate con il vino, poi uni­te lo zucchero, gli amaretti pestati e ridotti in polvere, le mandorle amare e quelle dolci passate al mixer con una punta di zucchero e la scorza grattugiata del limo­ne.
  • Mescolate per qual­che istante su fuoco molto basso finché gli ingredien­ti saranno ben amalgamati, poi spegnete.
  • Incorporate prima i tuorli, mescolando, poi gli albumi montati a neve ben ferma, mescolando dal basso verso l’alto.
  • Versate il composto in uno stampo da budino im­burrato, livellatelo con una spatola.
  • Coprite con carta d’alluminio e cuocete a ba­gnomaria, per un’ora circa in forno già caldo a 180°.
  • Sformate e servite il budino freddo, accompagnato con la panna montata.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

feed rss blog Giallo Zafferano

Print Friendly, PDF & Email
 
Precedente Pappai biancu, un raffinato dolce sardo di fattura medievale. Successivo Crostata di pere e albicocche.

Lascia un commento

*