Risotto al timo e toma piemontese.

Siamo nel pieno della primavera e le piante aromatiche dei nostri giardini, sono belle verdi e tenere, sono perfette per essere cucinate.

Oggi facciamo un buon risotto con il timo, il suo nome in greco significa forza e coraggio,e possiede proprietà balsamiche che renderanno il nostro riso molto profumato.

Per ottenere, il miglior risotto possibile, la prima cosa da fare è scegliere  il tipo di riso giusto,l’Arborio e il Carnaroli sono perfetti. Come esperienza personale, non comprate quelli che si cuociono in pochi minuti e non scuociono mai, non hanno una bella consistenza e sembrerà di mangiare plastica.

Infine per scegliere la toma piemontese, prendete quella più stagionata, renderà più cremoso il vostro piatto.

INGREDIENTI per 4 porzioni

200 gr di riso

mazzolino di timo

olio extra vergine d’oliva

1 spicchio d’aglio

1 bicchiere di vino bianco

8 dl brodo di verdura

sale q.b.

pepe q.b.

100 gr di toma piemontese

PROCEDIMENTO

Prendere la padella, versare un filo d’olio e uno spicchio d’aglio.IMG_8286

Quando l’olio sarà caldo, versare il riso nella padella e tostatelo.IMG_8289

Tagliate il timo con una mezza luna, deve rimanere ben tritato.IMG_8291

quando il riso sarà ben caldo, sfumate con il vino bianco.IMG_8290

Fate scaldare bene il brodo, dovrà essere aggiunto piano piano quando vedete che il riso si asciuga,

a metà cottura aggiungete il timo.

IMG_8292

Verso la fine della cottura, buttate la toma e mantecate. Aggiustate di pepe e sale a vostro piacere.

IMG_8293

Se non avete problema di linea, potete usare il burro al posto dell’olio, sia all’inizio cottura che nella mantecatura con la toma, per aver un buon riso cremoso, ma non appiccicoso, girate con il mestolo il meno possibile.

BUON APPETITO

IMG_8294

 

 

Precedente Acacia in pastella in tre versioni dolce, salato e al cioccolato Successivo Pollo ai semi d'anice e vermouth bianco