Casatiello nasprato all’anice

Casatiello nasprato all’anice

dolce tradizionale campano di Pasqua

Era bello trascorrere le vacanze dai nonni, anche quelle pasquali che purtroppo erano quelle che duravano meno. La nonna preparava tantissime cose buone, ci teneva molto a rispettare le tradizioni. Tra le tante cose che preparava c’era pure il casatiello nasprato ( termine che proviene da naspro cioè glassa) all’anice, un buonissimo panbriosce dolce che di solito gustavo a colazione o per merenda accompagnandolo alla cioccolata delle uova pasquali.

Anche a me piace mettermi ad impastare durante la settimana Santa e pertanto non poteva mancarmi il casatiello nasprato: ecco come ho fatto a prepararlo:

Ingredienti per una teglia da forno da 20 cm di diametro e 10 cm di altezza:

  • 500 gr di farina (ho voluto utilizzare la semola di grano duro rimacinata W190/240, può comunque essere sostituita dalla farina 00)
  • 4 uova grandi (o 5 medie)
  • la buccia grattugiata di un limone
  • una bustina di vanillina
  • 180 gr di burro (la ricetta originale prevede lo strutto)
  • 250 gr di zucchero
  • metà cubetto di lievito di birra
  • un cucchiaino di anice o di aroma di anice

Per guarnire:

  • succo di un limone
  • 125 gr di zucchero a velo
  • codette colorate

Procedimento:

Per prima cosa occorre preparare il lievitino: mettete il lievito in una ciotola, versatevi 100 ml di acqua tiepida (l’ho messa 30 secondi in microonde a 700w) con 80 gr di farina e un cucchiaino di zucchero. Amalgamate bene facendo sciogliere il lievito, dopo mettete a lievitare al caldo coperto per almeno un’ora (deve raddoppiare il suo volume).

Quando il lievitino sarà pronto, iniziate a montare le uova con lo zucchero, la scorza del limone, la vanillina e l’anice (o l’aroma dell’anice), aggiungete il burro ammorbidito, la farina ed infine il lievitino. Lavorate bene. L’impasto deve risultare morbido e contemporaneamente consistente.

Oleate ed infarinate la teglia e versatevi l’impasto. Lasciatelo lievitare per 3 ore al caldo e coperto.

Al termine della seconda lievitatura, mettete in forno già caldo a 180° per 40 minuti (dipende dal vostro forno, fate la prova con uno steccone da spiedino per controllare che l’interno del casatiello sia completamente asciutto).

Lasciate raffreddare bene, poi procedete alla glassatura mescolando il succo del limone (che andrà filtrato) con lo zucchero a velo fino a raggiungere una consistenza piuttosto cremosa.

Guarnite infine con le codette colorate.

 

 

 

 

Precedente Vellutata di carote e patate Successivo Parmigiana di melanzane fredda