Pan d’arancio, ricetta semplice e soffice senza burro

Pan d’arancio

 

lndubbiamente, il frutto stagionale per eccellenza in questo mese è l’arancia! Frutta di un bel colore arancione, ricca di vitamine, di proprietà benefiche e così buona… E dal momento che abbondano così tanto vien voglia di preparare un bel dolcetto che abbia il sapore di questo frutto così buono e importante per la salute!

Ma come fare in modo di ottenere un dolce che SA veramente di arancia? Infatti, mettendo solo il succo di questo frutto può non bastare, il sapore d’arancia lo dà in particolare la buccia, la scorza che viene appunto grattata per conferire il suo profumo caratteristico, ricca di olii essenziali… E se mettessimo nel dolce polpa e buccia insieme? E così nasce questo dolce, il pand’arancio! Un ciambellone morbidissimo, soffice e profumatissimo che concentra in sè il profumo, il colore e il sapore dell’arancia. 🙂

Pan d’arancio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Avevo visto le foto del pand’arancio della bravissima foodblogger Enrica, del blog Chiarapassion, e mi sono innamorata della ricetta, una ricetta semplicissima (lei la chiama “furba“) perchè è davvero molto semplice da realizzare e con un risultato eccellente. A sua volta, la ricetta è stata tratta dal blog di One girl in the kitchen, ma anche io ho cambiato il procedimento, niente albumi montati a neve ferma e niente mandorle come fa Chiarapassion, ho fatto una piccola modifica riguardo le polveri utilizzate… Insomma, una ricetta ancor più semplice, ci vuole un attimo a prepararla! E in più ho utilizzato lo stampo a ciambella, perchè un ciambellone è un ciambellone, ha il suo fascino il buco centrale.. 😉

Pochi ingredienti per una torta semplice, buona, profumata…dal vero sapore di arancia e con tutte le vitamine che offre questo frutto! Un dolce genuino, d’altri tempi, da preparare per colazione, per merenda o come dopocena. E’ così soffice, davvero, e piacerà a tutti!

E che profumo sprigionerà dal forno, vedrete…

Ingredienti per uno stampo da 24 cm (io ho usato uno stampo a ciambella, voi potete utilizzare anche una tortiera)

  • un’arancia biologica (peso totale 250 g)
  • 4 uova intere
  • 250 g di zucchero*
  • un pizzico di sale
  • 50 ml di acqua
  • 250 g di farina 00**
  • 100 ml di olio di semi (per me di mais)
  • 1 bustina di lievito per dolci

* io come al solito tendo a ridurre la quantità di zucchero, da me portata a 200 grammi e ho usato zucchero di canna demerara.

**  Per una maggiore sofficità, ho messo 200 g di farina 00 e 50 g di fecola (o frumina)

Preparazione

Lavate bene l’arancia, tagliatela a fette e frullatela con tutta la buccia fino a ridurla in purea. Sì, con tutta la buccia, è proprio questa la caratteristica! Non si butta niente dell’arancia.

pizap.com14223975947421

In una ciotola o nella planetaria montare le uova intere con lo zucchero e il pizzico di sale fino a renderle ben spumose e si saranno triplicate di volume (almeno per 5 minuti).

Io per agevolare ciò, ho immerso i gusci di uova in acqua calda per circa 10 minuti prima di iniziare con la preparazione oppure potreste tenerle a temperatura ambiente per un po’ prima della preparazione.

Unite l’olio a filo e l’acqua e continuate a montare. Poi, aggiungere la purea d’arancia frullata e mescolate bene con le fruste a bassa velocità.

IMG_0502

Aggiungete poi le polveri setacciate: la farina con la frumina e il lievito.

Aggiungete poco per volta ed amalgamate con le fruste a bassa velocità.

IMG_0503

Ecco come deve venire il composto.

 

IMG_0505

Versate l’impasto in uno stampo precedentemente imburrato e infarinato (io uso lo spray staccante) e infornate in forno pre-riscaldato.

Cuocete in forno caldo a 170° per 45-50 minuti. Vale in ogni caso la prova stecchino: infilzandolo dovrà uscire asciutto.

Sfornare e far raffreddare un po’. Siate delicati nell’estrarla dallo stampo. Se avete utilizzato lo stampo a cerchio apribile basterà sfilare l’anello di acciaio.

Io l’ho cotto nella pentola fornetto, fornetto Versilia, che cuoce sul gas.

IMG_0506

Il mio ha un diametro di cm 24 nella parte in alto e circa 21 cm nella parte in basso e ha un’altezza di circa 12 cm.

Il fornetto Versilia deve avere in dotazione lo spargifiamma che va messo tra la fiamma del gas e il fornetto e serve a diffondere il calore in modo uniforme ( è un convogliatore di calore).

Imburrare benissimo e cospargere di pangrattato facendolo roteare bene per tutto lo stampo, avendo cura che sia ricoperta anche la parte intorno al foro centrale. Versarvi l’impasto della torta e coprire con il coperchio, incastrandolo bene ed ermeticamente. Mettere la pentola-fornetto sul fornello da caffè (4 cm) con lo spargifiamma ed infornare per circa 50-60 minuti. Per i primi 5 minuti tenere il fuoco a fiamma alta, poi abbassare il gas a circa la metà (non proprio al minimo). In ogni caso, mai aprire il coperchio se non siano trascorsi 2/3 della cottura. Per far dorare sopra gli ultimi 4-5 minuti alzare la fiamma che scalda il coperchio e ne colora la superficie. Dopo circa 45 minuti verificate la cottura infilando uno stecchino o uno spaghetto all’interno di un foro. Io ho impiegato circa un’ora e 5 minuti di cottura.

Una volta raffreddata, decoratela con lo zucchero a velo usando un centrino per creare un bel motivo.

Eccolo qui! Il mio pand’arancio.

Pan d’arancio

Tagliare a fette e servire il vostro pand’arancio.

Un pieno di vitamine da offrire ai parenti e amici! Il pand’arancio è un dolce dall’intenso sapore di arancia. Semplice da fare, dal sapore inebriante e soffice soffice!

 

Se vi è piaciuta questa ricetta, vi invito a cliccare “Mi piace” a questa pagina https://www.facebook.com/pages/Dolcesalatoconlucia/441574555973258  per non perdevi tutte le novità!

**********************

BannerImpression

 

A proposito di arance, Sabato 31 gennaio torna nelle piazze l’appuntamento con le Arance della Salute, scelte dall’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC) come simbolo dell’alimentazione sana e protettiva.

Ventimila volontari, affiancati in molti casi dai ricercatori, distribuiscono in duemila piazze 330mila reticelle contenenti 2,5 kg di arance rosse. Con un contributo minimo di 9 euro è possibile sostenere concretamente il lavoro dei ricercatori e portare a casa un pieno di vitamine, con 2,5 kg di arance rosse e un numero speciale di Fondamentale con i consigli e le ricette per una sana e gustosa alimentazione. Ecco come trovare la piazza più vicino casa.

19 commenti su “Pan d’arancio, ricetta semplice e soffice senza burro”

  1. Mi ha incuriosito l ‘alternativa dello zucchero di canna,dell’arancia messa per intero…ottima davvero!anche i bimbi confermano

    • Grazie Antonella!
      Per lo zucchero di canna, ogni tanto cerco di usarlo al posto dello zucchero bianco, troppo raffinato…
      Meno male che i bimbi approvano!!! Beh, dopotutto è buonissimo e soffice soffice!
      Grazi mille per essere passata di qui, 🙂
      Lucia

  2. Bellissima ricetta!! Vorrei però ridurre le uova a 3… Sarebbe un errore? Mi fanno sempre paura tante uova….
    Bella anche la spiegazione della cottura in for netto Versilia che mio marito usa sempre per i ciambelloni.
    Complimenti!

    • Ciao Roberta, figurati, anche io riduco o ometto le uova in molte preparazioni. Qui la ricetta originaria diceva 4 uova, poi ho visto che nell’altro blog da cui era stata attinta la ricetta, aveva usato 3 uova ma mi era sembrato un poco basso…
      Per cui alla fine ne ho messe 4. In ogni caso se sono uova grandi non penso che faccia molta differenza… Penso andrà bene comunque!! 😉
      Montale a lungo con lo zucchero 😉
      Fammi sapere e grazie mille!!
      Lucia

    • Allora tieni prtesente che l’ho cotta nel fornetto Versilia, quindi non propriamente uno stampo normale. Poi tu intendi una tortiera da 24 cm o a ciambella?
      Comunque è molto umida questo sì!

    • Ciao Annalisa! Non sei l’unica che utilizza questa base come torta. C’è chi l’ha usata cme torta farcita con il cioccolato… pensa che bontaà 🙂
      grazie per essere passata qui 🙂

  3. ciao ho scoperto il tuo blog e sto copiando alcune tue ricette di dolci ma ho un dubbio nelle ricette dei ciambelloni la dose dell’olio è data a volte in gr e a volte in ml anche in torte simili come quella all’acqua e quella al caffè. qual’è ‘unità di misura giusta? quando ho provato in ml l’impasto era troppo liquido, comunque complimenti per le tue ricette. ciao alessandra

    • Ciao Alessandra, per comodità e per utilizzare un’unica unità di misura peso sempre in grammi sulla bilancia elettronica. Quindi, anche i liquidi (acqua, olio etc)
      Grazie per essere passata qui e per avermi ricordato di precisare questa cosa.
      Lucia

  4. Ciao Lucia! Mi hanno appena regalato dei fantastici limoni della costiera Amalfitana… pensi che possano sostituire l’arancia senza problemi?
    Pensavo di partire con 200gr di zucchero come hai fatto tu, assaggiare l’impasto e regolarmi di conseguenza con lo zucchero…
    Grazie!
    Elena

    • Ciao Elena, ti prego fai il limoncello con questi stupendi limoni 🙂
      Per un pan di limone non saprei, dovresti appunto regolarti con lo zucchero…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.