Namelaka al cioccolato bianco

Namelaka al cioccolato bianco

Dovete sapere che da un annetto e poco più hanno cominciato a girare per i gruppi di facebook fotografie di “namelaka”. Namelaka al cioccolato fondente, al latte, bianco con le infinite combinazioni con altri ingredienti, ad es. caffè, al pistacchio, alle nocciole, ecc… Mi ero sempre ripromessa di approfondire e capire meglio cosa si nascondesse dietro questa parola straniera… “namelaka“. Cosa sarà mai? La facevano tutti, tranne io… Io che ho dovuto rimandare causa preparativi per il matrimonio, per la casa nuova ecc, insomma non trovavo mai il tempo!

Ed ora eccomi qui, vi voglio proporre appunto una delle creme più buone e golose in assoluto,

la namelaka al cioccolato bianco!

Scordatevi delle creme preparate sinora, delle ganache, delle mousse… Il tormentone di questi tempi moderni è una nuova crema, chiamata namelaka. Non so bene da dove venga il nome, pare che l’abbia inventata un pasticciere giapponese, fatto sta che ci ha visto giusto, creando una crema vellutata, golosa, soda e cremosa nello stesso tempo! Quanti aggettivi eh, per definire una crema, direte!? Eppure è così… Una crema unica nel suo genere ed è anche facilissima da fare! E gli ingredienti sono i soliti…Latte panna, cioccolato, con l’aggiunta di colla di pesce… Altra particolarità di questa crema è che va fatta riposare 12 ore prima dell’utilizzo, ad es. la sera prima per il giorno dopo. Come di solito si fa con la ganache al cioccolato, prima di montarla.

E’ un tipo di crema che viene spesso utilizzata nelle cd. “torte moderne“, per la piccola pasticceria, per i dolci al cucchiaio, e…perchè no, mangiarla letteralmente a cucchiaiate eheh!

Vediamo la ricetta della namelaka, un tipo di crema che si è diffusa in Italia, grazie a nomi famosi della pasticceria, come Luca Montersino, Maurizio Santin, etc.

Ecco come si prepara la namelaka al cioccolato bianco. 

(da una ricetta di Maurizio Santin)

Ingredienti

(potete fare 1/2 o 1/3 di dose, ne viene tanta)

  • 500 g di cioccolato bianco*
  • 300 g di latte
  • 15 g di sciroppo di glucosio
  • 6 g di colla di pesce in fogli
  • 600 g di panna
  • (a piacere aroma vaniglia)

*Ovviamente non esiste solo la versione al cioccolato bianco, ma anche quella al latte, fondente, al gianduia e via di seguito. Cambiando il tipo di cioccolato perà vanno ricalibrate le dosi degli altri ingredienti (saranno 400 g per il cioccolato fondente e 530 g per quello  al latte).

NOTE ALLA RICETTA

La crema va fatta poi cristallizzare in frigorifero per almeno 10 ore, per cui consiglio di preparare il dolce il giorno prima di quello in cui volete offrirlo.

Preparazione

Ammollare la gelatina in acqua fredda per circa 10 minuti. Tritare il cioccolato bianco in piccoli pezzetti e mettere da parte in una grande ciotola di  vetro. In un pentolino riscaldare il latte con il glucosio fino a leggero bollore. A piacere unite della vaniglia (io uso il mio estratto di vaniglia fatto in casa). A 55°/60° unire la gelatina ammollata e strizzata. Mescolare con un cucchiaio per sciogliere bene il tutto e versare sul cioccolato bianco, mescolando bene per farlo sciogliere tutto. Far raffreddare leggermente ed unire la panna fredda non montata. Ora prendete un minipimer ed emulsionate velocemente senza far inglobare aria. Attenzione, in questa fase dovete solo emulsionare senza creare antiestetiche bollicine d’aria. La crema sarà molto liquida, ma in frigo rapprenderà.

Coprite la ciotola e riporre in frigorifero per almeno 10/12 ore

Possibili utilizzi

Al momento dell’utilizzo utilizzare la namelaka al cioccolato bianco così com’è, come se fosse una ganache, oppure montare per ottenere una crema più vaporosa.

Io consiglio di non montarla con le fruste ma di dare una mescolata con un frustino a mano. Se preferite montarla, conservare in frigo almeno un paio d’ore prima di metterla in sac à poche. Da usare poi per creare dei decori con la sacca da pasticceria

Namelaka al cioccolato bianco.

Namelaka al cioccolato bianco

Da utilizzare per farcire torte decorate, crostate, dolci morbidi al cucchiaio, per farcire bignè o da sola, in coppette da accompagnare a biscotti. Io ho utilizzato i miei biscotti di pasta sablé al cacao. E non solo…

L’ho utilizzata per preparare il dolce per il 4° compleanno del blog, che vedrete a breve!! 🙂

Se vi è piaciuta questa ricetta, vi invito a cliccare “Mi piace” alla mia pagina di fb https://www.facebook.com/pages/Dolcesalatoconlucia/441574555973258 per non perdervi tutte le novità.

 

3 commenti su “Namelaka al cioccolato bianco”

  1. Ciao Lucia non ho capito quando metti tra le parentesi le dosi del cioccolato al latte o fondente, le dosi degli altri ingredienti rimangono uguali?
    e il glucosio si può sostituire con uno sciroppo di acqua e zucchero magari aromatizzato?

  2. Ciao Lucia, al posto del glucosio posso fare uno sciroppo con acqua e zucchero? Anzi ho quello avanzante dalla canditura delle arance, posso utilizzare quello visto che è già aromatizzato?
    Per le versioni al cioccolato fondente o al latte quelle tra parentesi sono le dosi del cioccolato, le altre rimangono invariate?

    • Ciaao Giovanna,ti rispodo anche qui così le risposte potranno essere utili anche ad altri che hanno i tuoi stessi dubbi…
      No , lo sciroppo di glucosio non può essere sostituito da uno sciroppo di acqua e zucchero, al massimo con un miele chiaro, come quello di acacia…
      Per le altre versioni di namelaka al cioccolato si usano quelle tra parentesi e gli altri ingredienti rimangono invariati 🙂
      Lucia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.