DSCN2415

 

Il gelato al pistacchio è un gusto di gelato che piace a moltissime persone, ma sicuramente la prima cosa che noterete dalle foto è che il mio gelato al pistacchio non è di colore verde brillante, acceso…che tanto attrae i bambini in gelateria!

In realtà, il vero gelato al pistacchio è proprio così, di un colore tendente al marroncino chiaro… E anche il sapore, vedrete, sarà completamente diverso: è un gelato al pistacchio che SA di vero pistacchio! Questo sicuramente perchè ho utilizzato veri pistacchi di Bronte, quindi l’utilizzo di buone materie prime fa la differenza nell’ottenere un buon gelato. Dunque, scordatevi del colore verde intenso (indice dell’uso di coloranti come la clorofilla) e del sapore sintetico del gelato al pistacchio di alcune gelaterie (nonchè di quello dei gelati preconfezionati) e comunque non deve ricordare quello della mandorla, che al produttore costa meno del pistacchio… 😉

Vediamo come preparare questo gelato. Io non ho utilizzato la pasta di pistacchio bensì ho utilizzato la tecnica dell’infusione dei pistacchi nei liquidi. Ho ottenuto un gelato casalingo al pistacchio molto buono, dal sapore caratteristico di vero pistacchio e se amate questo gusto non può non piacervi! L’unica accortezza che vi raccomando è di utilizzare dei buoni pistacchi: se non avete la possibilità di reperire quelli di Bronte (che, infatti, ho trovato solo in Sicilia), utilizzate dei normali pistacchi non salati (se vi interessa, ho scoperto che la catena DICO vende delle vaschette di granella di pistacchi di Bronte da 100 grammi).

Ingredienti per due coppette

  • 250 ml di panna fresca al 33%
  • 100 ml di latte
  • 20 g di amido di mais (detto anche maizena)
  • 70 g di zucchero
  • 1 tuorlo
  • 50 g di pistacchi di Bronte tritati*

* consiglio di aggiungere il glucosio, come ho fatto nel gelato al cioccolato kinder, per dare al gelato una migliore cremosità e struttura (un cucchiaio).

Per la Meringa: 

  • 1 albume
  •  1 cucchiaio di zucchero a velo

Note alla ricetta

Questo è uno dei miei primi esperimenti di gelato fattoin casa, infatti si tratta di un procedimento che non ho più seguito dal momento che successivamente i miei gelati sono stati realizzati in maniera “più professionale”, con ingredienti quali farina di semi di carrube, sciroppo di glucosio e latte in polvere.

Preparazione

Mettere la granella di pistacchi di Bronte (oppure potete utilizzare quelli non salati e tritati) nella panna con il latte e lasciare in infusione tutta la notte in frigo, coprendo la pentola con un coperchio o pellicola.

Al mattino, riscaldare la panna e il latte, poi filtrate il latte dai pistacchi e procedete con la preparazione del nostro gelato al pistacchio. Montare il tuorlo d’uovo con lo zucchero e il miele fino a renderlo spumoso. Aggiungere la maizena setacciata e, infine, il latte caldo a filo mescolando bene il tutto.

Rimettere il composto nel pentolino sul fuoco a fiamma dolce e far addensare leggermente (dovrà venire come una crema inglese, dovrà velare il cucchiaio): ci vorranno 10-15 minuti circa. Se avete il termometro da cucina, la temperatura non dovrà superare gli 85°. A questo punto il tuorlo sarà pastorizzato.

DSCN1833

Spegnere il fuoco e far raffreddare la crema, mescolando di tanto in tanto.

Intanto, fare una sorta di meringa montando un albume con un cucchiaio di zucchero a velo, sul fornello piccolo del gas oppure a bagnomaria, in modo che la meringa sia “cotta”, per una maggiore sicurezza. Aggiungere la meringa così ottenuta alla crema raffreddata e mescolare dal basso verso l’alto.

Raffreddare molto bene la crema, ponendola anche in frigo per qualche ora.

Mettere la crema raffreddata nel cestello refrigerante (precedentemente messo in freezer per una notte) e procedere secondo le istruzioni della vostra gelatiera.

Io ho ottenuto il gelato al pistacchio in 20 minuti circa di mantecatura. Volendo, a metà del tempo, potreste aggiungere al gelato in formazione una manciata di pistacchi tritati (magari quelli avanzati dall’infusione). Estrarre il gelato dal cestello della gelatiera, e servirlo in coppette, decorando con pistacchi tritati.

Oppure potreste metterlo in una vaschetta di plastica per alimenti  (magari utilizzando una vecchia confezione di gelato con coperchio) e riporlo in freezer.

DSCN2416

Nel freezer indurisce un pochetto, per cui è preferibile tirare il gelato dal congelatore circa 10 minuti prima di servire, in modo che si ammorbidisca un po’.

Potreste, volendo, preparare il gelato anche senza gelatiera!

Mettere il composto in un contenitore metallico precedentemente ghiacciato nel freezer (una pentola andrà bene), frullare con le fruste per qualche minuto e riporre in freezer per 40 minuti.Trascorso questo tempo riprendetelo, e mescolare nuovamente con un cucchiaio per mantecare il gelato. Ripetete questa operazione dopo altri 40 minuti, mantecando il gelato e rimetterlo in freezer per un’altra ora circa.

Trasferire il gelato in un contenitore di plastica (utilizzando una vecchia confezione di gelato con coperchio) e prima di servirlo amalgamatelo qualche secondo per ammorbidirlo leggermente.

Se vi è piaciuta questa ricetta, vi invito a cliccare “Mi piace” a questa pagina https://www.facebook.com/pages/Dolcesalatoconlucia/441574555973258  per non perdevi tutte le novità

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.