Crea sito

Crostata tiramisù al limone

Crostata tiramisù al limone

Crostata tiramisù al limone

Terminiamo questa settimana con un buon dolcetto,

la crostata tiramisù al limone!

Una deliziosa torta, particolare e d’effetto. Si tratta di un dolce composto da una base di pasta frolla e un ripieno di savoiardi e farcita con crema mascarpone al limone, insomma, una vera delizia, fresca e delicata! Inoltre, la crema al mascarpone è senza uova (crude), quindi, adatta anche ai bambini e alle donne in gravidanza.

L’idea di questo dolce, in realtà, non è nuova… Ricordate la crostata tiramisù? Anche questa odierna è un dolce composto da una base di frolla e un ripieno di savoiardi imbevuti e un ripieno di crema al mascarpone. La caratteristica di questo dolce mi era piaciuta così tanto che ho voluto riprodurla anche per questo dolce al limone! un dolce un po’ diverso dai soliti e con cui farete davvero un’ottima figura: riceverete complimenti a non finire!  😉

 

Nella crostata tiramisù era stato utilizzata la Nutella per “isolare” la base di frolla dai savoiardi imbevuti. Cosa utilizzare nella crostata tiramisù al limone, invece? Ho utilizzato una buonissima gelatina al limone, per cui il sapore lievemente agre della stessa crea un contrasto strepitoso con la dolcezza della crema al mascarpone. Vi assicuro che questo dolce è stato davvero molto apprezzato e consiglio assolutamente di preparare questa crostata tiramisù al limone!

Perfetta da proporre a conclusione di un pasto domenicale o festivo o per un’occasione speciale come un compleanno.

E ora vediamo in dettaglio come preparare questa crostata tiramisù al limone. Non perdetevi questa ricetta!

Crostata tiramisù al limone

Ingredienti per uno stampo per crostata da 24/26 cm di diametro

Per la pasta frolla

  • 300 g di farina tipo 00
  • 150 g di burro
  • 110 g di zucchero
  • 1 uovo intero (60 g)
  • 1 tuorlo (20 g)
  • 1 pizzico di sale
  • buccia grattugiata di limone bio

Ingredienti per la farcitura

  • 250 g di mascarpone
  • 80 g di zucchero a velo
  • 20 g di limoncello
  • 150 g di panna per dolci (io ho usato quella già zuccherata)
  • buccia grattugiata di limone bio

Per la gelatina al limone*

  • 150 g di acqua
  • 100 g di succo di limone
  • buccia di limone bio
  • 120 g di zucchero
  • 2 fogli di colla di pesce (12 g)

*In luogo della gelatina al limone potreste utilizzare marmellata di limoni, ndr.

Per la bagna

  • 100 g di acqua
  • 50 g di zucchero
  • 10 g di limoncello

E inoltre:

  • 10-12 savoiardi o pavesini
  • riccioli di cioccolato bianco
  • fettine di limone
  • foglioline di menta

Preparazione

Per prima cosa prepariamo la pasta frolla, anche il giorno prima, e conservatela in frigorifero.

Sulla spianatoia mettere la farina, il sale e il burro a tocchetti, abbastanza freddo di frigo (tirato dal frigorifero 15 minuti prima). Creare un composto sabbioso sfregando con le dita della mano il burro con la farina: dovrete ottenere, appunto, un composto “sbricioloso”, simile alla sabbia bagnata ( è il cd. “metodo sabbiato” per ottenere un’ottima pasta frolla, date un’occhiata a questo link sulla pasta frolla). Formare ora una fontana e al centro aggiungere lo zucchero, la buccia grattata di un limone, l’uovo intero e il tuorlo, sbattendo con una forchetta e raccogliendo pian piano il composto sabbioso all’esterno. Infine, lavorare velocemente la pasta frolla con le mani per compattarla. Formate un panetto, avvolgetelo da pellicola, e riporlo poi in frigorifero per circa 30 minuti. Io ho utilizzato la planetaria, con frusta a foglia.

Trascorso il tempo di riposo della pasta frolla, stenderla sulla spianatoia infarinata fino ad ottenere uno spessore di 5 mm circa. Imburrare ed infarinare lo stampo e adagiarvi la base di pasta frolla. Rimuovete la pasta frolla in eccesso lungo i bordi, punzecchiatela con i rebbi di una forchetta, copritela con un foglio di carta forno e distribuite sulla superficie fagioli secchi (in alternativa, potete utilizzare cucchiaini o posate in acciaio). Dovete fare una cottura “in bianco“.

Infornare la base della crostata in forno statico pre riscaldato a 180° per 20 minuti, sfornate, togliete la carta forno con i fagioli e finite di cuocere per altri 5/8 minuti o fino a doratura della pasta frolla. Sfornate e fate raffreddare la base.

Preparazione per la farcitura

Montare la panna per dolci (mi raccomando ben fredda di frigo) e metterla da parte. Un trucco per agevolarvi è quello di riporre la ciotola e le fruste in freezer per almeno 15 minuti prima di procedere. In ogni caso la panna deve essere ben fredda di frigo, anche se si tratta di quella a lunga conservazione.

In una terrina lavorate con le fruste a bassa velocità il mascarpone con lo zucchero a velo e la buccia grattugiata di limone, aggiungete il limoncello e mescolare fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea. Aggiungete, ora, la panna precedentemente montata, unendola con movimenti delicati che vanno dal basso verso l’alto, per non smontare la crema, utilizzando una frusta a mano o una spatola. Riporre la crema al mascarpone senza uova in frigo.

Preparare la gelatina di limone.

In un pentoline fate sobbollire l’acqua con lo zuicchero e la buccia di limone. Spegnete, eliminate le bucce ed aggiungete il succo filtrato di limone. Infine, unite allo sciroppo caldo la gelatina precedentemente bagnata e strizzata e mescolate omogeneamente. Fate raffreddare mettendola infine un po’ in frigo: deve rapprendersi. Unite del colorante giallo a piacere.

gelatina di limone

Preparate anche la bagna al limoncello.

Assemblaggio finale 

Quando la base di frolla è fredda, stendete uno strato di gelatina al limone (fungerà da isolante), bagnate leggermente i savoiardi (io i pavesini) nella bagna al limoncello, fateli sgocciolare e sistemateli sopra la gelatina. Riempire una sacca da pasticciere con la crema al mascarpone e farcite il guscio di pasta frolla, distribuendola uniformemente sopra i savoiardi.

Io ho utilizzato il beccuccio Saint’Honorè per creare questo effetto.

Decorare a piacere la crostata tiramisù al limone con fettine di limone, riccioli di cioccolato bianco giallo e foglioline di menta.

Conservare la crostata tiramisù in frigorifero prima di servire.

Crostata tiramisù al limone

Crostata tiramisù al limone

Fatemi sapere se vi è piaciuta questa variante di crostata tiramisù.

Buon fine settimana a tutti!

Se vi è piaciuta questa ricetta, vi invito a cliccare “Mi piace” a questa pagina https://www.facebook.com/pages/Dolcesalatoconlucia/441574555973258  per non perdevi tutte le novità

 

 

2 Comments on Crostata tiramisù al limone

  1. Name*
    23 aprile 2017 at 17:15 (5 mesi ago)

    CIAO e complimenti, mi diresti le misure dello stampo? Grazie

    Rispondi

Leave a Reply

*