Scialatielli in carbonara di fave e guanciale croccante


Dall’orto di mamma sono arrivate le prime fave fresche e tenere. Erano pochine per mangiarle con il pane e pancetta, ci sarebbe stata la ressa  e quindi ho optato per unirle agli scialatielli in carbonara di fave e guanciale croccante.

Gli scialatielli sono un formato di pasta fresca usato nella cucina campana tipici di Amalfi dove sono nati per mano dello chef Enrico Cosentino nel 1978, (presentati ad un concorso culinario gli valsero il premio entremetier dell’anno), il loro nome si presume derivi da due parole dialettali “scialare”(godere) e “tiella-i” (padella)
Sono listarelle più corte degli spaghetti, più larghe e di sezione rettangolare piuttosto irregolare. Sono tradizionalmente fatti a mano con farina, acqua e/o latte, formaggio grattugiato, basilico fresco tritato e sale, ma vengono anche venduti come formato di produzione industriale.
Sono riconosciuti come prodotto agroalimentare tradizionale della regione Campania.

 

scialatielli in carbonara di fave croccanti

Scialatielli in carbonara di fave e guanciale croccante

Ingredienti per 4 persone

  • 500 g di scialatielli
  • 4 uova
  • 100 g di guanciale
  • 70 g di formaggio grattugiato (pecorino e grana)
  • 200 g di fave piccole e tenere sbucciate e decorticate
  • olio extravergine qb
  • sale e pepe qb

 

Preparazione

Portate a bollore dell’acqua in una pentola capiente e salatela appena in quanto il piatto è già ricco di ingredienti che aggiungeranno sapidità. Calate la pasta e mentre gli scialatielli sono in cottura, riducete il guanciale a dadini. Mettete il guanciale e le fave in una padella con un filo olio extravergine di oliva e saltateli fino a quando il grasso del guanciale non sarà divenuto trasparente e croccante. Prendete adesso una ciotola e sbattetevi le uova con il formaggio e il pepe. Scolate gli scialatielli al dente, versateli nella padella con il guanciale (a fuoco spento) e aggiungete le uova. Il calore della pentola basterà a far coagulare leggermente l’uovo che non deve cuocere troppo ma rimanere cremoso. Amalgamate bene e servite subito in tavola.

Un consiglio : se avete ospiti servite gli scialatielli in cialde di grana, successo garantito !!

 

 

 

 

 

 
Precedente Coppa golosa idea per riciclare la colomba pasquale Successivo Involtini di maiale ripieni di crudo e mozzarella di bufala

8 thoughts on “Scialatielli in carbonara di fave e guanciale croccante

Lascia un commento