Pasticcio di pasta al forno con salsiccia e funghi

 

Pasticcio di pasta al forno con salsiccia e funghi

Il pasticcio di pasta al forno con funghi e salsiccia è una ricetta classica della tradizione culinaria italiana, ottima da mangiare appena sfornata, la si può servire anche tiepida oppure a temperatura ambiente.

È una preparazione molto versatile, rapida e semplice da preparare anche per chi non ama passare molto tempo in cucina.

È possibile preparare questa pietanza in anticipo poiché basterà cuocerla e gratinarla poco prima di servirla a tavola. Per chi non gradisse la scamorza affumicata può sostituirla con mozzarella o fior di latte.

 

 

Pasticcio di pasta ai funghi

 

 

Pasticcio di pasta al forno con salsiccia e funghi

Ingredienti

  • 400 g di pasta corta tipo mezze maniche – rigatoni – penne rigate ecc.
  • 400 g di funghi misti freschi o surgelati
  • 300 g di salsiccia di suino
  • 200 g di scamorza bianca o affumicata
  • 60 g di formaggio grana grattugiato
  • 1/2 bicchiere di vino rosso
  • battuto sedano carota e cipolla
  • olio extravergine di oliva
  • sale pepe q b

Per la besciamella

  • 500 ml di latte intero
  • 50 g di burro
  • 2 cucchiai di farina
  • noce moscata
  • sale q b

 

Preparazione

Se usate i funghi freschi puliteli eliminando la base terrosa dei gambi ed eventuali parti sciupate, poi ripassateli con una pezzuola umida. Se invece usate i funghi surgelati metteteli in padella senza scongelarli.

Tritate finemente sedano e carota e cipolla e soffriggete il trito in una padella antiaderente con 4-5 cucchiai di olio, unite la salsiccia sgranata e rosolatela per circa 5 minuti, poi sfumate con il vino rosso.

Evaporato il vino aggiungete il misto funghi e fate cuocere per una decina di minuti aggiungendo del brodo o acqua calda, alla fine assaggiate e regolatevi se bisogna aggiungere sale, in quanto di solito la salsiccia è abbastanza sapida.

Nel frattempo preparate la besciamella facendo sciogliere il burro in una padella e incorporando la farina. Aggiungete il latte caldo e mescolando proseguite la cottura fino ad ottenere una consistenza liscia e cremosa, infine aggiungete un pizzico di sale e profumate con un pizzico di noce moscata.

Tagliate la scamorza a dadini.

Lessate la pasta molto al dente in abbondante acqua salata, poi scolatela.

Cospargete il fondo di una pirofila con qualche cucchiaiata di besciamella.

Condite la pasta con il sugo di salsiccia e funghi e la besciamella, lasciandone due mestoli da parte che servirà alla fine da mettere sopra la pasta.

Aggiungete 2 cucchiai di formaggio grattugiato e un pizzico di pepe.

Mescolate bene in modo che la pasta sia condita uniformemente e distribuitene metà nello stampo, sopra adagiate la scamorza tagliata precedentemente.

Fate un’altro strato di pasta e terminate con la restante besciamella, una generosa spolverata di parmigiano e un pizzico di pepe.

Infornate la teglia per circa 25-30 minuti in forno preriscaldato a 190°C, poi spegnete e lasciate riposare la pasta almeno 5 minuti prima di servire.

 

 

DSCN1063

 

 

 

 

Print Friendly

Sagra della porchetta a Sant’Antonio Abate

Sagra della porchetta a Sant’Antonio Abate

E’ partito il tradizionale appuntamento con la Fiera e Sagra della porchetta a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli.

 

sagra della porchetta a Sant'Antonio Abate

 

 

La sagra della porchetta è patrocinata dallo stesso comune di Sant’Antonio Abate, dalla Camera di Commercio di Napoli e dalla Regione Campania. Tra i partecipanti all’evento gastronomico vediamo numerosi espositori che proporranno al pubblico campano e non deliziosi prodotti e servizi.

La fiera, invece, sarà caratterizzata dalla presenza di differenti espositori di diversi settori, che occuperanno l’area dedicata di oltre 5.000 metri quadrati. Tra gli espositori che si presenteranno alla Fiera di Sant’Antonio Abate vedremo: Salone Sposa, Salone Arredo Casa, Area Tecnica, Area Commerciale, Area Auto e Accessori, Area Agroalimentare e Area Ristoro.

Ma non è tutto: difatti, la tenda teatro allestita appositamente per i grandi eventi con convegni e sfilate, proporrà momenti di intrattenimento con interessamento verso lo spettacolo, la cultura e divertimento, tra gli artisti che compaiono in calendario, spiccano i comici Biagio Izzo e Paolo Caiazzo.
E non finisce qui, perché ad affiancare il divertimento sarà anche la tradizione attraverso gli storici appuntamenti con i mercatini, i riti religiosi e l’accensione del famoso Cippo. Dulcis in fundo a completare la rinomata festa, ci saranno anche le tammorre, le danze popolari e la premiazione degli stand della porchetta.

Insomma, la Fiera di Sant’Antonio Abate e la Sagra della Porchetta sono due eventi dove non si può certamente mancare.

Ingresso libero.

Programma completo

Giovedì 15 gennaio
- ore 19:00. Apertura con Lisa Fusco (la Soubrettina)
-ore 20:00. Esibizione della scuola di ballo “Studio Danza Lady Mary”

Venerdì 16 gennaio
-ore 19:00. Accensione Cippo tra tradizioni e culture contadine a cura del Comitato Sant’Antuono – balli e canti popolari con il gruppo “A Tammorra ‘e Castielle”

Sabato 17 gennaio
Festa padronale di Sant’Antonio Abate . Riti religiosi e mercatini in tutta la città- “ritorno alle tradizioni” con esposizioni  di animali nel parco naturale di Via Lettere
-ore 20:00. Spettacolo Musicale con il gruppo Onde Vibranti
-ore 22:30. Djset- Disco usic a cura del Forum dei Giovani

Domenica 18 gennaio

-ore 20:30. Karaoke a cura di Radio Stereo 5

Lunedì 19 gennaio
-ore 20:30. Spettacolo di Cabaret con il grande Biagio Izzo

Martedì 20 gennaio
-ore 20:30. Spettacolo di musica e cabaret cogli gli “Spaccapaese” e Gerardo Amarante

Mercoledì 21 gennaio
-ore 19:00. Spettacolo Musicale Teatrale a cura dell’I.C. “Mosè Mascolo”
-ore 21:00. Cabaret con “Paolo Caiazzo” Cardamone da Made in Sud

Giovedì 22 gennaio
-ore 20:30. Spettacolo musicale con il gruppo “Medina Band”

Venerdì 23 gennaio
-ore 20:30. Spettacolo “In Cammino” a cura dei giovani della Parrocchia di S. Antonio Abate

Sabato 24 gennaio
-ore 20:30. Spettacolo musicale con il Maestro Mario Alfano e Alfa Sound Group
-ore 22:30. Djset – Discomusic a cura del Forum dei Giovani

Domenica 25 gennaio
-ore 20:30. Gran Galà “Fiera in Danza” – Liscio, Latino Americano, Caraibici con la scuola di Ballo Spazio Danza “Lady Mary”
Saluti del Sindaco e premiazione degli stands della Porchetta

 

Print Friendly

Arrosto di maiale alle prugne

Non insospettitevi sull’accostamento dolce-salato di questo piatto:in molte cucine straniere, questa è la regola e i risultati sono tutt’altro che deludenti.

L’arrosto di maiale alle prugne ne è l’ esempio, si tratta di un piatto semplice, economico e che può stupire anche i palati più scettici.

Questa ricetta oltre ad essere semplice è molto versatile.

Potete scegliere di farcire la carne incidendola al centro ed inserendo pezzetti di pancetta e prugne, oppure soltanto prugne e avvolgere il filetto con fette di pancetta. La seconda versione, che è quella che vi propongo oggi è più semplice ed è senza farcitura e senza pancetta, si cuoce in pentola insieme ad odori e prugne secche, il tutto poi sarà frullato e servito come cremina sulla carne tagliata a fette.

 

arrosto di maiale alle prugne

 

 Arrosto di maiale alle prugne

 

Ingredienti

  • 800 g di lonza – filetto o capocollo di maiale
  • 10 prugne secche denocciolate
  • 3-4 cucchiai di olio d’oliva extravergine
  •  vino bianco q b
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 carota
  • 1/2 cipolla
  • 1 ramoscello di rosmarino
  • 2 foglie di alloro
  • brodo q b
  • amido di mais q b
  • sale -pepe q b

 

Procedimento

Mezz’ora prima di iniziare mettere le prugne in ammollo nel vino.

Far rosolare il filetto a fuoco vivo su ogni lato, versare 1/2 bicchiere di vino e far evaporare.

Aggiungere le prugne scolate dal vino, gli odori, l’aglio, la cipolla e la carota tagliati grossolanamente.

Aggiustare d sale e pepe e lasciare cuocere la carne a fuoco basso e con il coperchio girandola ogni tanto, se asciugasse troppo aggiungere brodo caldo o altro vino oppure semplice acqua calda.

Per verificare se la carne è cotta pungere l’arrosto con uno stecchino: se uscirà del liquido incolore sarà cotta a puntino, se invece il liquido sarà rosa la carne dovrà cuocere ancora.

A cottura ultimata trasferite la carne su un piatto e tenetela al caldo coprendola con una ciotola.

Eliminare lo spicchio di aglio, l’alloro e il rosmarino e frullare il fondo di cottura, rimettete il liquido nella casseruola e fate bollire per 2 minuti, se risultasse troppo liquido tenerlo al fuoco qualche minuto in più o aggiungere un cucchiaino di farina di mais per addensarlo.

Tagliare la carne a fettine e disporla su un piatto da portata caldo.

Irrorate le fette di carne con la salsa di prugne bella bollente e servitele subito.

 

 

Print Friendly

Insalata di polpo | Profumo di glicine

 

Insalata di polpo

 

Insalata di polpo

La ricetta di oggi è uno sfizioso antipasto monoporzione.

L’insalata di polpo servita in simpatiche coppette di arance svuotate è un’idea finger food bellissima adatta anche per un buffet o per iniziare nel migliore dei modi un pranzo o una cena a base di pesce.

Le coppette possono essere anche di limoni, in genere durante un pranzo o una cena a base di pesce si serve anche un sorbetto di limone o arancia e quindi le coppette svuotate si possono utilizzare come contenitori per servire il polpo.

In questo caso ho usato le arance svuotate perché con il loro succo ho preparato un cocktail di arancia.

 

Ingredienti per 4-5 persone

  • 1 polpo da un 1 chilo e mezzo circa
  • olive verdi (facoltative, nella foto non si vedono ma ci stanno bene e le metto sempre)
  • 1 spicchio di aglio
  • 2 foglie di alloro
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 2 limoni
  • olio extravergine di oliva
  • sale-pepe

 

Procedimento

Prima di cucinare il polpo bisogna sfibrarlo battendolo diverse volte o congelandolo, questo farà sì che i nervi si rilassino.
Mettiamo al fuoco una pentola con acqua, aggiungiamo un cucchiaino di sale, un ciuffo di prezzemolo e qualche foglia di alloro(facoltativo).

Quando l’acqua con gli aromi inizia a bollire si cala anche il polpo.

Immergete e togliete i tentacoli dalla pentola, per 3-4 volte, tenendo il polpo per la testa, affinché si arriccino e si ammorbidiscano.

Immergete poi il polpo completamente, aspettate che l’acqua riprenda il bollore, abbassate il fuoco a minimo e coprite con un coperchio.

Lasciate cuocere il polpo per circa 40-50 minuti (più o meno 20 minuti per ogni 500 g).

E’ importante calare il polpo in acqua bollente per far sì che trattenga al suo interno tutti i succhi e che risulti quindi più saporito

Quando il polpo è cotto (fate la prova infilzandolo con una forchetta) spegnete il fuoco e lasciatelo raffreddare.

Il segreto per mantenere il polpo tenero, è farlo raffreddare nella sua acqua, quindi tenetelo presente e anticipatevi per la cottura.

Grattugiate un pochino di scorza di limone quindi spremeteli entrambi.

Aggiungete sale, pepe e 5-6 cucchiai di olio al succo e mescolate il tutto con la frusta in modo da ottenere una salsa da usare successivamente per condire l’insalata di polpo.

A questo punto potete scolare il polpo e tagliarlo a tocchetti.

Conditelo quindi con la vinaigrette preparata, aggiungete il prezzemolo tritato, lo spicchio di aglio diviso in due e le olive.

Fate insaporire la vostra insalata di polpo tenendola in frigo per un paio d’ore.

Al momento di servire riempite di polpo all’insalata le coppette di arancia o limone e servite.

 

 

DSCN1021

Print Friendly

Pasta patate zucca e speck

 

Quanto è buona la pasta e patate?

Poi arricchita con zucca, dadini di speck e scamorza affumicata, diventa veramente un piatto prelibato !

 

 

Fusilli con patate zucca e pancetta

 

Pasta patate zucca e speck

 

 

pasta patate zucca e speck

 

 

 

Ingredienti per 4 porzioni

  • 350 g di pasta corta (tipo fusilli pennette mezze maniche)
  • 50 g di speck a cubetti
  • 200 g di patate
  • 200 g di zucca
  • 100 g di scamorza bianca o affumicata
  • formaggio grana o pecorino grattugiato qb
  • 1 cipolla piccola
  • rosmarino fresco
  • olio extravergine di oliva
  • sale e pepe qb

 

 

Procedimento

Lavate, sbucciate e tagliate a dadini le patate e la zucca, tritate la cipolla.

Mettete in una padella capiente la cipolla con 4 cucchiai di olio e cuocete fino a far diventare trasparente la cipolla.

Unite lo speck a dadini e gli aghi di rosmarino tritati.

Fate rosolare qualche istante prima di aggiungere patate e zucca e continuate la cottura a fiamma bassa e padella coperta per pochi minuti, quindi aggiungete mezzo litro di acqua calda, regolate di sale e pepe e continuate la cottura finché le patate e la zucca saranno cotte.

Fate asciugare il sugo per altri cinque minuti finché diventi denso e cremoso.

Nel frattempo avrete cotto la pasta in abbondante acqua bollente salata, scolatela al dente e versatela nella padella contenente il sugo, aggiungete la scamorza tritata e mescolate per qualche instante in modo da distribuire uniformemente tutti gli ingredienti.

Servite il piatto ben caldo con una spolverata di formaggio grattugiato.

 

 

 

 

 

Print Friendly

Primi piatti di pesce per il cenone di capodanno

Primi di pesce cenone di San Silvestro facili e gustosi. Una raccolta di ricette di primi di pesce facili per chiudere in bellezza il vecchio anno. Primi piatti gustosi e veloci da preparare per chi si ritrova la casa piena di amici e parenti la sera del cenone di capodanno.

 

Primi piatti menù di pesce per il cenone di capodanno

 

 

 

 

PASTA AL SUGO DI ASTICE

DSCN1263

 

 

 

 

CRESPELLE AL SALMONE

crespelle al salmone con zucchine e ricotta

 

 

 

FARFALLE AL SALMONE

farfalle al salmone

 

 

PASTA CALAMARATA AL SUGO DI TOTANI

Calamarata al sugo di totani - ricetta semplice

 

 

SCIALATIELLI AL SUGO DI CALAMARI

DSCN0017-800x600

 

 

CALAMARATA CON ZUCCHINE E GAMBERONI

DSCN0733

 

 

 

 

SPAGHETTI AL BACCALA’ E PROVOLONE DEL MONACO

 

 

 

SPAGHETTI TONNO E LIMONE

Spaghetti tonno e limone

 

 

 

CALAMARATA AL SUGO DI TARANTELLO

Calamarata al sugo di tarantello

 

 

SPAGHETTI AI FRUTTI DI MARE

Spaghetti ai frutti di mare

 

SPAGHETTI CON LE VONGOLE

DSCN0726

 

Print Friendly

Farfalle al salmone affumicato | Profumo di Glicine

La pasta al salmone affumicato è uno dei piatti a base di pesce che piace di più in famiglia.

Io, poi lo adoro perché facile e veloce da preparare ma soprattutto perché il salmone affumicato è già bello pronto in busta e non bisogna pulirlo, inoltre è facile tenere una confezione in frigorifero pronta per le emergenze.  ;)

 

farfalle al salmone

 

 

 Farfalle al salmone affumicato

 

Ingredienti per 6 persone

  • 500 g di pasta tipo farfalle o altra pasta a piacere
  • 200 g di salmone affumicato
  • 200 g di piselli freschi o surgelati
  • 150 g di stracchino
  • vino bianco q b
  • 2 cucchiai di olio extravergine
  • 1 cipollotto
  • 1 noce di burro
  • pepe rosa in grani
  • 1 ciuffetto di prezzemolo
  • sale

 

 

Preparazione

In una padella antiaderente mettere il burro e l’olio con il cipollotto tritato finemente e fatelo appassire a fuoco dolce evitando di farlo rosolare, quindi aggiungere i piselli e lasciateli cuocere fino a che saranno teneri ma ancora croccanti.

A questo punto aggiungete il salmone tagliato a pezzetti e sfumate con un goccio di vino bianco.

Aggiustate di sale e pepe.

A parte lessate le farfalle in acqua giustamente salata e scolatele qualche minuto prima, quindi mantecatele nel sugo aggiungendo lo stracchino e un pò di acqua della pasta.

Mescolate in modo che lo stracchino si amalgami bene alla pasta, infine profumate con il prezzemolo tritato e servite subito.

 

 

farfalle al salmone affumicato

Print Friendly

Gherigli di noci al cioccolato

Gherigli di noci al cioccolato

 

La frutta secca è la regina incontrastata delle feste natalizie. Non è Natale se in tavola non compare un cestino di frutta secca da sgranocchiare.

E se la rendessimo ancora più golosa ricoprendola con cioccolato? I Gherigli di noci così preparati rappresentano una dolce coccola per allietare i dopo cena festivi, magari durante le serate di gioco con gli amici.

gherigli di noci al cioccolato

Gherigli di noci al cioccolato

 

Ingredienti

1 barretta di cioccolato fondente da 150 g – 250 g di gherigli di noci

 

Preparazione gherigli di noci al cioccolato

Spezzettate il cioccolato, mettetelo in un pentolino e fatelo sciogliere a bagnomaria.

Passate i gherigli di noci nel cioccolato fuso ricoprendoli completamente e metteteli a gocciolare su una gratella con sotto la carta da forno per recuperare il cioccolato in eccesso.

Lasciare solidificare a temperatura ambiente fino a quando il cioccolato si sarà indurito e poi riponete i vostri gherigli di noci al cioccolato chiusi in una scatola o in bustine se volete regalarli o inserire nella calza della befana.

Print Friendly

Insalata russa – ricette cenone di capodanno

Preparata in svariati modi, l’insalata russa è formata principalmente da verdure lesse e salsa maionese e può essere servita come antipasto freddo durante tutto l’anno ma è in questo periodo, tra Natale e capodanno che va per la maggiore.

Abbiamo detto che esistono davvero numerose varianti, ognuno la prepara secondo i propri gusti, io propongo la mia versione arricchita con gamberi, è sfiziosa e perfetta sia per il cenone di Natale che per quello di San Silvestro in cui di solito si prepara un menù a base di pesce.

 

 

 

insalata russa

Insalata russa

 

Ingredienti

  • 400 g di patate
  • 200 g di carote
  • 200 g di piselli surgelati
  • 200 g di sottaceti misti e cetriolini
  • 200 g di gamberetti
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di olio di oliva extravergine
  • 3-4 cucchiai di aceto di vino bianco o di mele
  • 400 g di maionese
  • olive verdi q b per decorare
  • sale

 

 

DSCN1033

 

Procedimento

Per preparare l’insalata russa lavate le patate e sbucciatele quindi tagliatele a dadini.

Raschiare le carote e mettetele a cuocere in acqua tiepida salata, raggiunto il bollore calcolate 5 minuti, poi aggiungete le patate e dopo altri 5 minuti versate i piselli. Dopo cotte sarà più facile tagliare le carote a dadini.

Fate attenzione a non cuocere troppo le verdure ma lasciatele croccanti, quindi scolatele bene e fatele asciugare stendendole su un canovaccio pulito.

Sbollentare i gamberi per due minuti in acqua salata, sgusciarli, togliere il filo e tagliarli a tocchetti, lasciandone qualcuno intero per la decorazione finale.

In un pentolino fate rassodare le uova, fatele raffreddare sotto un getto d’acqua fredda quindi sbucciatele.

Tagliare i sottaceti a cubetti ed unirli alle verdure, meglio quando sono ancora tiepide, si insaporiranno meglio.

Aggiungere i gamberi  e condire l’insalata con aceto, olio e sale e terminare con la maionese, mescolare delicatamente fino ad amalgamare per bene l’insalata.
Versatela in una ciotola foderata con pellicola, copritela e fate raffreddare in frigo per un paio di ore.

Prima di portare in tavola, capovolgete l’insalata russa su un piatto di portata e decorate con cetriolini affettati, rondelle di uova sode, olive e gamberi.

Terminate con qualche ricciolo di maionese e…..

 

signature_1

Print Friendly

Sushi di baccalà al pepe rosa | Profumo di Glicine

 Sushi di baccalà

Sushi di baccalà al pepe rosa

Ricetta semplice, ricetta veloce, ricetta per San Silvestro, ricette cena in piedi, ricetta finger food, ricette cenone di Capodanno, ricette antipasto di pesce, ricetta aperitivi a buffet.

 

Ingredienti

  • 400 g di baccalà di ottima qualità dissalato e senza lische
  • insalate miste
  • succo di 2 limoni
  • 4-5 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • sale fino
  • prezzemolo o erba cipollina
  • pepe rosa in grani

Preparazione

Tagliate il baccalà trasversalmente a fettine sottilissime e disponetelo in una terrina.

Spremete il succo dei limoni in una ciotola, unite l’olio, lo spicchio di aglio schiacciato, il prezzemolo tritato e un pizzico di sale, assaggiate prima il baccalà e regolatevi se aggiungere o no altro sale, terminate con i grani di pepe leggermente schiacciati.

Emulsionate il tutto con una frusta e versatelo a filo sul baccalà, coprite con la pellicola trasparente e lasciate marinare in frigorifero per 2-3 ore, avendo cura di mescolarlo delicatamente un paio di volte.

Al momento di servire sgocciolate bene le fettine di baccalà eliminando l’aglio e il prezzemolo, adagiatele in un bel vassoio dove avete disposte le insalate e cospargete il tutto con qualche cucchiaio di marinata e qualche granello di pepe rosa.

Ps : Al posto del prezzemolo, se gradita, potreste mettere erba cipollina tagliuzzata, io lo preparo in entrambe le versioni ma personalmente preferisco quella al prezzemolo e voi?

Lasciate un commento se avete provato questa ricetta, fatemi sapere se è stata oppure no di vostro gradimento, ci tengo ! ;)

sushi di baccalà al pepe rosa

Print Friendly

1 2 3 4 58