Frittata di asparagi selvatici

La frittata di asparagi selvatici è una pietanza primaverile, semplice, gustosa e veloce da preparare.

DSCN0498

 

 

 

Frittata di asparagi selvatici

Ingredienti per 4 porzioni

8 uova
200 g o più di asparagi selvatici
2 cucchiai di Parmigiano Reggiano DOP grattugiato
olio extravergine di oliva
sale-pepe q b

 

Preparazione

Lavate bene gli asparagi selvatici quindi spezzateli con le mani partendo dalla punta.

Quando sentite che non sono più teneri vi fermate, questa parte è da scartare ma non buttatela, vi tornerà utile per preparare un risotto.

Saltate gli asparagi in una padella con 2 cucchiai di olio e mezzo bicchiere di acqua per circa 3-4 minuti o finché saranno teneri quindi versateli nella ciotola dove avete battuto le uova con il formaggio grattugiato e un pizzico di sale e pepe.

Dopo avere mescolato bene, versate le uova in una padella antiaderente con 2-3 cucchiai di olio cado. Mescolate incorporando man mano la base rappresa e la parte di uova crude, poi spianate il composto e fate cuocere da ambo i lati a fiamma moderata. Per girare la frittata fatela scivolare su un piatto, capovolgetela di nuovo nella padella e finite di cuocere dall’altra parte, il tutto sempre a fuoco dolce, in modo che cuocia bene anche all’interno.

Servite la frittata di asparagi calda o a temperatura ambiente accompagnata da insalata mista come contorno.

 

Print Friendly

Tartellette di frolla alle fragole ricetta light

Può un dolce essere light? Io dico di si, con qualche accorgimento si può ottenere un dolce light ma allo stesso tempo goloso.
Le tartellette di frolla alle fragole sono dei dolcetti buonissimi, delle crostatine farcite con una delicata crema di formaggio light e yogurt alle fragole e arricchite con un velo di marmellata di arance. Semplicemente deliziose, la crema risulta compatta ma cremosa allo stesso tempo anche se preparata rigorosamente senza colla di pesce.

Provate queste tartellette alle fragole e servitele ai vostri ospiti in un buffet o a fine pranzo, vi assicuro che saranno molto apprezzate. Tra l’altro la crema, a mio parere è molto versatile e può essere gustata in mille modi, anche da sola, magari in una coppa con fragole fresche o coulisse di fragole frullate. Decisamente versatile questa crema, che dite, vediamo come si fa?

DSCN0430

 

Tartellette di frolla alle fragole ricetta light

Ingredienti per circa 20 tartellette
per la pasta frolla light :
250 g di farina
70 g di ricotta vaccina
70 g di zucchero
1 tuorlo
acqua q b all’occorrenza
buccia di limone grattugiata

per la farcia:
250 g di yogurt light gusto fragola
2 cucchiai di marmellata di arancia o altra a piacere
250 g di formaggio light spalmabile tipo philadelphia
2 cucchiai di zucchero a velo (sostituibile con miele)
2 gocce di aroma vaniglia

poco burro o olio per gli stampini
decorazione:
1 cestino di fragole

 

 

Preparazione

Mescolate la farina con lo zucchero e la buccia di limone grattata, cominciate ad impastare velocemente con la ricotta, ottenendo un composto granuloso. Aggiungete e amalgamate il tuorlo unendo all’occorrenza un poco di acqua per impastare.
Stendete la pasta frolla sottile su un piano di lavoro leggermente infarinato e foderate gli stampini preventivamente imburrati. Bucherellateli, foderateli con dei dischetti di carta forno e riempiteli di fagioli secchi. Cuoceteli in forno preriscaldato a 180° per 15 minuti circa. Poi sfornate e lasciate raffreddare le tartellette su una gratella.

Mescolate il formaggio spalmabile con lo zucchero a velo ed unite lo yogurt e l’aroma vaniglia.

Velate i gusci di frolla con poca marmellata e riempiteli con la crema di yogurt, per un aspetto più decorativo vi consiglio di usare una saca-à-poche.

Completate le tartellette di frolla alla crema light con pezzetti di fragole e riponete in frigo fino al momento di servire.

Però vi consiglio di non preparare le tartellette con troppo anticipo, in quanto la frolla potrebbe risultare troppo morbida e quindi non friabile. Se volete anticiparvi potreste preparate la crema e i gusci e assemblare il tutto al momento di servire il dolce.

In questo caso conservate la crema in frigo ben coperta e i gusci di frolla chiusi in un contenitore ermetico, in modo che non prendano aria e restino friabili.
Ricetta tratta da Più Dolci dello scorso Agosto e da me rivisitata.

 

tartellette di frolla alle fragole ricetta light

Print Friendly

Pasta salmone e asparagi

 

Pasta salmone asparagi, un primo piatto colorato e ricco di profumi, preparato con asparagi selvatici !

Vi consiglio, se potete, di andare a cercare gli asparagi di montagna o cercarli sui banchi del mercato perché proprio la qualità di questo ingrediente determinerà la bontà del piatto.

Per preparare questo delizioso primo piatto ho scelto una pasta fresca fatta in casa, gli strozzapreti, una pasta facilissima da preparare, tra l’altro non contiene uova, ma se non avete tempo o voglia potete optare per una pasta pronta però vi consiglio, comunque, di comprare una pasta fresca, trovo che per questo tipo di condimento sia perfetta.

 

DSCN0304

 

 

Pasta salmone e asparagi

Ingredienti per gli strozzapreti: 
250 g di farina 00
250 g di farina di semola rimacinata
1 cucchiaino di sale 
acqua calda q b

Ingredienti per il condimento:
1 mazzetto di asparagi di montagna
100 g di salmone affumicato
1 scalogno
olio extravergine q b
sale -pepe q b

 

Preparazione

Preparate gli strozzapreti come da ricetta base illustrata passo passo cliccando → qui.

Scaldate un giro d’olio in una padella e fatevi soffriggere lo scalogno.

Rimuovete la parte dura dei gambi degli asparagi e tagliate la parte tenera a tocchetti, poi metteteli in padella lasciando da parte le punte, portate a cottura aggiungendo via via poca acqua calda, gli ultimi 5 minuti aggiungete anche le punte.

Portate a bollore una pentola colma d’acqua, salatela e tuffatevi gli strozzapreti, e scolateli solo quando saliranno a galla.

Trasferite gli strozzapreti cotti nella padella con gli asparagi, aggiungete il salmone a tocchetti e un mestolo di acqua di cottura della pasta e saltate il tutto per qualche minuto.

Servite subito la pasta salmone e asparagi con un pizzico di pepe macinato al momento, se gradite i sapori piccanti.

 

 

 

11164045_868241366582151_8554312441222482179_n

Print Friendly

Involtini di melanzane ripieni di carne

 

Le melanzane sono ortaggi meravigliosi e si trovano ormai tutto l’anno sui banchi degli ortofrutta, nonostante la stagione perfetta per consumarle sia l’estate. Le melanzane possono essere consumate veramente in tantissimi modi e ci sono ricette in cui vengono abbinate ai più svariati ingredienti ma oggi il mio abbinamento è semplicissimo, direi quasi scontato, ve le propongo semplicemente insieme a squisite polpettine di carne e formaggio filante, potrete scegliere secondo i vostri gusti tra scamorza, mozzarella fiordilatte, provola, o quello che preferite, detto fra noi, basta che sia qualcosa che “fili” ;). Venite con me, andiamo a preparare una bella teglia di involtini di melanzane ripieni di carne e provola filante.

 

 

involtini di melanzane ripieni di carne

Involtini di melanzane ripieni di carne

Ingredienti

  • 3 melanzane lunghe
  • 150 g di carne di manzo macinata
  • 100 g di salsiccia
  • 2 uova
  • 100 g di mollica di pane
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 3 cucchiai di formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino)
  • 150 g di scamorza o provola o fiordilatte
  • 1 barattolo di pomodoro passato
  • basilico fresco
  • prezzemolo
  • olio di semi di arachidi q b
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

 

Preparazione

Mettete la carne e la salsiccia sgranata in una terrina e aggiungete le uova, il formaggio grattugiato, il prezzemolo tritato, la mollica di pane, un cucchiaino di sale e un pizzico di pepe. Mescolate per legare bene tutti gli ingredienti e riponete il composto in da parte, in frigo, nel frattempo che vi occuperete delle melanzane.

Spuntate le melanzane, lavatele e tagliatele a fettine, poi sistematele in uno scolapasta alternando le fette con una spruzzata di sale, fate riposare per almeno trenta minuti quindi sciacquatele, asciugatele e fatele friggere in olio di arachidi.

Finito di friggerle tutte procedete a farcirle : Con l’impasto di carne preparato in precedenza formate tante polpettine quante sono le fette di melanzane, quindi farcite tutte le fette con una polpettina e un bastoncino di scamorza e arrotolatele su se stesse formando gli involtini.
Nel frattempo che preparate gli involtini fate cuocere la passata di pomodoro in una padella con 2-3 cucchiai di olio, un pizzico di sale e abbondante basilico fresco.
Prendete una pirofila da forno, distribuite sul fondo un mestolo di sugo di pomodoro e ponete sopra gli involtini di melanzane disponendoli in un solo strato. Mettete sopra altro sugo e spolverizzate a piacere con il parmigiano grattugiato o pecorino.
Coprite la pirofila con carta alluminio e mandatela in forno preriscaldato a 180°C per circa 30 minuti, scoprendola gli ultimi dieci minuti.

Per preparare questi buonissimi involtini di melanzane ripieni di carne potete usare anche un altro metodo: le fette di melanzane si possono grigliare e si farciscono con polpettine già fritte a parte, in questo caso si tengono in forno meno tempo, basteranno circa dieci minuti per dar modo agli involtini di insaporirsi nel sugo e alla provola di fondere, a questo punto i vostri involtini sono pronti per essere gustati caldi ma sono buonissimi anche a temperatura ambiente.

Per questo si possono preparare in anticipo in occasione di gite fuori porta, picnic o pranzi in riva al mare.

 

Print Friendly

Torta chiocciola salata

La torta chiocciola salata è una ricetta vista qualche tempo fa in tv, mi sembra alla prova del cuoco, ad essere sincera non mi ricordo neanche com’era farcita, forse con le zucchine?

Ieri ho raccolto della bieta nell’orto e ho pensato di preparare una torta salata anche perché avevo della ricotta da consumare ma mentre mi accingevo a stendere la pasta mi è venuta in mente la chiocciola ed ecco come nasce questa ricetta, se avete voglia di seguirmi andiamo subito a vedere come si fa la torta chiocciola salata ! 😉

torta chiocciola salata

Torta chiocciola salata

Ingredienti per la pasta brisèe all'olio
300 g di farina 00
40 g di olio evo
100 g di acqua
1 pizzico di sale

Per la farcia
500 g di bieta
250 g di ricotta di Bufala Campana DOP
100 g di provolone del Monaco DOP
3 cucchiai di formaggio grattugiato (Grana o Parmigiano)
1 spicchio di aglio
peperoncino a piacere
olio extravergine di oliva
sale q b
1 uovo piccolo per spennellare

 

Preparazione

Preparate la pasta brisèe all’olio con gli ingredienti elencati e seguendo la ricetta dettagliata cliccando qui

Sbollentate la bieta in acqua per pochi minuti e ripassatela in padella con un filo di olio, uno spicchio di aglio e del peperoncino, fatela asciugare bene, salatela e mettete da parte a raffreddare.

Quindi tagliuzzatela e mescolatela alla ricotta, aggiungete il formaggio grattugiato e mescolate per amalgamare i vari ingredienti.
Con l’aiuto del matterello stendete il panetto di pasta brisèe e dividetelo in quattro strisce dal lato più lungo.
Iniziate dalla prima striscia e farcitela in tutta la sua lunghezza, con il composto preparato, continuate distribuendo sulla farcia i dadini di provolone. Fate combaciare i due lembi ripiegando la striscia di pasta spennellatela leggermente con l’uovo e arrotolatela su se stessa. Farcite in questo modo la seconda striscia di pasta e attaccatela alla precedente continuando ad ingrandire la chiocciola direttamente sulla teglia precedentemente foderata di carta forno. Completate riempiendo di farcia le strisce di pasta rimanenti. Alla fine pennellate la chiocciola con l’uovo sbattuto e cuocetela in forno a 180°C per circa 30 minuti. Potete servire la chiocciola calda, tiepida o fredda, sarà sempre un piacere ad ogni morso.

 

PicMonkey Collage

 

DSCN0324

 

PicMonkey Collage

 

 

 

11214150_10206729790589753_6473299168461373684_n

Print Friendly

Zuppa di lenticchie – ricetta light

 

Nonostante siamo a fine aprile le temperature non accennano ad aumentare, anzi, oggi piove e non smette, sembra proprio di essere ancora in pieno inverno e quindi piatti caldi e zuppe sono sempre graditi.
Allora oggi vorrei proporvi una zuppa di lenticchie deliziosa, leggera e con poche calorie, da perfetta cucina dietetica insomma, l’ho preparata ieri per il mio ragazzo che ha deciso di convertirsi alla cucina sana e devo dire che ha apprezzato moltissimo, e se è piaciuta a lui ! 😉

 

 

 

zuppa di lenticchie

 Zuppa di lenticchie  – ricetta light

INGREDIENTI per 4 persone
350 g di lenticchie
4 fette di pane tostato
1 spicchio di aglio
1 costa di sedano
2 carote
prezzemolo-rosmarino
Olio extravergine di oliva Irpinia Dop - Colline Dell'Ufita
peperoncino q b a piacere
sale q b

 

 

Preparazione
Mettere le lenticchie in una pentola e aggiungere acqua quanto basta a coprirle, uno spicchio d’aglio, la costa di sedano, il peperoncino se gradito, 2 cucchiai di olio, le erbe aromatiche tritate e le carote tagliate a cubetti. Portare ad ebollizione a fiamma vivace, quindi abbassare la fiamma in modo che l’acqua bolla lentamente.

Al momento che asciuga troppo mettere altra acqua, aggiungere sempre acqua bollente, come per tutti i legumi altrimenti si ferma la cottura e diventano duri.
Dopo circa 30 minuti di cottura assaggiare se le lenticchie sono cotte e aggiustare di sale, portare la zuppa a fine cottura lasciandola poco o più brodosa secondo i vostri gusti.
Mettere in una scodella una fetta di pane tostato e versare la zuppa, aggiungere un cucchiaio d’olio extravergine di oliva a crudo e servire.

Print Friendly

1 2 3 4 101