Crea sito

RISOTTO AI FICHI D’INDIA SICILIANI

Risotto ai fichi d’india siciliani: Nuova ricetta particolare sempre a base di Riso Sant’Andrea dell’azienda Riso Goio con il vino bianco friuliano di Ca’ dei Faggi e con degli ottimi fichi d’india che mi sono arrivati dalla Sicilia, dall’azienda Arance Biologiche Bio. E’ un accostamento molto particolare, infatti ero molto curiosa di provarlo perchè comunque i fichi d’india danno una nota di dolcezza al piatto.

La cosa fondamentale è separare i semi quando si ottiene il succo dai fichi d’india in modo da eliminarli altrimenti daranno noia in cottura e soprattutto all’intestino. Io ho usato la macchina per la salsa per farlo e devo dire che li ha separati perfettamente. Dopo di che ho utilizzato il succo per realizzare il risotto. Vediamo come preparare il risotto.

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni3 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti risotto ai fichi d’india siciliani

  • 280 griso Goio
  • 1cipolla
  • 1 lbrodo vegetale
  • 150 mlsucco di fichi d’india
  • 150 mlvino bianco ca’ dei faggi
  • 40 gparmigiano
  • q.b.olio extravergine d’oliva

Preparazione

  1. Risotto ai fichi d’india siciliani: come ogni risotto, bisogna partire dalla base. Affettare la cipolla e dopo aver scaldato pochi minuti l’olio in una padella, aggiungere anche quest’ultima e farla rosolare qualche minuto. Dopo di che aggiungere il riso per tostarlo. Nel frattempo a parte preparare il brodo vegetale da aggiungere tra pochi passaggi.

  2. Dopo aver tostato il riso, aggiungere il vino bianco per sfumare, vi ricordo che io ho utilizzato quello friuliano dell’azienda Ca’ dei Faggi e poi, una volta evaporato, aggiungere piano piano il brodo per cuocerlo.

    Quasi a cottura ultimata è il momento di aggiungere il succo di fichi d’india e finire di cuocere.

    Mantecare infine con un pò di parmigiano reggiano.

  3. Per decorare ho utilizzato un fico d’india fresco che ho tagliato a fettine, lasciando questa volta i semi e qualche fogliolina di menta del nostro terrazzo.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da dolcegiuridica

Studentessa di Giurisprudenza appassionata di cucina , ma soprattutto dolci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.