Crea sito

Cucinare è passione

SPONGATA NATALIZIA

SPONGATA NATALIZIA

L SPONGATA NATALIZIA

La spongata è uno dei più antichi dolci natalizi.E’ diffusa in Emila, nel Parmense sono ben note la spongata di Busseto e di Brescello. Con piccole varianti lo stesso dolce si ritrova in Liguria, a Sarzana, e in Lombardia, a Crema, dove prende il nome di “spungarda”. Si hanno notizie della spongata già nel XV secolo. Ma le origini sono ancora più antiche e vanno ricercate nella cucina romana.

Il dolce tradizionale di Parma è la spongata; ha la forma rotonda e schiacciata rivestita esternamente di pasta frolla e costituita internamente da uno speciale ripieno, di color bruno, composta da miele,mandorle, pinoli, frutta candita,cedro, arancia, uvetta, mostarda, marmellata, pane biscotto polverizzato. E’ il dolce di Natale che si conserva più a lungo.Nel 1454 abbiamo il primo documento storico che si riferisce alla Spongata. Infatti, in una lettera che il Referendario Generale di Parma dirige al Duca Francesco Sforza, in accompagnamento dei regali con i quali gli ufficiali allora mantenevano le grazie dei loro signori, si parla della “Spongata”.

INGREDIENTI per 6 persone

per la frolla:

250 gr di farnia

80 gr di burro

80 gr di zucchero

2 tuorli di uovo

1 pizzico di sale

vino bianco

 

per il ripieno:

50 gr di nocciole tostate

50 gr di noci sgusciate

50 gr di mandorle spellate e polverizzate

50 gr di pinoli

80 di uvetta

50 gr di scorza di arancia candita

50 gr di cedro candito

un frutto della mostarda

1 cucchiaio di liquido della mostarda

150 gr di miele

3 cucchiai di marmellata (melacotogna o prugne)

50 gr di pane biscottato polverizzato

1 bicchierino di brendy

noce moscata

1 cucchiaino di cannella in polvere

1 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere

PREPARAZIONE

Ottenere il pane biscottato mettendo in forno del pane comune non condito finchè non diventa duro e friabile come un biscotto. Quindi frullate separatamente le mandorle,e il pane biscottato.

Tritate grossolanamente le noci, le nocciole, e i canditi e la mostarda. Mettete l’ uvetta a bagno in acqua tiepida per un’ ora, poi scartate l’ acqua e rimettetela a bagno nel brandy.

Scaldate il miele e, quando inizierà a bollire, aggiungete tutta la frutta secca, i pinoli, le mandorle in polvere, il pane biscottato polverizzato, l’ uvetta con il brandy la cannella i chiodi di garofano in polvere, il liquido della mostarda, la marmellata. Amalgamare bene e lasciate riposare, ben coperto, per 24 ore.

disponete la farina a fontana, mettete al centro lo zucchero, il burro ammorbidito e tagliato a dadini, i tuorli,il sale. Impastare aggiungendo il vino necessario per ottenere un impasto sodo.Fate riposare la frolla in frigo per almeno 1 ora.

ss 003

stendete con il mattarello poco più di metà frolla e formate un disco sottile con il quale rivestite una teglia imburrata e infarinata.Versate il ripieno che avete preparato.

ss 004

ss 005

ss 008

ss 009

Livellate e ricoprire con il resto della frolla tirata a disco. Chiudere bene il bordo, bucherellate la superficie e cuocete in forno caldo a 180 gradi per circa 40 minuti.

ss 015

Fate raffreddare la spongata e poi spolverizzate con zucchero a velo.

Io vi consiglio di mangiarla almeno dopo due giorni

ss 020